La Top 10 delle criptovalute più volatili e come investire

Scopri gli asset ad alta speculazione

Criptovalute più volatili

Criptovalute e volatilità non sono sempre un binomio vincente e per questo motivo vogliamo fornirti tutte le informazioni e le analisi utili a capire quali sono le criptovalute più volatili sulle quali conviene puntare.

Ti hanno detto che investire in criptovalute significa puntare sulla loro volatilità? Ovviamente si tratta di una regola generale.

In questo approfondimento, dunque, non ci limiteremo semplicemente a fornirti una lista completa degli asset più volatili.

Vogliamo anche metterti in grado di investire nel modo più sicuro e avveduto possibile, motivo per cui ci concentreremo anche e soprattutto sulle criptovalute più volatili che vale effettivamente la pena comprare.

Il primo passo, tuttavia, è sempre quello di far capo ad un intermediario finanziario affidabile e attento alle esigenze degli utenti alle prime armi.

Se stai pensando che aprire un conto di investimenti sia un’operazione lunga e piena di passaggi complessi, allora è giunto il momento di ricredersi.

Seguendo la procedura sottostante, infatti, potrai registrarti su eToro in meno di 5 minuti. E non dovrai attendere altro tempo. Una volta aperto il conto potrai a tutti gli effetti operare sui mercati finanziari.

  1. Registrati a eToro;
  2. Fai pratica con il tuo conto demo;
  3. Deposita il denaro sul tuo account di trading;
  4. Cerca fra gli strumenti le criptovalute più volatili, prova il copy trading e le altre funzionalità;
  5. Seleziona l’importo, imposta stop loss o take profit e procedi con la tua strategia.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Criptovalute più volatili – Le migliori piattaforme

=
BitcoinBitcoin
Ordina per

7 Fornitori che corrispondono ai tuoi criteri

Metodi di pagamento

Caratteristiche

Fruibilità

Support

Commissioni

1 o meglio

Sicurezza

1 o meglio

Seleziona valuta

1 o meglio

Valutazione

1 o meglio
Broker consigliato
154 Nuovi utenti oggi

Valutazione

per € 1000 ricevi
0.0235BTC
Cosa ci piace
  • Trading di criptovalute reali e CFD di criptovalute
  • Broker autorizzato con assicurazione sui depositi
  • Wallet integrato
Commissioni
Sicurezza
Seleziona valuta
Caratteristiche
Verifica istantaneaPer principiantiServizio di portafoglioApp mobile
Metodi di pagamento
Carta di creditoGiropayNetelerPaypalBonifico SEPASkrillSofort
154 Nuovi utenti oggi
per €1000 ricevi
0.0235 BTC

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Valutazione

per € 1000 ricevi
0.0234BTC
Cosa ci piace
  • Conto demo illimitato
  • MetaTrader 5
  • Spread e commissioni trading contenuti
Commissioni
Sicurezza
Seleziona valuta
Caratteristiche
Per principiantiApp mobile
Metodi di pagamento
Carta di creditoGiropayNetelerPaypalBonifico SEPASkrillSofort
per €1000 ricevi
0.0234 BTC

Il 74% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore. Dovresti valutare se sei in possesso delle conoscenze sul funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di affrontare l'elevato rischio di perdere i tuoi soldi.

Valutazione

per € 1000 ricevi
0.0235BTC
Cosa ci piace
  • Acquisto reale di oltre 380 criptovalute
  • Strumenti finanziari crypto a 360 gradi
  • Wallet integrato
Commissioni
Sicurezza
Seleziona valuta
Caratteristiche
Verifica istantaneaPer principiantiApp mobile
Metodi di pagamento
Carta di creditoBonifico SEPA
per €1000 ricevi
0.0235 BTC

Investire in criptovalute espone gli utenti ad un mercato molto volatile, considera se sei nella condizione di poter perdere denaro

Criptovalute più volatili – Comparazione piattaforme

Broker consigliato
eToro
visitare ora

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Libertex
visitare ora

Il 74% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore. Dovresti valutare se sei in possesso delle conoscenze sul funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di affrontare l'elevato rischio di perdere i tuoi soldi.

Binance
visitare ora

Investire in criptovalute espone gli utenti ad un mercato molto volatile, considera se sei nella condizione di poter perdere denaro

Valutazione
5.0
5.0
4.5
Valutazione dell'app mobile
9/10
8/10
10/10
App mobile
Portafoglio
Numero di monete
1285934
Commissione di trading
SpreadSpread0.1%
Commissioni di deposito
€0€01.8%
Commissioni di prelievo
$5€11% o €1,50
Regolamentato
Cysec & FCAN/AN/A
Deposito minimo
$50$100€0.01
Trading con leva
N/AN/AN/A
Bitcoin
€42504.25€42670.00€42590.71
Ethereum
€3668.40€3625.20€3613.89
XRP
€0.72€0.70€0.70
Tether
€0.88N/AN/A
Litecoin
€135.33€133.47€133.50
Bitcoin Cash
€397.88€395.54€392.60
Chainlink
€16.64€16.67€16.70
Cardano
€1.20€1.18€1.17
IOTA
€0.94€0.92€1.58
Binance Coin
€497.91€486.49€486.00
Stellar
€0.24€0.24€0.23
Bitcoin SV
€106.48€105.85N/A
USD Coin
€0.89N/AN/A
EOS
€2.67€2.62€2.60
Monero
€174.10€174.79N/A
Credit Card
Giropay
Neteller
Paypal
Sepa Transfer
Skrill
Sofort

Criptovalute più volatili in assoluto: La Top 10

Come ti abbiamo detto, non sempre le criptovalute più volatili in assoluto sono anche quelle più convenienti. Anzi, queste raramente coincidono e la maggior parte delle volte le vere offerte si trovano proprio in mezzo.

Per quale motivo?

Devi considerare che la volatilità non è affatto un valore assoluto. Si tratta semplicemente della misurazione dell’ampiezza delle oscillazioni dei prezzi in una data unità di tempo e, per questo motivo, non direttamente correlata al potenziale finanziario di un asset.

Nel mercato delle criptovalute la volatilità ricopre un ruolo centrale in quanto gli altri due fondamentali finanziari sono meno stabili rispetto agli altri settori finanziari. Ma approfondiremo meglio questo aspetto nei paragrafi successivi.

Prima della teoria, infatti, diamo un’occhiata alla pratica. A seguire ti mostreremo una lista completa delle criptovalute con la volatilità di mercato più elevata:

1. Lisk (LSK)

Criptovalute più volatili LSK

Lisk si inserisce all’interno dell’enorme lista di criptovalute che, a partire dal 2016, si sono poste come concorrenti e potenziali alternative a Ethereum. Ovviamente, e vedremo perché, senza successo.

Lisk, infatti, puntava alla creazione di un ecosistema che si reggesse esclusivamente sulla blockchain LSK, puntando non solo a favorire lo sviluppo di dApps e progetti DeFi, ma anche a supportare progetti alternativi in seno all’universo blockchain. Dagli NFT token fino ai progetti di cloud storage.

Un obiettivo ambizioso che Lisk si propone di raggiungere attraverso una blockchain modulare, ovvero una blockchain che permette all’algoritmo di sviluppare contemporaneamente anche variazioni flessibili.

Ma, come è facilmente intuibile, il progetto era ambizioso troppo in anticipo sui tempi. Ecco perché la blockchain non riuscì a supportare a pieno tutte le transazioni e, soprattutto, non riuscì a scremare i blocchi orfani.

Ecco perché oggi Lisk è la prima criptovaluta per volatilità: gli utenti non vi ripongono fiducia e i volumi di trading sono bassi, portando il valore di Lisk a dipendere effettivamente da ogni singola variazione di mercato.

2. 404Coin (404)

Criptovalute più volatili 404

404Coin è a tutti gli effetti una shit-coin. Non tanto per quanto riguarda il protocollo e l’agoritmo del progetto quanto, piuttosto, per le premesse del progetto.

Il 404, infatti, non è un riferimento al classico “404 error” quanto piuttosto all’intenzione dei progettisti della criptovaluta di creare un asset che avesse un ROI del 404%.

Si tratta semplicemente di un progetto stupido in quanto il ROI di una crypto non è affatto un dato che può essere scelto dagli sviluppatori nè, tantomeno, scriptato in una valuta digitale. Non sorprende, dunque, che 404 coin non solo non sia riuscita ad ottenere il suo obiettivo.

Al contrario le frequenti oscillazioni della crypto la posizionano al secondo posto tra gli asset più volatili e sono un segnale evidente del fatto che su 404 vengano condotti esclusivamente operazioni speculative.

Non vi sono, in altre parole, posizioni capaci di supportare realmente il progetto.

3. Gnosis (GNO)

Criptovalute più volatili GNO

Non soprende che il terzo posto viene occupato da Gnosis (GNO), un progetto ambizioso strutturato a partire dalla blockchain Ethereum e che si prefigge l’obiettivo di creare servizi decentralizzati dedicati alle previsioni finanziarie.

In particolar modo Gnosis punta a fornire la base necessaria allo sviluppo di dApps nel settore, biforcando il proprio protocollo su due diversi token:

  • GNO, utilizzato per supportare le transazioni e gli smart contracts;
  • OWL, che invece svolge la funzione di moneta interna, utile non solo alla generazione di smart contracts ma all’alimentazione di tutta la rete.

La particolare volatilità di questa criptovaluta è connessa alla natura stessa del settore in cui opera: il mercato delle previsioni finanziarie, infatti, non è stabile come potrebbe sembrare e la natura degli scambi che lo interessano sono estremamente varie.

A questo si aggiunge il fatto che i token GNO sono stati interessati inizialmente da una ICO di particolar successo ma in seguito hanno visto oscillazioni nei volumi e nell’interesse significativo.

Complessivamente, dunque, si tratta di un progetto interessante ma che ancora non ha convinto a pieno il mercato e, di conseguenza, è lontano dal raggiungere una soglia di stabilità discreta.

4. Starbase (STAR)

Criptovalute più volatili STAR

Starbase è una criptovaluta che si è sviluppata sull’onda delle febbri da ICOs nel 2010. Permetteva, infatti, di accedere facilmente alle ICO delle principali criptovalute emergenti e, attraverso la mediazione dei token STAR, creare un portafogli in modo semplice e veloce.

Tuttavia nel 2020 il mercato delle ICO fu pesantemente regolamentato e completamente assorbito dai principali exchange di criptovalute e questo ha messo in pesante crisi il progetto Starbase.

Al momento gli sviluppatori stanno lavorando ad una Roadmap 2.0 che convertirebbe Starbase in una vera e propria piattaforma di trading.

Ovviamente non si tratta di una trasformazione semplice e i mercati non approvano cambiamenti radicali come questi. Ecco perché da allora la volatilità di Starbase è sempre stata da record. E non sempre nel bene.

5. ByteCoin (BCN)

Criptovalute più volatili BCN

ByteCoin si presenta come il cugino più conveniente di Monero. Si tratta anche in questo caso di una criptovaluta P2P completamente anonima e sicura ma, a differenza di Monero, ByteCoin punta più all’aspetto finanziario e degli investimenti e meno a quello applicativo.

Cosa significa? Semplice. Che mentre Monero prevede un tps di tutto rispetto e risulta essere discretamente facile da utilizzare per gli scambi, ByteCoin prevede commissioni leggermente più alte e un transaction per second meno prestante.

Questo, tuttavia, viene compensato da un protocollo Proof of Work meno esigente. Dunque chiunque potrebbe minare ByteCoin.

La volatilità elevata della crypto è connessa proprio a questo scarto: produrre ByteCoin non è complesso, ma utilizzarli non è altrettanto immediato.

Allo stesso tempo, si tratta di una criptovaluta che punta ad un’utenza ristretta e ad un mercato altrettanto selettivo: gli scambi con BCN, così come quelli con Monero, infatti, si hanno prevalentemente nel deep web.

Ecco perché le oscillazioni dei prezzi del BCN sono significative: in primis è complesso monitorarne con precisione i reali volumi di scambio. In secundis l’attenzione da parte dei mercati ufficiali non è così elevata e i grossi investitori solitamente si rivolgono a Monero se vogliono inserire una crypto del genere nel proprio portafogli.

6. CVCoin (CVN)

Criptovalute più volatili CVN

CVCoin è una criptovaluta alla base dell’omonimo servizio di messagistica. Nato di recente, CVN permetterebbe a Crypviser di fornire elevati protocolli di sicurezza e rispetto della privacy dell’utente, andando ad eliminare i rischi di attacchi MITM (Man-In-The-Middle).

Questi si attacchi si verificano in seguito a fuga di informazioni dai database centralizzati o alla manomissione degli stessi da parte degli enti che li controllano.

Crypviser elimina questo rischio semplicemente decentralizzando il database e, allo stesso tempo, scollegandolo dallo storage dei dati veri e propri. In questo modo si elimina non solo il rischio di una manomissione dei dati da parte degli organi di controllo quanto anche quello relativo agli attacchi informatici.

CVCoin mantiene al momento un’elevata volatilità di mercato anche perché la piattaforma è molto giovane e CVN è stato quotato su exchange minori solo nel Gennaio 2021. Questo significa che l’asset non ha ancora raggiunto una stabilità tale da stabilirsi su un valore medio costante.

7. Steem Backed Dollars (SBD)

Criptovalute più volatili SBD

Steem è una criptovaluta social che strizza l’occhio ai sistemi di monetizzazione propri dei big del settore (da Facebook a Twitter). A differenza di questi, Steem si regge su un sistema blockchain e, quindi, completamente decentralizzato.

SBD parte come token il cui valore verrebbe fissato su quello del dollaro americano. Tuttavia è una caratteristica che è durata poco anche in virtù dei diversi meccanismi che differenziano la determinazione del valore di una valuta FIAT e di una crypto.

Il token viene utilizzato internamente alla piattaforma Steem e viene elargito ai suoi membri come “ricompensa di popolarità. Steem, infatti, è una piattaforma di condivisione e più un contenuto viene condiviso e ottiene reazioni dagli altri utenti e maggiore è la ricompensa di SBD riconosciuta all’autore del post.

Come abbiamo detto, SBD parte come stable-coin interna a Steem. Ma il valore del token manca il suo obiettivo dapprima nel 2017 e poi dal 2020.

Questo ha portato ad una volatilità senza precedenti, con SBD che si è dimostrato capace di raddoppiare o dimezzare il proprio valore nell’arco di sole 24ore.

8. Dentacoin (DCN)

Criptovalute più volatili DCN

Dentacoin, come il nome fa intuire, è una criptovaluta che ha come protagonisti i denti. Si tratta di una dApps che si sta imponendo specialmente in Asia e che ha come obiettivo quello di promuovere una migliore cura e attenzione per l’igiene dentale.

Attraverso la struttura di Dentacoin (che si appoggia alla blockchain Ethereum), dunque, i pazienti possono accedere ad applicazioni che permettono loro di organizzare una maggiore cura dei propri denti e essere ricompensati in DCN in seguito al raggiungimento di determinati obiettivi o sondaggi.

I DCN possono essere poi spesi per interventi presso gli studi dentistici che aderiscono al progetto.

Un progetto che al momento raccoglie oltre 2.000 dentisti e 143mila utenti, la metà dei quali nel contintente asiatico.

La volatilità elevata del progetto viene a dipendere per lo più dalla giovane età. Le applicazioni che si sono sviluppate a partire dalla proposta di Dentacoin sono ancora poche e la localizzazione del mercato preclude al token l’accesso a grossi investimenti.

9. Pepe (MEME)

Criptovalute più volatili MEME

PepeCoin è la criptovaluta che alimenta la piattaforma Kekdaq. Si tratta di un progetto che, come il tycker del token lascia intuire, ruota integralmente sulla produzione e commercializzazione di memes.

Diversamente da progetti più moderni, Pepecoin non è un NFT token quanto, piuttosto, una criptovaluta P2P per le transazioni interne a Kekdaq. Questo permette ai meme di essere protetti tanto da atti di censura quanto da pirateria e appropriazione illecita.

La volatilità di Pepecoin è tra le più elevate dell’intero settore in quanto, per quanto l’idea di base sia più che valida, allo stesso tempo si affida ad un processo già vecchio e superato dalla community.

Questo fa sì che i volumi restino relativamente bassi e, di conseguenza, i prezzi siano fortemente influenzati tanto dalle evoluzioni del mercato criptovalutario quanto dalle singole transazioni interne.

10. Time (TIME)

Criptovalute più volatili TIME

Time è la criptovaluta che alimenta la piattaforma di Chrono.tech, un progetto nato a Sydney che si propone l’obiettivo di facilitare l’accesso al mondo del lavoro e i rapporti di collaborazione o di dipendenza.

Attraverso Dapps come LaborX, infatti, Chrono.tech permette di semplificare i rapporti tra clienti e freelancers sfruttando gli smart contracts e il token TIME per l’esecuzione dei pagamenti e delle varie transazioni.

Il motivo per cui Time ancora non ha raggiunto un livello di stabilità sufficiente è connesso prevalentemente al fatto che il progetto per ora fatica a superare i confini australiani. Il sistema di pagamenti di Time, infatti, si regge quasi esclusivamente sullo stable-coin connesso al dollaro australiano (AUDT).

Il fatto che TIME operi ancora su un mercato particolare e localizzato ne lega le sorti all’utilizzo ristretto. Ecco perché le oscillazioni del mercato del lavoro australiano provocano fluttuazioni di volatilità esponenzialmente più marcate.

Leggi pure
Ethereum Wallet: i Migliori a Confronto e Come Usarli

Investire sulle criptovalute più volatili: le migliori piattaforme

Come ti abbiamo detto, le criptovalute più volatili in assoluto sono asset fortemente instabili e sui quali è complesso investire. Difatti si tratta di token che non sono inseriti nei listini dei principali intermediari finanziari: la loro posizione di mercato è troppo incerta e non vi sono garanzie che possano sopravvivere a lungo.

Per questo motivo in seguito ti forniremo anche una top 5 delle migliori criptovalute più volatili sulle quali potrai effettivamente operare.

Infatti non ti consigliamo minimamente di muoverti alla cieca e affidarti agli exchange decentralizzati (i DEX) a meno che tu non abbia già un bel po’ di esperienza nel settore. Se parti da zero quello che ti serve è un intermediario finanziario affermato che sappia tutelare i tuoi interessi.

Ecco perchè abbiamo fatto questa importante distinzione. A seguire ti vogliamo descrivere nel dettaglio le offerte di due tra le migliori piattaforme per investire in criptovalute più adatte ad un principiante.

eToro

eToro svolge tanto le funzioni di broker, permettendoti di accedere al trading sulle criptovalute con derivati finanziari, quanto di exchange per l’acquisto reale di criptovalute.

Il motivo per cui questa piattaforma è in cima alla nostra lista è semplice. Grazie agli strumenti che eToro ti offre gratuitamente, infatti, potrai risolvere uno dei principali problemi che riguardano le criptovalute più volatili: la scarsità di informazioni professionali e attendibili.

Con il Social Trading di eToro, infatti, avrai a tua disposizione una serie di aggiornamenti periodici e comuicazioni sugli asset che il broker ti mette a disposizione.

Non sai quali sono le ultime novità su una criptovaluta e non trovi informazioni online?

Con il Social Trading potrai risolvere facilmente questo problema, oltre a scoprire anche cosa ne pensano gli esperti delle evoluzioni più recenti del mercato.

Considerando che l’offerta di criptovalute di eToro è in costante espansione, aprire un conto sulla piattaforma ti garantisce un ottimo punto di partenza.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Binance

Binance logo

Binance, al contrario di eToro, rende possibile il solo acquisto diretto di criptovalute. Si tratta, infatti, del principale exchange al mondo, tanto per volumi di scambio quanto per liquidità media.

Ti consigliamo di iniziare su Binance in particolar modo per il fatto che la piattaforma agevola i nuovi utenti tramite:

  • Un programma di cashback sul token proprietario, il Binance Coin
  • Bonus sugli scambi e sui primi depositi in costante aggiornamento

A questo si aggiunge un listino di crypto su cui investire estremamente vasto e variegato, comprensivo anche di alcuni tra gli NFT più famosi.

