I Memecoin sono il futuro? Ecco 5 che non puoi farti scappare

Sandra Giuliano

Esperta in Finanza personale, Trading e Investimenti


Il mercato delle criptovalute sta vivendo un momento difficile. Alcune delle maggiori criptovalute per capitalizzazione come Bitcoin, Ethereum e Solana non riescono a recuperare quanto perso da metà novembre in poi. 

Tuttavia, molti crypto trader credono che prima o poi ci sia un grande rimbalzo che faccia tornare tutto com’era prima. Approfittando dei prezzi bassi si dovrebbe far crescere il proprio crypto wallet e, in questo contesto, alcuni meme coin iniziano ad attirare l’attenzione di migliaia di investitori in tutto il mondo.

5 Memecoin che non puoi farti scappare

Se anche tu sei interessato ad investire in Shiba, Dogecoin e altri, questa notizia è perfetta per capire quanto e come potrebbero andare nei prossimi mesi. 

1. Shiba Inu (SHIB)

Shiba non sta attraversando un periodo felice. Attualmente è in calo del 56% rispetto al suo massimo storico di $ 0,00008616, raggiunto verso la fine di ottobre. Tuttavia, si tratta di un calo fisiologico che potrebbe chiamare un forte rimbalzo quando il mercato delle cripto si riprenderà. 

Devi sapere che Shiba è, insieme a Dogecoin, il memecoin con maggiore capitalizzazione sul mercato. Dietro a Shiba Inu c’è una community di persone che sviluppano progetti e milioni di utenti (la SHIBARMY) che si interessano al suo andamento quotidianamente.

Inoltre, dopo aver creato lo ShibaSwap e un marketplace di NFT, una delle ultime notizie su Shiba è lo sviluppo di un videogioco che arriverà nel 2022. 

2. Dogecoin (DOGE)

Anche Dogecoin sta soffrendo del bear market di questo periodo che ha ridotto il suo valore del 32,5% rispetto al mese scorso. Come Shiba, anche Dogecoin ha una community di appassionati ed è sostenuta dalla persona più ricca del mondo: Elon Musk.

Recenta la news riguardo a una collaborazione con SpaceX per far diventare Dogecoin la prima criptovalute nello spazio. La pagina Reddit di Dogecoin ha attualmente 2,2 milioni di abbonati. 

3. CumRocket (CUMMIES)

Sebbene secondo CoinMarketCap il valore di CUMMIES sia aumentato del 15%, questa percentuale è da valutare insieme ad un calo del 17% negli ultimi sette giorni e un calo del 59% nell’ultimo mese

Il grafico di CUMMIES è probabilmente quello meno equilibrato dei memecoin. Infatti, presenta oscillazioni continue negli ultimi mesi. 

Ciononostante, sembra che il memecoin possa avere delle buone prospettive in futuro. Attualmente è presente su Binance Smart Chain, mentre la piattaforma CumRocket consente di pagare per l’acquisto di contenuti per adulti utilizzando CUMMIES oppure NFT. 

4. SPELL 

Anche SPELL soffre dell’ultimo mese, disastroso per la maggior parte delle cripto. Si registra una diminuzione del 34% negli ultimi 30 giorni. 

Sebbene probabilmente sia il memecoin meno famoso di questa lista, si tratta del token di governance per la piattaforma DeFi Abracadabra.money basata su Ethereum. Gli utenti della piattaforma hanno come obiettivo quello di creare MIM, una stablecoin che è ancorata al dollaro statunitense. 

5. Baby Doge (BABYDOGE)

BABYDOGE è davvero uno degli ultimi memecoin arrivati nel settore delle criptovalute. Le sue prestazioni nell’ultimo mese registrano una diminuzione del 47%

A differenza di Dogecoin, BABYDOGE è un token con una fornitura limitata e proprio per questo motivo potrebbe diventare abbastanza diffuso nel lungo termine, incontrando un costante aumento della domanda.

Tuttavia, BABYDOGE ha una community decisamente più piccola rispetto a Dogecoin con soli 8.500 membri attivi su Reddit


Sandra Giuliano

Esperta in Finanza personale, Trading e Investimenti

Esperta di Economia, Trading, Investimenti e Finanza Personale. Laureata nel 2008 in Economia aziendale e management all'Università Bocconi di Milano collaboro con Finaria dal 2013 con l'intento di divulgare la mia conoscenza e le mie esperienze personali e lavorative nel campo della trading e degli investimenti in generale.

Esperta di Economia, Trading, Investimenti e Finanza Personale. Laureata nel 2008 in Economia aziendale e management all'Università Bocconi di Milano collaboro con Finaria dal 2013 con l'intento di divulgare la mia conoscenza e le mie esperienze personali e lavorative nel campo della trading e degli investimenti in generale.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *