Conto CFD: Cosa sono e Come Trarre Profitto Senza Rischi

Cos'è un Conto CFD? Come funziona un Conto CFD? Conviene fare trading con i CFD? Ecco una guida completa e i migliori broker

Lo sapevi che aprire un conto di trading CFD (contract for difference) è il primo step per iniziare a fare trading online sui mercati? Per un trader conviene operare con questo tipo di derivati, ma se non hai la giusta esperienza ci sono molte cose che devi conoscere.

In questa guida completa scoprirai tutto sul conto CFD. Ti spiegheremo meglio cos’è, come funziona un conto di trading CFD, quali i vantaggi e gli svantaggi di averne uno e soprattutto i migliori broker con i quali conviene aprire un conto di CFD online.

Quanto a quest’ultimo punto, ti suggeriamo fin da subito un ottimo broker: eToro. Non lo conosci? Provalo eseguendo i passaggi seguenti:

  • Apri un Conto CFD su eToro seguendo questo link;
  • Prova la piattaforma in versione demo (gratis);
  • Deposita il denaro sul tuo account di trading;
  • Cerca gli strumenti che ti interessano;
  • Seleziona l’importo che vuoi investire, imposta stop loss e take profit;
  • Apri la tua posizione di trading.

Cosa significa CFD?

CFD è un acronimo stante per Contracts For Difference, che in italiano puoi tradurre proprio nell’intuibile Contratti per Differenza. Si chiamano così per il modo in cui funzionano e che vedremo a breve.

I CFD sono entrati qualche anno dopo in Italia rispetto al paese nel quale sono nati: gli Stati Uniti. Eppure, hanno riscontrato subito un ottimo successo, accelerato nel tempo dai moderni strumenti tecnologici, che hanno facilitato l’accesso ai mercati finanziari.

Il CFD è un prodotto derivato, cioè uno strumento finanziario generato da un emittente (broker, banca, istituto) che non trova un controvalore reale. Piuttosto, i CFD replicano il valore (e l’andamento in borsa) di un altro asset, detto sottostante.

Ad esempio, il CFD sul titolo ENI replicherà il la quotazione delle azioni della compagnia petrolifera, ma non è la stessa cosa. Chi acquista contract for difference sul titolo ENI non è un azionista dell’azienda, ma ha in mano uno strumento di puro trading online per speculare.

Fatta questa piccola, doverosa premessa (approfondiremo tutto più in basso), passiamo a vedere cos’è un conto CFD.

Conto CFD: cos’è

Cos’è un Conto CFD? Si tratta di un conto di trading online basato proprio sui Contract for difference. I quali sono contratti standardizzati, e in virtù di ciò molto pratici e facilmente negoziabili.

conto trading cfd

Puoi dire addio a scartoffie e moduli da compilare e da firmare. Così come molto facile risulta concludere le operazioni sul conto CFD. Il tutto avviene senza la necessità di dover lasciare autorizzazioni o doverle chiedere.

Tutto avviene seduta stante, una volta che avrai aperto il trade decidendo. Ovvero, avrai deciso l’asset su cui puntare, l’importo da investire, la direzione su cui vuoi posizionarti (long o short) e altre decisioni che lo stesso broker ti chiederà di selezionare con uno schema molto semplice.

Questo almeno, se sceglierai di aprire un Conto CFD con il succitato eToro o altri broker che ti presenteremo più in avanti.

Dunque, ricapitolando, i CFD si contraddistinguono per tre fattori base:

  • praticità;
  • rapidità di esecuzione;
  • commissioni basse.

Conto CFD: come funziona

Come funziona un Conto CFD? Vediamo meglio da vicino come funziona un Contract for difference.

In sostanza, i CFD sono, oltre che contratti standardizzati, anche contratti derivati. Ciò in quanto replicano il valore di un asset sottostante, replicandone quindi fedelmente l’andamento e la quotazione.

Con un conto CFD potrai quindi investire su tante tipologie di asset:

  • le azioni delle società quotate in Borsa
  • gli indici azionari migliori
  • le criptovalute più interessanti
  • i cambi valutari sul Forex
  • le materie prime Hard o Soft
  • gli ETF su azioni o materie prime
  • ecc.

Il Contract for difference consente altresì di posizionarsi sia long che short sugli asset. Cosa vuol dire questo? Che sul tuo conto CFD puoi guadagnare sia quando l’asset aumenta il proprio prezzo, sia quando il suo valore si deprezza.

Ovviamente, dovrai posizionarti nella direzione giusta, dopo aver fatto le tue analisi.

Ricapitolando:

  1. Se il prezzo di un asset aumenta, ci guadagnano quanti si sono posizionati long, ossia hanno aperto una posizione “Compra”
  2. Se il prezzo di un asset scende, ci guadagnano i trader che hanno aperto una posizione “Vendi”.

Prendi per esempio questa operazione di trading sui futures del petrolio WTI (OIL), offerto dal broker eToro.

trading cfd petrolio
Esempio di trading sul petrolio con il conto CFD eToro

Ribadiamo ancora il concetto nella speranza che sia ancora più chiaro:

  1. Cliccando su “Acquista”, aprirai una posizione rialzista. In quel momento avrai acquistato contratti di tipo Long, i quali permettono di conseguire plusvalenze proporzionate ai rialzi
  2. Quando clicchi su “Vendi”, apri invece una posizione ribassista. Avrai cioè acquistato contratti di tipo Short, che gli permetteranno di conseguire proporzionali ai ribassi

Occorre poi prendere in considerazione lo spread, vale a dire una quota che il broker al quale ti sei iscritto aggiunge come proprio compenso. E quindi per te è un costo da tenere in conto ed è anche questo aspetto che devi tenere presente quando scegli un broker. Prediligere quelli con spread bassi.

Occhio poi ai broker che fanno pagare anche commissioni sui trades aperti. Scegli broker spread-only come eToro per risparmiare su costi nascosti.

Conti CFD demo

Una funzione molto interessante che offre un conto di trading CFD è la versione di prova, o demo. In pratica, il broker ti permette di aprire un account di simulazione, detto appunto conto di trading demo, e di provare a negoziare CFD senza deposito.

Aprendo un account CFD demo opererai con denato virtuale, ma seguendo in tutto e per tutto l’andamento live dei mercati finanziari. In questo modo puoi misurarti in sicurezza con il mondo del trading online e avvicinarti piano piano agli investimenti, specie se sei un principiante.

I conti trading demo sono anche uno stratagemma per entrare all’interno della piattaforma CFD offerta dal broker, provarla e decidere se fa per te. In basso trovi alcuni dei migliori conti CFD demo da provare gratis e senza alcun impegno.

Hai trovato il broker CFD che fa per te? Allora procedi con il versamento e passa alla negoziazione sui mercati reali.

Come fare trading CFD?

Aprendo un Conto CFD su una piattaforma di trading online, potrai vedere il grafico dei prezzi in tempo reale, i bottoni di “Acquista” e “Vendi”, l’elenco degli asset selezionabili.

trading cfd conto
Trading CFD sul titolo Unicredit (eToro)

Altre funzioni interessanti sono lo stop loss e il take profit. Di cosa si tratta?

Stop loss

E’ il livello di prezzo oltre il quale non sei disposto a scendere. Quindi, è come se stabilissi quale sarà la tua perdita massima, oltre la quale non vuoi rischiare. E’ utile poiché può capitare di continuare con un trend in perdita nella speranza che volga a nostro favore. Col rischio che ciò non accada mai e di registrare perdite sonore.

Take profit

Il take profit, all’opposto, è il livello di prezzo raggiunto il quale vuoi incassare il tuo profitto. In una situazione opposta alla precedente, in questo caso stabilisci quando vuoi andare all’incasso. Senza sperare che il trend continui in tuo favore col rischio che la ruota giri nel senso opposto e partano le perdite.

Sia stop loss che take profit ti consentono di fare trading automatico. Cioè non ti costringono a restare davanti ad una schermata per vedere come sta andando la posizione aperta, ma il trading si chiuderà in automatico raggiunti i livelli prestabiliti.

Altre funzioni utili sono:

  • stop operativo
  • pre-ordine
  • sell limit
  • buy limit
  • buy stop
  • sell stop

Le vedremo più in avanti.

Migliori Conti CFD online

I conti CFD vengono offerti da società regolamentate, chiamate broker, che fungono da intermediari fra il cliente e i mercati finanziari.

È raro che le banche offrano Contract for Difference ai propri correntisti: infatti preferiscono fornire la negoziazione direttamente in azioni e obbligazioni, dove cioè riescono a trarre commissioni più sostanziose.

Nel mare di internet l’offerta di conti di trading CFD è davvero ampia e se non hai l’esperienza giusta per valutare le offerte è facile perdersi (o incappare in truffe).

Quali sono i migliori broker per aprire un Conto CFD? Qui trovi alcune delle piattaforme di negoziazione più interessanti.

BrokerCaratteristicheApri Conto Demo
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • Copia i migliori trader!
  • Licenza CySec
conto demo
Leggi la Recensione

75% of retail CFD accounts lose money

broker trading
  • Forex, CFD & Crypto
  • Piattaforma trading Desktop e Mobile
  • Licenza CySec, FCA
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • Piattaforma trading facile
  • Licenza CySec, FCA
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • Forex CFD / Criptovalute
  • Licenza CySec
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • Forex CFD / Criptovalute
  • Licenza CySec
conto demo
Leggi la Recensione

Broker eToro

piattaforma trading etoro

Il broker eToro lo abbiamo citato più volte perché ha tutto quanto un trader può chiedere per aprire un Conto CFD. A partire dalla sicurezza, dato che vanta 3 licenze per operare (CySEC, ASIC e FCA). E può farlo anche in Italia grazie al beneplacito della Consob.

eToro offre un servizio che non puoi trovare altrove: il Copy trading, chiamato sulla piattaforma CopyTrader, per copiare i trader migliori, chiamati Popular investors.

Inoltre, puoi interagire con gli altri trader iscritti con il Social trading, seguendo i loro Feeds, proprio come fai con i Social network ordinari.

Ed ancora, se cerchi pacchetti di asset già pronti per diversificare il tuo portafoglio titoli, puoi contare sui CopyPortfolios divisi per categoria di asset.

eToro dà molto spazio anche agli asset del momento, le criptovalute. Infatti, puoi usarlo anche come Exchange per acquistarle, oltre al trading CFD. Ed ancora, puoi usarlo come semplice wallet per gestirli.

Il conto CFD eToro è interessante anche come proposta spread e commissioni, più basse della media del mercato.

Puoi aprire un Conto CFD con un deposito minimo di 200 euro, anche in versione demo per prendere confidenza con il trading online.

Se vuoi conoscere di più su questo broker leggi anche la recensione su eToro oppure prova gratis e senza impegno il suo conto di trading CFD da 100.000$.

Broker Libertex

libertex conto cfd

Il broker Libertex è uno dei più longevi broker CFD in circolazione, essendo attivo dal 1997. Tanto da aver raggiunto oggi quasi 3 milioni di clienti provenienti da oltre 120 Paesi diversi, e si è aggiudicato più di 40 premi per i servizi che offre.

Libertex poggia su una squadra di professionisti molto corposa: ben 700 dipendenti.

Libertex ha ideato una propria piattaforma di trading facile ed intuitiva, oltre ad offrire la piattaforma più popolare tra i trader: MetaTrader 4.

Anche in questo caso parliamo di un Broker con regolare licenza per operare, la CySEC, accettato anche dalla Consob per operare in Italia e con condizioni in termini di spread e commissioni molto competitive.

Dai anche un’occhiata alla recensione Libertex dei nostri esperti, oppure passa al broker cliccando sul tasto qui in basso (conto CFD anche in versione demo).

Broker Capital.com

capital.com

Il broker Capital.com offre una piattaforma molto ricca di informazioni sul trading online. Una sorta di formazione molto ampia da sfruttare già solo come semplice visitatore del sito.

Licenziato da CySEC e FCA, oltre che operativo in Italia dietro consenso della Consob, offre anche guide e corsi, oltre che l’ausilio dell’Intelligenza artificiale appannaggio dei trader. I quali possono così correggere i propri errori con l’aiuto di una consulenza tecnologica.

Sono tante le piattaforme disponibili per operare con il conto CFD Capital.com. Si va dalla versione web-based alla MetaTrader 4, fino alla app Investmate. La quale non replica su piccolo schermo quanto trovi sulla versione desk, ma offre servizi propri.

Molto competitive, anche in questo caso, spread, pips e commissioni. Che in taluni casi arrivano pure a 0.0.

Capital.com è di stesso molto sicuro, avendo licenza CySEC e FCA e offrendo una piattaforma con le migliori soluzioni in termini di sicurezza contro possibili attacchi hacker.

Broker ForexTB

forextb

ForexTB (FXTB) è un altro broker licenziato CySEC e Consob, con fino a 4 account tra cui scegliere in base alle tue esigenze operative.

Cura anche esso molto la parte riguardante la formazione, tra ebook scaricabili, webinar da seguire comodamente da remoto e sempre gratuiti, un Glossario con i principali termini relativi al trading Cfd e un Conto demo con 100mila euro virtuali.

Anche ForexTB prevede l’aiuto dei trader con l’intelligenza artificiale, col sistema Buzz. Il quale suggerisce gli errori più ripetuti, al fine di aiutare il trader a correggerli.

La vera chicca di ForexTB sono i segnali di trading, elaborati da una società leader del settore: Trading central.

Competitivi anche in questo caso Spread e commissioni.

Per informazioni puoi leggere anche la nostra recensione completa su FXTB.

Broker Avatrade

avatrade

Chiudiamo questa breve carrellata sulle migliori piattaforme per aprire un Conto CFD con Avatrade.

Il broker Avatrade offre tanti servizi appannaggio dei trader. A partire dalla app, AvaTradeGO, molto semplice ed intuitiva e ben recensita dai trader che la usano. Interessante è poi AvaProtect, che ti offre un rimborso sulle posizioni in perdita. Una sorta di copertura del rischio durante il periodo protetto.

Ed ancora, Avatrade offre MetaTrader 4 e 5; AvaOptions, una piattaforma per il trading di opzioni per smartphone e web con simulazioni di portafoglio; DupliTrade, il social trading firmato dal broker.

Avatrade offre anche un manuale di trading in formato eBook.

Tante poi le licenze possedute: in Irlanda, Giappone, Cipro, Italia, Isole Vergini, Australia, Sudafrica e Abu Dhabi.

Scopri di più su questo conto di trading CFD passando alla recensione AvaTrade, oppure prova l’account demo gratuito su avatrade.com.

Conto CFD: vantaggi

Quali sono i vantaggi di un Conto CFD? Sicuramente, si andrà in contro a costi più contenuti, grazie a commissioni e spread contenute sul trading.

Ovviamente, sta a te scegliere anche opzioni di trading più economiche. I broker sopra citati sono per esempio molto migliori rispetto alle banche, che prevedono commissioni più alte per i loro servizi, oltre alla necessità, se non si è clienti, di aprirsi pure un conto presso di loro.

Un altro vantaggio è la praticità. Aprire un trade mediante CFD è molto semplice e veloce, basta compilare i campi richiesti ed il gioco è fatto. Non dovrai compilare scartoffie da inviare, apporre firme, chiedere o ricevere consensi e così via. L’operazione è semplice e immediata.

Quindi, puoi dire addio a titoli cartacei o depositati in banca. I CFD sono negoziabili con un click e le posizioni aperte si possono chiudere anche dopo pochi minuti. Ciò significa poter approfittare anche di brevi rialzi o ribassi per conseguire un profitto.

Mettiamoci poi la comodità di operare dal proprio Pc o da un device mobile ovunque ci si trovi. Ovviamente, la scelta di un broker con app ben fatte è altrettanto importante. Devono essere complete ma al contempo user-friendly.

Infine, un grande vantaggio che non va dimenticato è la bidirezionalità del trading. Ossia, la possibilità di poter guadagnare sia dagli apprezzamenti che dai deprezzamenti degli asset, andando long o short.

Conto CFD: caratteristiche tecniche

Quali sono le caratteristiche tecniche di un Conto CFD? In sostanza, il trading CFD avviene tra 2 parti:

  1. i singoli investitori, chiamati in gergo trader retails o trader istituzionali, a seconda dell’esperienza e dei capitali investiti
  2. le società di intermediazione, chiamate anche broker o piattaforme di trading online

Come detto, i Cfd non sono contratti standardizzati, quindi ogni società può redigere i propri, pur ovviamente attenendosi a certe predisposizioni indispensabili. Tra le quali:

  • Il CFD ha inizio quando l’utente (il trader o investitore) apre una posizione al rialzo o al ribasso su un determinato strumento. Si chiude invece quando il trader la chiude
  • Il guadagno o la perdita dell’investitore è proporzionata alla variazione di prezzo che sopraggiunge tra l’apertura e la chiusura della posizione.

Come guadagna il Broker CFD?

La piattaforma di CFD applica uno spread sulle posizioni aperte, vale a dire un differenziale tra il prezzo di acquisto e quello di vendita all’apertura.

Può anche prevedere l’aggiunta di commissioni per servizi extra, overnight (tassa di servizio finanziario notturno), nonché per la eventuale consulenza che offre nella gestione del portafoglio.

Cosa significa CFD prodotti “di marginazione

Il trader deve sempre mantenere il livello di margine minimo. Qualora l’importo depositato sul proprio Conto CFD dovesse scendere ad un livello inferiore a quello del margine minimo, il broker effettuerà una margin call (chiamata a margine) mediante la quale chiede al trader di coprire velocemente tali margini.

Se ciò non dovesse avvenire, allora il broker provvederà alla chiusura delle posizioni proprio per tutelarsi.

Conto CFD: costi e commissioni

Quali sono i costi di un Conto CFD? Molto importante è il margine. Ci sono 2 tipi di margine:

  1. Margine Iniziale: l’importo che l’utente andrà effettivamente ad investire per la negoziazione. Si calcola effettuando il rapporto tra capitale nominale e leva finanziaria.
  2. Margine di Mantenimento: viene richiesto per tenere la posizione aperta e restituito quando essa sarà chiusa. E’ importante poiché la equity (termine con il quale si identifica il capitale netto) deve restare sempre abbastanza distante da esso. Onde evitare la succitata margin call, l’avviso che il broker da all’utente nel caso in cui le perdite hanno raggiunto livelli d’allerta.

Riguardo i margini, una volta aperta la posizione le variazioni di prezzo delle azioni interverranno sul capitale disponibile. Quando poi si deciderà di chiudere la posizione, si riceveranno indietro gli importi dei margini, al netto dei profitti e delle perdite.

Quanti soldi servono per aprire un Conto CFD?

Per aprire un conto di trading online CFD sono necessarie anche poche decine di euro. Il deposito minimo imposto dai broker di questo tipo, infatti, è davvero molto basso e questo può essere un aspetto interessante per chi volesse investire pochi soldi alla volta.

La tabella qui in basso ti mostra il deposito minimo per i principali conti CFD online:

BrokerDeposito minimoConto CFD
conto etoroeToro 200$ con carta e 500$ con bonificoApri conto CFD
conto trading plus500Libertex10€ con carta di credito o SkrillApri conto CFD
conto cfd capital.comCapital.com20€ con carta o wallet online, 250€ con bonificoApri conto CFD
conto trading fxtbForex TB500€Apri conto CFD
conto avatradeAvaTrade100€ con carta di credito o 500€ con bonificoApri conto CFD

I Broker prima menzionati sono molto competitivi in termini di costi. Infatti, sono tutti spread-only, ossia prevedono solo lo spread sul trade e non anche il pagamento di una commissione.

Per quanto riguarda le commissioni sui servizi, anche questi non sono particolarmente esosi. E ciò è un altro aspetto importante, poiché a lungo andare spread e commissioni sono costi che vanno a ridurre il profitto finale per il trader.

Purtroppo, spread e commissioni zero sono impossibili da trovare, poiché sono i guadagni del broker per i servizi che offre. Per fortuna però, anche nel trading c’è un’alta competizione che ha ridotto queste voci.

Oltretutto, devi sempre pensare che il broker in un certo senso fa il tifo per te, affinché il tuo trading online sia vincente. Proprio perché ci guadagna a sua volta.

Conto CFD e azioni: Quali differenze?

All’inizio di questa guida abbiamo detto che c’è differenza fra il trading sui CFD e l’acquisto di azioni in borsa. Come ogni situazione, usare un conto di CFD ha i suoi vantaggi e i suoi lati negativi.

Quali sono le differenze tra investire sulle azioni come azionisti e tramite CFD? Vediamole di seguito.

Conto CFD: Pro e Contro

  • Possibile profitto nel breve periodo
  • Commissioni ridotte
  • Opzione short selling
  • Vasta scelta di asset
  • Leva finanziaria
  • Non possiedi il sottostante
  • Contratti a scadenza
  • Spread overnight

Non possiedi direttamente titoli

Diversamente da quanto succede quando si è azionisti, con i CFD non si possiedono direttamente i titoli. Il che porta grossi vantaggi, in termini di burocrazia ma anche di costi. Si pensi alle imposte di bollo o i costi relativi alla gestione.

Inoltre, i CFD offrono una grande liquidità, dato che è possibile negoziarli in modo pratico e veloce. Quindi ottenere denaro in breve tempo.

La Scadenza

I Contract for difference non hanno scadenza, pertanto è possibile detenere la posizione aperta fino a quando si vuole. Andando però incontro ai costi di overnight, da rimborsare al broker per mantenere aperta la posizione durante le ore notturne.

A tal proposito, attenzione poi alle posizioni overnight nel weekend, poiché le notti diventano ben 3, con tutto quanto ne consegue in termini di commissioni da pagare (la notte tra il venerdì e il sabato, il sabato e la domenica, la domenica e il lunedì).

Profitti a breve

I Contract for difference, abbiamo prima detto, sono strumenti anche veloci. E con ciò si intende non solo in termini di velocità di apertura delle posizioni, ma anche in termini di profitto finale.

Ecco perché i CFD si prestano molto bene per approfittare di ogni movimento di prezzo degli asset, al rialzo o al ribasso che sia. Nonché per attività di trading come lo scalping.

Rispetto al possedimento delle azioni, investire con i CFD significa anche chiudere una posizione nel giro di pochi minuti. Per esempio, per approfittare di un trend rialzista o ribassista durato poco tempo.

Leva finanziaria

Importante è anche la leva finanziaria. I CFD sono strumenti soggetti a leva, ciò significa che per ogni singola operazione, l’utente non si esporrà per l’ammontare complessivo del valore delle azioni negoziate. Ma solo per una percentuale ridotta.

Ecco un esempio di Leva finanziaria. Per esempio, una leva di 1:20 permette di negoziare su azioni per un valore di 1000 euro puntandone solo un quinto della parte, il 20%. Vale a dire 50 euro.

La massima autorità per la vigilanza sui mercati finanziari dell’Unione europea, l’Esma, ha stabilito per i trader retails sulle azioni una Leva pari a 1:20.

Proprio per tutelarli dal fatto che, essendo generalmente meno esperti e più soggetti a rischio, nella Leva ci vedono solo le potenzialità di profitto. Tralasciando i pericoli riguardanti il caso in cui la posizione aperta sia stata sbagliata. Non a caso, la leva finanziaria viene definitiva arma a doppio taglio.

Devi comunque sapere che i tassi di margine e la leva possono variare in base alla piattaforma di trading online scelta e alla tipologia di strumento finanziario utilizzati. Quelli con sede nei Paesi Ue devono sottostare tutti ai livelli di leva previsti dall’Esma, che cambiano per i trader retails e istituzionali.

Vasta scelta di asset

Il Conto CFD ti permette di investire su una miriade di asset (come vedremo):

  • Azioni italiane, europee, americane o asiatiche che siano;
  • Coppie di valute sul mercato forex (foreign exchange, mercato dei cambi);
  • Criptovalute, dalle valute più note (Bitcoin o Ethereum) alle coin emergenti;
  • Materie prime, come petrolio, oro o commodities di nicchia;
  • Indici di borsa;
  • Fondi ETF.

Dunque, non sarai legato alle sorti di pochi mercati, ma avrai più spazio per operare sfruttando le notizie giornaliere e la volatilità dei mercati.

Puoi speculare anche sul ribasso

Il trading con i CFD ti consente anche di guadagnare quando un’azione (una commodity, una coppia forex, ecc.) sta perdendo valore, posizionandoti short.

Cosa che ovviamente non puoi fare quando sei per esempio azionista diretto di una società, dovendo per forza di cose fare il tifo per essa, al fine di ricavarci un dividendo.

Conto CFD: su quali asset possono investire?

Uno dei lati positivi del conto CFD è quello di offrire una gamma più ampia di asset class e andare oltre i soliti titoli azionari.

Questo può essere un ottimo vantaggio, per esempio quando i mercati azionari vivono periodi di forte incertezza e conviene diversificare la propria strategia di investimento (o valutare altri mercati).

Un conto di trading CFD con tante asset class è interessante anche per chi gioca in borsa fuori dall’orario di apertura delle borse, per esempio di sera. In questo caso è possibile negoziare sui futures degli indici di borsa, sulle materie prime o sul forex.

Vuoi operare nel weekend, quando le borse sono chiuse? In questo caso puoi fare trading sulle criptovalute 24/7.

Insomma, esistono tante possibilità in più. Vediamo allora meglio nel dettaglio su quali asset è possibile investire tramite Conto CFD.

Azioni

Sulle azioni abbiamo detto poc’anzi. Si tratta di particelle di capitale che una società decide di rendere pubbliche per reperire risorse, quotandosi in borsa.

Diverse invece dalle obbligazioni, che sono invece prestiti che una società richiede facendo sottoscrivere un impegno finanziario che alla loro scadenza dovrà restituire più gli interessi.

La quotazione in Borsa di una società avviene tramite Ipo. Mentre quando una società lancia una Opa totale su una società quotata in borsa, allora avviene il suo delisting.

Materie prime

Le materie prime, definite anche commodities, sono di due tipi:

  1. Soft: quando sono reperite in superficie (prodotti agricoli o di allevamento)
  2. Hard: quando sono reperite da giacimenti nel sottosuolo e necessitano di trivellazione (idrocarburi e metalli preziosi)

È possibile investire sulle materie prime attivando CFD sul loro prezzo oppure comprando azioni delle società che fanno parte del loro settore o ancora, tramite ETF.

Forex

Il forex è il mercato finanziario più grande al mondo, tanto che oggi supera i 6 miliardi di dollari movimentati ogni giorno.

E’ dove avviene il cambio tra le valute, dando vita a cambi valutari. Divisi in tre categorie:

  1. Major: cambi dove è presente sempre il dollaro americano accoppiato con un’altra valuta principale
  2. Principali: dove non c’è il dollaro ma comunque valute importanti come EURO, Sterlina britannica, Franco svizzero, Dollaro canadese, Dollaro australiano, Yen giapponese
  3. Esotici: cambi valutari dove può essere o meno presente il dollaro, ma dove è sempre presente la valuta di un paese in via di sviluppo

Se hai intenzione di operare specialmente con le valute puoi dare un’occhiata anche ai migliori conti forex.

Criptovalute

Valute digitali che funzionano grazie alle blockchain, la vera rivoluzione lanciata dalle criptovalute.

La prima come oggi le conosciamo è il Bitcoin, dopo la quale ne sono nate tantissime (ormai hanno superato le 1500 unità).

Alcune criptovalute si propongono anche come ecosistemi alternativi a quelli tradizionali, come Ethereum, Ripple, EOS. Altre sono definite stablecoin perché ancorate ad una valuta FIAT, vedi Tether ancorata al Dollaro.

Altre ancora puntano ad offrire servizi molto particolari, come Tron pensata per le piattaforme di giochi e culturali. Oppure IOTA, per l’Internet of things.

ETF (Exchange Traded Fund)

Gli ETF, acronimo di Exchange Traded Fund, sono dei particolari fondi le cui quote vengono scambiate in borsa come le azioni. Si contraddistinguono per la alta liquidità e bassi costi gestionali.

Gli ETF possono avere come benchmark azioni, materie prime, ecc. e hanno anche un basso rischio poiché anche in caso di fallimento della società emittente, l’investitore non perde il capitale.

Fare trading sugli ETF con un conto di CFD può essere una strategia interessante per chi vuole cavalcare la volatilità di un settore in particolare, oppure un’area geografica.

Indici azionari

Gli indici azionari raccolgono le principali azioni di un particolare settore o di un intero stato o area geografica. Infatti, sono molto utili anche per gli analisti, che tramite essi possono anche valutare lo stato di salute di una categoria merceologica o di uno stato.

I broker consentono di fare trading CFD pure su indici di altro genere, come l’indice VIX, che misura la volatilità del mercato azionario americano.

Gli indici azionari si distinguono tra loro per il metodo di calcolo del valore finale. Per esempio dando a tutti gli asset inclusi lo stesso peso. Oppure ad alcuni di più.

Conto trading CFD: Opinioni finali

Per concludere, usare un conto CFD per investire sui mercati da casa può essere una soluzione economica, graduale e multi-asset per iniziare a fare trading online.

I vantaggi di avere molti strumenti, commissioni basse e piattaforme user-friendly (munite anche di conto demo) andrebbero sicuramente considerati quando si muovono i primi passi.

Broker di CFD come eToro, inoltre, aiutano ad entrare nel mondo del trading online fornendo gli strumenti semplici e intuitivi per imparare a trarre profitto sui mercati.

Resta da dire che i CFD sono strumenti complessi, e un trader dovrebbe lavorare sulla propria formazione finanziaria prima di investire i propri risparmi.

È consigliabile aprire un conto CFD demo con un broker affidabile e spendere del tempo nell’affinare la propria conoscenza in materia di mercati e investimenti.

Alcuni broker, come Libertex, Capital.com o lo stesso eToro (tramite il news feed dei suoi investitori), possono offrire materiale e spunti per trarre il massimo profitto dalla propria attività di trading di CFD.

Conto CFD – Domande frequenti

Cos’è un Contro CFD?

Si tratta di un conto di trading online basato sui Contract for difference, i quali permettono di investire su tante tipologie di asset in modo semplice e rapido. Anche con commissioni basse, potendosi posizionare long e short.

Come funziona un Conto CFD?

Per poterne sottoscrivere uno, dovrai iscriverti ad una piattaforma di trading online, chiamata Broker. Stando attendo che abbia regolare licenza per operare, commissioni e spread competitivi, tanti servizi disponibili.

Quali sono i migliori broker per aprire un Conto CFD?

Suggeriamo broker come eToro, Libertex, Capital.com, ForexTB ed Avatrade.

condividi l'articolo sui social

LIMITAZIONI DI RESPONSABILITA'

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Tutte le informazioni che troverete su Finaria.it sono pubblicate solo per scopi informativi. Noi non diamo assolutamente alcuna garanzia riguardo la precisione e l'affidabilità di queste informazioni. Qualsiasi azione prenderete sulla base delle informazioni fornite dal nostro sito è rigorosamente a vostro rischio e pericolo e lo staff di Finaria non sarà responsabile di eventuali perdite e/o danni in relazione all'uso delle informazioni o notizie fornite dal nostro sito web.


DIRITTO D'AUTORE

Tutti i contenuti testuali su Finaria sono protetti da copyright e dalle leggi sulla proprietà intellettuale. L'utente non può riprodurre, distribuire, pubblicare o trasmettere qualsiasi contenuto, frase, immagine senza indicare il sito web www.finaria.it come fonte. Finaria non rivendica il copyright sulle immagini usate sul sito web, tra cui loghi, immagini e illustrazioni varie.