Una piattaforma monotematica, ma estremamente organizzata e ricca di opportunità.

Le criptovalute più volatili sulle quali conviene investire: La Top 5

Ora che sai quali sono le principali piattaforme che ti consigliamo, possiamo procedere e prendere in considerazione le criptovalute più volatili sulle quali conviene realmente investire.

Si tratta di asset che, rispetto ai 10 nominati in precedenza, hanno reali possibilità di espandersi e guadagnarsi una solida posizione di mercato, senza per questo rinunciare a forti oscillazioni di prezzo.

La volatilità di una criptovaluta, infatti, è un vantaggio se e solo se questa riesce a imporsi sul mercato. Detto altrimenti, è necessario distinguere tra:

  • Volatilità buona, ovvero quella che deriva da una forte attenzione speculativa o da un significativo percorso di crescita
  • Volatilità cattiva, che viene a dipendere, invece, da volumi di scambio talmente tanto scarni che una minima variazione degli stessi si riflette esponenzialmente sulla quotazione dell’asset

A seguire troverai le 5 criptovalute con la miglior volatilità buona.

Axie Infinity

Axie Infinity è una piattaforma GameFi munita di un marketplace di NFT token. Si tratta di una realtà che ha iniziato a catturare l’attenzione degli investitori solo nel 2021 ma che, grazie ad una struttura play to earn efficace, è riuscita efficacemente a cavalcare l’onda del successo senza farsi sommergere.

Gli NFT token di Axie Infinity hanno quotazioni varie che sono comunque interessati da ottimi livelli di volatilità. Per questo motivo, sebbene si tratti di una criptovaluta sui generis, rappresenta comunque un investimento interessante.

Attualmente il modo migliore per comprare Axie Infinity è sia far riferimento ai singoli NFT e speculare sull’oscillazione del loro valore nel tempo, sia acquistare il governance token della piattaforma: AXS.

In entrambi i casi, la piattaforma più sicura che ti permette di farlo è Binance.

Fantom

Fantom è una piattaforma interessante in quanto non si regge su un sistema blockchain bensì su DAG (Directed Acyclic Graph) che supporta 3 diverse blockchain.

In questo modo non si viene a concentrare la potenza di calcolo della rete in un unico registro ma si permette lo sviluppo indipendente e scalabile di reti indipendenti dello stesso ecosistema.

Si tratta, dunque, di un progetto decisamente ambizioso che per ora supporta un token ERC20, FTM, sebbene i protocolli del consenso siano diversi da quelli della rete Ethereum.

Il fatto che Fantom comunque integri la Ethereum Virtual Machine ne ha favorito l’espansione e l’affermazione sul mercato. I livelli di volatilità si mantengono elevati in virtù della costante evoluzione della piattaforma.

Tuttavia non si tratta affatto di una criptovaluta fortemente instabile: Fantom si è già conquistata una posizione sul mercato ed è stata rafforzata da non pochi investimenti di consolidamento.

Solana

Solana è stata la rivelazione dell’Autunno 2021. Una crypto già affermata sul mercato ma resa ulteriormente celebre (e volatile) dall’annuncio di una serie di progetti rivoluzionari.

Con l’annuncio dei lavori su OpenEra e l’implementazione del tps (transaction per second) di Solana, infatti, la rete ha ampliato le proprie partecipazioni ed è stata quotata presso le più famose piattaforme al mondo.

Questo ha provocato dei picchi di volatilità che, secondo gli esperti, si prolungheranno per tutto il 2022.

In questo modo comprare Solana si prospetta come un’attività proficua non solo per gli investitori sul lungo periodo ma anche e soprattutto per i trader.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Polygon

Polygon rientra tra le criptovalute emergenti più interessanti e non è affatto una sorpresa che si presenti nella top 5 anche di questa categoria. Di fatto MATIC permette la creazione di una rete cross-chain a servizio di tutte le dApps.

In questo modo lo sviluppo di applicazioni pratice della Finanza Decentralizzata (DeFi) può avvalersi di un sistema che renda supportate le transazioni con criptovalute dalla blockchain anche molto diversa.

La volatilità di MATIC è connessa prevalentemente alla sua capacità di influire sull’intero settore e, di conseguenza, le quotazioni dell’asset oscillano frequentemente in base ai vari trend che interessano il mercato criptovalutario.

Come per Solana anche in questo caso si tratta di un titolo che si presta a qualsiasi tipo di operazione. Comprare Polygon (MATIC), dunque, è consigliato sia a chi punta al trading speculativo sia a chi, invece, ha nei propri obiettivi la costruzione di un portafogli di investimento sul lungo periodo.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

The Sandbox

The Sandbox è un’altra realtà in rapida crescita connessa al mondo del GameFi. Attraverso questa criptovaluta, infatti, si renderebbe possibile convertire in play to earn la propria esperienza di gioco su qualsiasi piattaforma connessa o basata sulla blockchain di Ethereum.

Non si tratta soltanto di un marketplace per NFT ma anche di un ecosistema completo che punta ad abbracciare i vari aspetti del gaming.

Così come per Axie Infinity, la volatilità di The Sandbox è strettamente correlata all’incredibile picco di volumi che il settore ha iniziato a registrare da inizio 2021.

Non un indice di instabilità (giacché The Sandbox è da tempo affermata sul mercato) quanto piuttosto un chiaro segnale di una costante espansione di mercato che punta a portare le quotazioni dell’asset verso nuove vette.

Comprare The Sandbox è possibile prevalentemente tramite Binance, sia per quanto riguarda il governance token, il SAND, sia per quanto gli NFT.

Investire sulle criptovalute più volatili conviene?

Una volta prese in considerazione quelle che sono le criptovalute più volatili presenti sul mercato, non resta da valutare l’effettiva convenienza di questo tipo di investimento.

Ti abbiamo già presentato la distinzione fondamentale tra volatilità buona e volatilità cattiva. Non resta da vedere in che modo queste possono essere convertite in profitti.

La prima cosa da fare è comprendere che una criptovaluta volatile è allo stesso tempo fonte di opportunità e di rischi.

La volatilità individua l’ampiezza dell’oscillazione delle quotazioni dell’asset in una determinata unità di tempo.

Riuscire a individuare la direzione dominante della volatilità permette di chiudere un’operazione in profitto, mentre se il trend dovesse rivelarsi contrario, le perdite possono essere anche significative.

Dunque, per comprendere se questo tipo di investimenti può essere conveniente o meno devi prima capire se sei in grado di realizzare l’analisi e la gestione del rischio necessari.

Il nostro consiglio in questo caso è di prestare attenzione a quanto ti diremo nei due prossimi paragrafi e di metterlo dapprima in pratica su un conto demo. Una simulazione di trading con denaro virtuale il cui scopo è quello di farti familiarizzare con il settore senza rischiare nulla.

Sfruttare a pieno il conto demo è indispensabile se intendi investire sulle criptovalute più volatili preservando il tuo denaro.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Analizzare le criptovalute più volatili sui grafici

Per analizzare le criptovalute più volatili dovrai necessariamente avvalerti dei grafici e di quella che viene comunemente indicata come analisi tecnica o analisi discrezionale.

Lo studio dei fondamentali della criptovaluta ti può aiutare a comprendere se a distanza di qualche anno questa può effettivamente mantenere la sua posizione di mercato o meno, ma è innegabile che la volatilità di fatto annulla qualsiasi risultato fondamentale nel breve periodo.

Sebbene, ad esempio, nessuno metta in dubbio che Ethereum raggiungerà risultati notevoli entro il 2025, la volatilità dell’ETH è tale che nel breve periodo possono comunque verificarsi flessioni negative in doppia cifra.

L’unico modo per prevenire che queste possano far andare in rosso il tuo portafogli, dunque, è quello di studiare attentamente i grafici.

Qui sotto ti forniamo un esempio concreto: si tratta del grafico di Ethereum con applicato un indicatore di trading utile a monitorare la volatilità, le Bande di Bollinger.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Come puoi vedere, non appena queste iniziano a presentare un rigonfiamento, hai un chiaro segnale che l’asset sta per affrontare un trend dominante e un’oscillazione dei prezzi ottimale per un investimento.

