Comprare azioni Nexi: Quotazione, Analisi e Previsioni

Analisi completa su comprare azioni Nexi. Scopri i risultati del gruppo, la quotazione, le previsioni e i dividendi.

Nel corso degli ultimi anni, lo sviluppo dei sistemi digitali e tecnologici ha permesso anche al settore dei pagamenti e della finanza di svilupparsi. In modo specifico, governi e Stati, hanno iniziato a promuovere un progressivo incremento sui pagamenti con carta, a discapito di quelli con banconote cartacee. In tutto ciò si inserisce Nexi, che rappresenta una realtà Italiana, nata da pochi anni, ma diventata sin da subito un importante punto di riferimento. Il mondo della finanza attira da sempre molti investitori ed operatori di Borsa, pronti a chiedersi se comprare azioni Nexi sia o meno una mossa vincente.

Nonostante la presenza del titolo Nexi sia relativamente giovane, nel corso della sua storia borsistica ha dovuto superare momenti difficili e periodi alquanto singolari. Uno fra tutti proprio il 2020, con l’arrivo del Coronavirus, il quale ha successivamente richiesto la strutturazione di aiuti e bonus da erogare a milioni di cittadini. Ma tutto per Nexi ha rappresentato un vantaggio o uno svantaggio?

Nel corso della nostra guida avvieremo un’analisi completa sul gruppo, soffermandoci anche sull’aspetto borsistico. A tal riguardo, per coloro intenzionati a comprare azioni Nexi, visioneremo le principali opzioni ad oggi disponibili per investire sulla società italiana.

  • Registrati a eToro seguendo questo link;
  • Deposita il denaro sul tuo account di trading;
  • Fai pratica con il tuo conto demo;
  • Cerca fra gli strumenti che preferisci, prova il copy trading e le altre funzionalità;
  • Seleziona l'importo, imposta stop loss e take profit ed attua la tua strategia.

Nexi: Nascita e sviluppo

Nexi

Contrariamente da quanto si pensi, la storia di Nexi è relativamente recente ed è associata al 2017. Durante lo stesso anno, due realtà storiche, ossia ICBPI e CartaSì, decisero di unire le forze per strutturare quello che da lì a breve sarebbe diventato un concreto punto di riferimento in Italia. Nel corso degli anni successivi ha avuto la capacità di incrementare in modo considerevole la propria quota di mercato, allacciando accordi importanti ed ottenendo una gestione patrimoniale rilevante.

Il gruppo Nexi gestisce ad oggi differenti comparti, tutti incentrati sul settore dei pagamenti digitali e della finanza moderna. In modo specifico, i propri clienti non riguardano solamente cittadini e piccoli risparmiatori privati, ma anche gradi aziende, banche, istituiti finanziari ed anche pubbliche amministrazioni (PA). Attraverso Nexi Payments mette a disposizione servizi di pagamento digitale tramite carte di ultima generazione, nonché sistemi di ricezione e meccanismi basati su Contactless, NFC e molto altro.

Gli stessi servizi, le hanno permesso di stringere partnership strategiche con centinaia di banche, assicurazioni ed istituzioni colossali. Oltre a fornire servizi sui pagamenti digitali, prettamente su carta, mette a disposizione anche servizi di consulenza, sia a privati che ad aziende, nonché di customer service tramite Help Line. Quale modello di business e di gestione segue Nexi? Scendendo maggiormente in profondità, è possibile suddividere l’operatività del gruppo in 3 macroaree:

  • Soluzioni di Digital Banking: in riferimento al controllo ed alla gestione di migliaia di sistemi ATM e di transazioni associate.
  • Carte e pagamenti digitali: attraverso l’erogazione di carte innovative con marchio Nexi (se ne contano oltre 43 milioni).
  • Altri servizi: in riferimento al supporto con aziende ed imprese, in affiancamento alle banche.

Le azioni Nexi sono quotate nella Borsa Italiana, tramite la denominazione identificativa (BIT:NEXI). Rappresenta uno dei principali titoli italiani legati al settore finanziario.

Azioni Nexi: Grafico in tempo reale

Nonostante la società sia nata solamente nel 2017, nel giro di due anni, visti i considerevoli risultati e l’interesse sul gruppo, ha avuto la possibilità di entrare in Borsa in poco tempo, ossia nell’aprile del 2019. Uno degli aspetti più importanti da poter esaminare, attiene l’andamento storico ed in tempo reale delle azioni Nexi.

Come visibile dal grafico interattivo Nexi, i valori di partenza delle azioni hanno subito nel corso del tempo un importante sviluppo, ottenendo traguardi importanti su specifici periodi. Se da una parte risulta visibile il ribasso mostrato nel marzo del 2020, dall’altra è possibile constatare l’ottenimento di nuovi massimi annuali, nello stesso 2020, nel mese di settembre.

Azioni Nexi: Quotazione ed andamento

Uno dei punti di partenza più importanti, all’intento di qualsiasi analisi societaria, attiene la suddivisione settoriale delle partecipazioni azionarie. La stessa spartizione permette di conoscere quali realtà hanno creduto nel progetto e quali gruppi, o eventuali società, possiedono il controllo sulla stessa realtà.

In modo specifico, facendo fede ai dati aggiornati al 3 febbraio 2021, l’azionariato di Nexi risulta: Norges Bank al 1,06%, Tremblant Capital LP al 1,29%, GIC al 3,82%, Intesa Sanpaolo S.p.A al 10,49%, Mercury UK Holdco al 19,98% ed il restante 63,37% al flottante. Come intuibile, la presenza di una partecipazione rilevante come quella di Intesa Sanpaolo, ben dimostra l’interesse della banca sul gruppo dei pagamenti.

Passando ad aspetti prettamente borsistici, è ora possibile visionare i principali andamenti mostrati nella breve storia del titolo Nexi dal 2019 ad oggi. Dal momento della quotazione, le azioni Nexi avevano mostrato un iniziale trend al rialzo, che aveva permesso il passaggio da quote su 8,30 euro ad aprile, fino a superare i 10 euro per unità nel mese di dicembre dello stesso anno. Anche le fasi iniziali del 2020, spinte dalla fiducia e dall’interesse, avevano mostrato l’ottenimento di nuovi traguardi, sopra i 16 euro nel mese di febbraio.

Marzo 2020, caratterizzato da squilibri e periodi complessi, aveva tuttavia portato la quotazione delle azioni Nexi nuovamente al di sotto i 10 euro. Fasi di ripresa, nello stesso 2020, avevano tuttavia portato l’asset su nuovi massimi storici annuali, oltre i 17 euro per unità. Successive correzioni, nel mese di gennaio e febbraio 2021, hanno mostrato valori al di sotto i massimi storici.

Azioni Nexi: Previsioni

Nel corso degli anni Nexi ha avuto la capacità di ottenere numerosi accordi strategici, diventando un punto di collegamento fra aziende, pubblica amministrazione, clienti e banche. Entrando all’interno della pagina ufficiale, è possibile leggere la presenza di circa 150 istituti bancari. Fra i nomi più importanti ricordiamo: Allianz Bank, Banca Generali S.p.A, Mediolanum, BPM, UniCredit, Unipol, Ubi, Widiba S.p.A e molte altre.

La presenza di gruppi così rilevanti, ben dimostra le capacità della compagnia nel riuscire a portare avanti servizi ed offerte in modo organizzato, rapido e soprattutto attraverso una gestione di ultima generazione. Le offerte proposte da Nexi riguardano infatti pacchetti completi, legati ad un modello di business molto diversificato.

Nell’ottica del lungo periodo, sarà possibile tenere a mente le numerose partnership ed accordi siglati nel corso degli ultimi mesi. In modo particolare, è possibile ricordare un progetto di carattere internazionale, con il colossale gruppo PayDo. Attraverso un nuovo sistema di pagamento digitalizzato, le due realtà mirano a strutturare un meccanismo per l’invio di capitali nel territorio UE in modo conveniente.

Aprendo le porte a transazioni più efficienti in Europa, il gruppo Italiano potrebbe attirare l’attenzione di nuovi clienti, intenzionati ad utilizzare gli stessi canali per i propri rapporti con l’estero. Una seconda notizia rilevante, attiene la conferma in merito alla prossima acquisizione per Nexi di SIA, colosso operativo in tutta Europa e con numerosi accordi con banche, Pubbliche Amministrazioni ed istituzioni rilevanti.

La stessa unione, che dovrebbe giungere a compimento entro e non oltre il 2021, permetterà la costituzione di uno dei gruppi più grandi in Europa e con maggiore capitalizzazione complessiva. Lo stesso colosso risulterà inoltre primo per detenzione e gestione sul numero di certe di pagamento.

Comprare azioni Nexi conviene?

Nexi Pay

Il settore operativo di Nexi, ossia dei pagamenti digitali, rappresenta sicuramente uno dei più importanti degli ultimi tempi. Come esposto in precedenza, governi e Stati europei stanno lentamente spingendo sulla digitalizzazione delle transazioni e sull’incentivazione dei pagamenti con carta. Tutto ciò non solo per rendere una struttura finanziaria più organizzata e controllata, ma anche per cercare di efficientare la gestione alla lotta all’evasione, nonché al riciclaggio del denaro.

Gli stessi discorsi sui metodi di pagamento, devono tuttavia essere inseriti all’interno di un contesto storico particolare. Nel corso degli scorsi mesi, già con il precedente governo capeggiato dall’ex presidente Conte, le notizie in merito al Cashback ed un vantaggio erogato ai consumatori che avrebbero preferito pagamenti con carta, aveva letteralmente messo sotto i riflettori il gruppo Nexi.

Con il cambio di governo, e successive ipotesi in merito a modifiche sullo stesso processo, avevano iniziato a mostrarsi primi squilibri e dibattiti. Nonostante ciò, la fusione precedentemente esposta in merito a SIA, permetterà ugualmente alla compagnia di incrementare la propria quota di mercato, mettendo a disposizione le proprie competenze, unendole alle potenzialità di SIA.

Come comprare azioni Nexi

Nel corso dell’introduzione, abbiamo esposto come ad oggi esistano diversi sistemi per poter comprare azioni Nexi. Uno dei sistemi più utilizzati riguarda l’acquisto delle azioni Nexi attraverso istituiti bancari, seguendo le tradizionali procedure di acquisto ed inserimento azioni all’interno del proprio portafoglio. Così facendo, dopo aver richiesto all’operatore bancario l’acquisto, pagato le relative commissioni, nonché atteso le tempistiche burocratiche, l’investitore ha la possibilità di beneficiare in caso di aumento futuro del valore delle azioni.

Contrariamente da tutto ciò, è invece possibile esporre in modo parallelo la presenza degli strumenti derivati. Si tratta di specifici contratti per differenza, chiamati così poiché basati sul differenziale dei prezzi dell’asset. Non essendo basati sull’acquisto diretto, ossia sul possesso delle azioni, permetto di aprire due diverse posizioni sul titolo di interesse.

  • Posizione di acquisto, puntando su aumenti di prezzo.
  • Posizione di vendita, puntando su diminuzioni di prezzo.

A permettere la doppia apertura, e quindi la possibilità di sfruttare la vendita allo scoperto, sono i migliori broker di trading online. Uno dei più conosciuti è eToro, seguito da altri operatori professionali. Eccoli a seguire:

BrokerCaratteristicheApri Conto Demo
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • Copia i migliori trader!
  • Licenza CySec
conto demo
Leggi la Recensione

75% of retail CFD accounts lose money

broker trading
  • Forex, CFD & Crypto
  • Piattaforma trading Desktop e Mobile
  • Licenza CySec, FCA
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • Piattaforma trading facile
  • Licenza CySec, FCA
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading
  • No Min. Deposito
  • Piattaforma di trading avanzata
  • Licenza CySec, FCA e KNF
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • 100 € Deposito minimo
  • Licenza CySec
conto demo
Leggi la Recensione

76,5% of retail CFD lose money

broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • Forex CFD / Criptovalute
  • Licenza CySec
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • Forex CFD / Criptovalute
  • Licenza CySec
conto demo
Leggi la Recensione

eToro per negoziare sui principali titoli mondiali

etoro

Il broker eToro, avendo ottenuto le necessarie autorizzazioni e licenze, opera nel nostro territorio europeo nel pieno rispetto delle regole. Attraverso la sua piattaforma, strutturata in modo semplice e basilare, risulta possibile accedere alla lista del mercato, ottenendo l’elenco completo di tutti gli strumenti finanziari.

Una volta selezionato il proprio asset di interesse, il trader ha la possibilità di visionare il grafico interattivo, aggiornato continuamente, utilizzando altresì i numerosi strumenti analitici gratuiti messi a disposizione. Effettuate le proprie analisi, le funzionalità operative permettono di agire con le proprie strategie, in modo autonomo, sfruttando la rapidità del software.

Fra le tante funzionalità messe a disposizione, ricordiamo anche il Copy Trading. Può essere testato anche tramite account di prova gratuito e dà la possibilità di selezionare uno o più specialisti del settore (presenti su eToro) e di copiare le loro strategie in automatico, attraverso un meccanismo che replica le transazioni in modo istantaneo e senza nessun costo aggiuntivo.

Nexi: Analisi sulla concorrenza

Quelli che fino ad oggi potevano considerarsi due competitors, ossia Nexi e SIA, diventeranno preso un unico gruppo, grazie all’acquisizione colossale da completare nel 2021. In tutto ciò, nonostante la capitalizzazione stimata ammonti ad oltre 15 miliardi, e la quota di mercato superiore a quella attuale, all’interno dello stesso settore è possibile constatare la presenza di altri grandi gruppi.

  • N26: rappresenta una delle principali minacce per il gruppo Nexi, risultando operativa nel settore finanziario, con numerose offerte per i propri clienti. Mette a disposizione diverse carte di pagamento, associate ad un conto gestibile comodamente tramite applicazione.
  • Hype: attraverso le sue carte, dà la possibilità di ottenere un conto con IBAN integrato, con numerosi vantaggi sui costi. Rappresenta uno dei maggiori competitor di Nexi.
  • Square: società leader, strettamente inserita nel settore finanziario, tramite innovativi sistemi di pagamento ed invio di transazioni tramite carta. È uno dei gruppi più innovativi, considerato diretto concorrente di Nexi su determinati comparti.

Comprare azioni Nexi – Domande frequenti

Azioni Nexi forum: dove trovare informazioni?

La presenza dei forum su azioni Nexi permette a traders ed operatori del mercato di ottenere informazioni ed opinioni in merito al titolo. Oltre ciò, ricordiamo la possibilità di fare affidamento su siti informativi professionali, che permettono di ottenere analisi sulla società, come presente nella nostra guida.

Come comprare azioni Nexi?

Comprare azioni Nexi tramite acquisizioni dirette, utilizzando canali bancari, rappresenta una delle tante possibili scelte per investire sulla società dei pagamenti italiana. In alternativa, un sistema autonomo, privo di commissioni, attiene la presenza dei CFD sul titolo.

Dove comprare azioni Nexi?

La presenza del titolo Nexi può essere individuata all’interno delle migliori piattaforme online, messe a disposizione dai migliori broker regolamentati.

condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LIMITAZIONI DI RESPONSABILITA'

    I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Tutte le informazioni che troverete su Finaria.it sono pubblicate solo per scopi informativi. Noi non diamo assolutamente alcuna garanzia riguardo la precisione e l'affidabilità di queste informazioni. Qualsiasi azione prenderete sulla base delle informazioni fornite dal nostro sito è rigorosamente a vostro rischio e pericolo e lo staff di Finaria non sarà responsabile di eventuali perdite e/o danni in relazione all'uso delle informazioni o notizie fornite dal nostro sito web.


    DIRITTO D'AUTORE

    Tutti i contenuti testuali su Finaria sono protetti da copyright e dalle leggi sulla proprietà intellettuale. L'utente non può riprodurre, distribuire, pubblicare o trasmettere qualsiasi contenuto, frase, immagine senza indicare il sito web www.finaria.it come fonte. Finaria non rivendica il copyright sulle immagini usate sul sito web, tra cui loghi, immagini e illustrazioni varie.

    I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

    CHIUDI X