La direzione del trend ti viene indicata dall’interazione della linea mediana delle Bande con le candele del grafico, permettendoti di entrare tempestivamente sul mercato e, allo stesso tempo, avere un’idea dei livelli di gestione del rischio.

Come puoi vedere, infatti, i livelli inferiori e superiori delle Bande di Bollinger svolgono la funzione di Supporti e Resistenze del trend in atto, andando a segnalarti quei valori minimi che non devono essere sfondati affinché il trend continui.

Ma questo aspetto ti sarà più chiaro nel paragrafo seguente.

Leggi pure
DigitalBits (XDB): Quotazione, Analisi e Migliori Broker 2021

Come gestire il rischio sulle criptovalute più volatili

La gestione del rischio è l’altra faccia della medaglia necessaria affinché il tuo investimento vada in porto. Il principio è semplice: maggiore è la volatilità e più bravo/a devi essere a gestire il rischio.

Per quanto riguarda gli investimenti la gestione del rischio si determina prevalentemente attraverso due strumenti:

  • Lo Stop Loss, il quale individua le perdite massime che sei disposto a registrare;
  • Il Take Profit, che segna la quotazione target del trend in atto.

Dinanzi a criptovaltue volatili la gestione del rischio diventa delicata proprio in quanto questi due valori devono prendere in considerazione la violenza delle oscillazioni dei prezzi e la loro ampiezza media.

Livelli troppo corti rischiano, infatti, di provocare una prematura chiusura dell’operazione. Allo stesso modo livelli troppo ampi ti espongono a rischi eccessivi.

La regola generale vuole che il rapporto tra rendimento e rischio potenziale sia di almeno 3:1 ma, ovviamente, in presenza di asset volatili come quelli presi in questione, spesso ti troverai nella situazione di dover scendere a compromesso.

Nell’immagine qui sotto puoi vedere un esempio delle considerazione fatte per ricavare i livelli di gestione del rischio:

Criptovalute più volatili e gestione del rischio

Come puoi vedere, dunque, i livelli di gestione vengono ottimizzati sulla base dei risultati precedenti della crypto e commisurati in ogni caso al suo livello di volatilità.

Leggi pure
Comprare Polkadot: Conviene? Come e Dove investire sulla Criptovaluta

Criptovalute più volatili: Conclusioni

In conclusione le criptovalute più volatili sono gli asset con maggiori potenzialità ma allo stesso tempo più rischiosi.

Per questo motivo ai principianti è sconsigliato di affidarsi agli asset più volatili in assoluto ma partire da quelli che almeno presentano una situazione di mercato più stabile.

In ogni caso per questa categoria di titoli più che mai diventa necessario affidarsi a intermediari finanziari di qualità. Come ti abbiamo detto, infatti, dovrai poter contare su:

  • Sicurezza e affidabilità, specie nell’esecuzione e chiusura degli ordini;
  • Grafici di trading avanzati;
  • Strumenti di analisi affidabili;
  • Offerte extra di ausilio all’investimento.

Una volta che ti sarai garantito questo e avrai accumulato sufficiente esperienza sul conto demo, investire sulle criptovalute più volatili si rivelerà un’operazione non solo conveniente ma anche molto gratificante.

5

Broker eToro – Opinioni e Recensione: la Nostra Guida

  • 0% commissioni su azioni ed ETF
  • Social trading
  • Più di 12 milioni di utenti
il 67% degli investitori perde denaro con il trading di CFD

Criptovalute più volatili – Domande Frequenti

Come investire nelle criptovalute più volatili?

Investire sulle criptovalute molto volatili richiede offerte e condizioni di trading ben precise. Per questo motivo il consiglio è quello di affidarsi ai migliori broker di trading online o ai principali exchange di criptovalute.

Le criptovalute più volatili sono rischiose?

La volatilità comporta pari potenzialità di profitto e di rischio. Ovviamente più prezzi sono instabili in una data unità di tempo e più gli investimenti si fanno rischiosi. Per questo motivo è necessario analizzare attentamente questi asset.

Conviene comprare le criptovalute più volatili?

Se si è in grado di compiere una attenta analisi e un settaggio corretto degli strumenti di gestione del rischio, il trading in criptovalute molto volatili risulta essere decisamente conveniente.

condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *