Cos’è BitProfit e che tipo di guadagni promette?

Opinioni online sui servizi di BitProfit.

Gabriele De Carmine

Esperto di strategie di trading e prevenzione del rischio.


Il trading automatico in criptovalute è un’opzione estremamente interessante man mano che il settore continua a mostrare tutte le potenzialità della elevata volatilità dei suoi asset. È in questo frangente che si inseriscono nuove ed interessanti opportunità come BitProfit.

Vista la natura innovativa di queste nuove opportunità, abbiamo deciso di unire in un unico approfondimento tutte le considerazioni e le analisi svolte dai nostri esperti su BitProfit. In questo modo ti forniremo una recensione completa su tutto ciò che è possibile apprendere su questo particolare bot di trading.

BitProfit funziona davvero o si tratta di una truffa? E se funziona, quali sono le specifiche? Quanto è possibile guadagnare?

La risposta a queste domande dovrà prendere in considerazione molteplici fattori e verrà dispiegata nel corso dei diversi paragrafi, ognuno dei quali prenderà in esame un aspetto particolare di BitProfit e del suo funzionamento.

Ci teniamo a precisare che il settore del trading automatico in criptovalute non è certo facile da analizzare, motivo per cui i nostri esperti consigliano sempre e comunque di muoversi con prudenza.

Attenzione! Sui motori di ricerca vengono fuori diversi “siti ufficiali” di BitProfit, e quasi tutti non sono in possesso di qualche autorizzazione rilasciata da un ente di vigilanza riconosciuto a livello europeo. Per ciò se desideri fare trading con questa piattaforma presta particolare attenzione ad eventuali truffe, e affidati solo al vero e unico sito ufficiale di BitProfit.

Inoltre, potresti considerare anche altri trading robot consultando la nostra tabella sui migliori robot di trading:

Trading Robot Caratteristiche Guadagni possibili Valutazione Prova
bitcoin prime
  • Deposito Minimo: €250
  • Commissioni: Zero
  • App Mobile: No
💰💰💰💰💰 9/10
nft profit
  • Deposito Minimo: €250
  • Commissioni: 1% sui prelievi
  • App Mobile: Sì
💰💰💰💰 8/10
yuan pay group
  • Deposito Minimo: €250
  • Commissioni: 3% sui prelievi
  • App Mobile: Sì
💰💰💰💰 8/10
ethereum code
  • Deposito Minimo: €250
  • Commissioni: 2% sui prelievi
  • App Mobile: No
💰💰💰 7/10

BitProfit è una truffa o è affidabile?

La prima domanda, quella più impellente, riguarda ovviamente la sicurezza del programma: BitProfit è una truffa o è affidabile? Il programma è veramente ciò che afferma di essere o presenta caratteristiche poco sicure?

Partiamo dal principio: BitProfit non offre affatto servizi di trading ma mette a disposizione degli utenti un software capace di condurre attività di investimento completamente automatiche sul Bitcoin. Questo cosa significa?

Che la effettiva esecuzione degli ordini non viene svolta direttamente da BitProfit in quanto la società si occupa esclusivamente di programmare, tenere aggiornato ed effettuare la manutenzione della piattaforma.

Per questo motivo BitProfit non solo non presenta una licenza di trading (in quanto non offre direttametne servizi di intermediazione finanziaria), ma non è nemmeno registrato presso le varie autorità che si occupano di settare gli standard di sicurezza delle negoziazioni in criptovalute.

Ci teniamo a precisare che questo non avviene in quanto il programma decide di evadere queste certificazioni ma semplicemente perchè BitProfit non ha i requisiti necessari ad essere registrato. A livello strettamente legale, si tratta di un provider di servizi e non di una piattaforma di investimento.

Stando a quanto scoperto dai nostri esperti, le reali transazioni verrebbero effettuate tramite una vasta lista di exchange e piattaforme, selezionate dal bot al fine di trovare i prezzi migliori (una tecnica simile all’arbitraggio di criptovalute, dunque).

Tieni bene a mente, tuttavia, che la società custodisce gelosamente i segreti e le tecniche sviluppate per la realizzazione di BitProfit e per ovvie motivazioni. Il settore dei robot di trading, infatti, non presentando ancora regolamentazioni ufficiali, è estremamente competitivo e molte piattaforme preferiscono non diffondere informazioni sui propri programmi al fine di tutelare la propria competitività.

Detto questo, dunque, non abbiamo sufficienti informazioni per determinare con certezza se BitProfit sia effettivamente un software realmente valido. Per questo motivo, come vedrai in seguito, abbiamo anche rivolto la nostra attenzione alle testimonianze degli utenti che lo hanno realmente provato.

Cos’è BitProfit?

Il perché di questa segretezza è semplice: BitProfit sarebbe, infatti, una piattaforma di trading automatico sul Bitcoin particolarmente avanzata.

Solitamente i bot di trading tendono a concentrare la propria offerta su più asset al fine di differenziare la propria offerta e permettere una maggiore diversificazione tanto dei rischi quanto del capitale. Per quale motivo BitProfit, invece, si concentra esclusivamente sul Bitcoin?

Il punto è che tra le tante criptovalute, il Bitcoin è la sola che presenta un mercato sufficientemente variegato da permettere operazioni su più strumenti.

Ci spieghiamo meglio: a quanto pare, infatti, BitProfit prenderebbe in considerazione non solo il trading automatico su Bitcoin ma anche sui derivati finanziari costruiti sul BTC, come i futures Bitcoin, le opzioni sui Bitcoin e anche alcuni ETF Bitcoin.

Stando a quanto affermato sul sito ufficiale, la scelta del mercato di riferimento può essere personalizzata in fase di investimento e garantirebbe sufficiente flessibilità da permettere al bot di investire su base quotidiana con numerose operazioni.

Questo perché a gestire il calcolo e l’analisi delle opportunità di mercato sarebbe un apposito algoritmo basato su recenti evoluzioni delle ricerche sull’Intelligenza Artificiale. In questo modo il calcolo delle diverse discrepanze tra i vari strumenti e le offerte di mercato permetterebbero a BitProfit di individuare con una certa accuratezza le diverse occasioni di investimento.

Si tratterebbe di un approccio estremamente interessante anche e soprattutto perché nessun investitore in carne e ossa riuscirebbe a condurre questa tipologia di analisi. I dati da considerare per analizzare comparativamente tutti questi mercati, infatti, sono troppi per poter essere gestiti dalla mente umana, anche considerando quella allenata di un professionista.

Ecco perché solo le recenti innovazioni in materia di intelligenza artificiale avrebbero reso possibile lo sviluppo di BitProfit. Ma effettivamente come funziona il trading proposto?

Leggi pure
Cos'è Tesla Coin e come può farti guadagnare

Come funziona il trading con BitProfit?

Il funzionamento del trading con BitProfit si baserebbe su tre principali fattori:

  • La potenza di calcolo del bot;
  • La gestione e analisi dei dati dell’algoritmo;
  • I settaggi personalizzabili del programma.

Partiamo dall’ultimo punto, che è poi quello che maggiormente coinvolgerebbe l’utente. Per avviare BitProfit, infatti, sarebbe necessario settare il programma tramite un menù discretamente intuitivo.

Gli utenti sarebbero in grado di decidere:

  • Strumenti obiettivo, ovvero su quali derivati del Bitcoin rendere possibili le operazioni;
  • Esposizione, ovvero la quantità di denaro da destinare al trading automatico;
  • Diversificazione, ovvero la percentuale dell’esposizione da dedicare a ciascuna operazione. Diversificazione minore significa più capitale per singolo investimento e viceversa;
  • Indice di rischio, ovvero la percentuale dell’esposizione che si è disposti ad accettare come perdita. Superata questa soglia il bot semplicemente smetterà di investire.

Il team di sviluppatori consiglia di impostare questi settaggi su base giornaliera, anche considerando complessivamente le performance precedenti e l’andamento complessivo dei mercati in modo tale da ottimizzare al massimo le potenzialità del software.

Una volta impostati i settaggi che si desiderano e che meglio rispecchiano le proprie esigenze e i propri obiettivi, l’algoritmo ne terrà conto durante la gestione e l’analisi dei dati di mercato e la potenza di calcolo del bot si occuperà di tradurre questi in ordini da inviare alle piattaforme di esecuzione, siano essi exchange o broker.

Ci teniamo a precisare che il sito ufficiale di BitProfit avverte che per i principianti sarebbe comunque disponibile un servizio di assistenza clienti attivo 24/7 o una community di utenti attivi con la quale condividere i propri dubbi, curiosità o suggerimenti.

Come si usa BitProfit

Per capire come si usa la piattaforma, vogliamo porre l’accento sulle fasi richieste dal servizio per iscriversi ed iniziare ad usufruire del bot automatico di trading online.

Più nello specifico, ci sono diversi passaggi da seguire:

  1. Registrarsi e verificare l’account
  2. Versare il primo deposito minimo
  3. Iniziare a fare trading online

1) Registrare un account

Registrare un account sarebbe relativamente semplice. Il form di registrazione, infatti, prevede l’inserimento di:

  • Nome
  • Cognome
  • E-mail
  • Numero di cellulare

Una volta eseguiti questi step (pre-registrazione), verrà inviata un’e-mail di conferma che permetterà di impostare la password del proprio account e accedere direttamente ai servizi della piattaforma.

2) Effettuare il deposito minimo

Il versamento del primo deposito è essenziale per mettere in funzione il bot. Stando a quanto comunicato da BitProfit, il software di trading automatico necessita di un capitale di almeno 250$ per poter eseguire tutte le operazioni di mercato.

Per questo motivo il servizio prevede, complessivamente, un deposito minimo di 250$, a prescindere dal fatto che si decida di mettere in funzione il bot o sfruttare il trading manuale della piattaforma.

È possibile effettuare il deposito con:

  • Carte di credito/debito
  • Bonifico bancario
  • E-wallet
  • Crypto wallet
  • Wire Transfer

Tra i metodi più consigliati, ovviamente, vi sono i pagamenti con carte di credito/debito o con wallet online, in modo da ridurre al minimo le tempistiche.

Questo in quanto BitProfit non impone alcun tipo di commissioni sui depositi ma si tenga presente che altri metodi di pagamento (crypto-wallet o bonifico bancario) potrebbero prevederne di per sé. Una volta effettuato il deposito iniziale permette l’accesso a tutti i propri servizi.

3) Iniziare a fare trading

Per quanto riguarda il trading, la piattaforma comunica che non sono previste commissioni di alcun genere anche sulle singole operazioni.

Il software, infatti, parrebbe essere ottimizzato anche per i retail trader e per investimenti con piccoli capitali. Per questo motivo la personalizzazione delle offerte non risulterebbe essere troppo complessa e anche gli strumenti di trading manuali, stando a quanto riportato anche da alcune testimonianze, parrebbero prestarsi anche alle prime esperienze.

Detto questo, il nostro consiglio è di procedere sempre con cautela e, anche se interessati a BitProfit, è sempre prudente valutare attentamente i rischi e, eventualmente, procedere con il solo deposito minimo, in modo da non esporsi eccessivamente su un mercato di cui non si sa ancora molto.

BitProfit – Principali caratteristiche

Qui di seguito andremo ad approfondire le caratteristiche principali della piattaforma, in modo da riassumere il più efficacemente possibile non solo la natura del software di trading automatico ma anche quella delle funzioni ausiliarie offerte dalla piattaforma.

A)     Trading automatico

Il trading automatico è, per ovvie motivazioni, la punta di diamante dell’offerta di BitProfit. Si tratta di un sistema che permetterebbe a chiunque di mettere in moto il proprio capitale sui mercati finanziari al fine di trarre profitto dalle oscillazioni dei prezzi.

Nella misura in cui i calcoli, le analisi e le startegie sarebbero interamente gestite da complessi sistemi di intelligenza artificiale, il trading automatico di BitProfit abbasserebbe completamente la curva di apprendimento richiesta per fare trading proficuo.

In questo modo anche un principiante potrebbe sfruttare questo sistema senza dover affrontare prima anni e anni di formazione ed esperienza attiva sui mercati.

B)     Prelievi gratuiti e veloci

Seconda caratteristica importante riguarda il fatto che BitProfit non permetterebbe solo di effettuare depositi gratuiti ma estenderebbe questa possibilità anche ai prelievi.

Il sito, infatti, comunica che sarebbe possibile richiedere un prelievo in qualsiasi momento senza alcuna commissione. L’operazione di accredito di denaro sarebbe a dir poco istantanea su wallet elettronici e carte di credito mentre, per i bonifici bancari, le tempistiche variano dalle 24 alle 48 ore lavorative.

BitProfit, infatti, non offre prelievi con bonifici istantanei in quanto questi comporterebbero commissioni anche significative.

C)     Commissioni vantaggiose

Se il software è gratuito e tanto i prelievi quanto i depositi sono privi di commissioni, come guadagna BitProfit?

Come ti abbiamo detto, il software non fornisce servizi di intermediazione finanziaria quanto, piuttosto, attingerebbe da una ampia lista di enti terzi, selezionando il più conveniente per ciascuna operazione.

Il bot si preoccupa, tuttavia, di calcolare anche le commissioni nella valutazione delle operazioni e seleziona solo quelle che rispettano un indice di profitto valido sia per l’utente che per BitProfit.

La piattaforma, infatti, trae i propri guadagni da una commissione minima (circa 2%) applicata esclusivamente solo ai profitti ottenuti con il trading automatico. Data l’elevata intensità di trading di cui sarebbe capace il programma, si tratta indubbiamente della commissione più vantaggiosa per l’utente.

Commissioni sui volumi o sotto forma di Spread, infatti, impatterebbero direttamente sulla singola operazione e, con i settaggi giusti, BitProfit sarebbe capace di aprirne anche diverse centinaia al giorno.

Tramite una commissione minima sui soli profitti, al contrario, non si va ad intaccare pesantemente il portafogli dell’utente nè, tantomeno, i margini di profitto che questi può ottenere.

D)    Focus sul Bitcoin

Come si è detto, BitProfit concentra la sua offerta quasi esclusivamente sul Bitcoin. Sebbene questo possa essere vista come una limitazione, di fatto non solo sarebbe affatto. Il motivo è semplice e va ricercato nell’ampia selezione di asset e derivati sul Bitcoin che potrebbero essere aggrediti dal bot di BitProfit.

Per di più, inoltre, focalizzando l’algoritmo esclusivamente su un mercato in particolare è possibile non solo massimizzarne la sua efficienza ma anche e soprattutto rendere più semplici gli aggiornamenti periodici da compiere per renderlo competitivo riguardo le sfide che il mercato del Bitcoin pone nel tempo.

E)     Community interattiva

Ultima caratteristica particolare di BitProfit riguarda il fatto che gli utenti attivi sul software sono invitati a partecipare attivamente alla community del programma. Questa dovrebbe articolarsi in canali Telegram e Discord al fine di permettere un costante dialogo non solo tra gli utenti stessi ma anche con gli sviluppatori.

Una caratteristica che si sta rivelando sempre più vitale per le piattaforme di trading automatico in quanto permetterebbe agli utenti di comunicare tra loro al fine di individuare periodicamente i settaggi migliori del bot e agli sviluppatori di apprendere in tempo reale le caratteristiche della piattaforma che necessitano di costanti implementazioni.

Quanto si può guagnare con BitProfit?

Alla luce di quanto detto finora e delle caratteristiche evidenziate, non resta che considerare uno degli aspetti salienti dei bot di trading che maggiormente interessano gli utenti: il profitto. Quanto si può effettivamente guadagnare con BitProfit?

Partiamo da un primo assunto: il sito ufficiale nè tantomeno il team di sviluppatori garantisce alcuna percentuale di profitto. Questo semplicemente perché il mercato del Bitcoin è effettivamente molto volatile: sarebbe impossibile garantire una percentuale costante nel tempo.

A questo si aggiungono i settaggi del bot i quali, come abbiamo spiegato in precedenza, influiscono non di poco sulle performance complessive di ogni singolo portafogli.

Non tanto l’esposizione, specifichiamo, quanto piuttosto l’indice di rischio e la diversificazione, infatti, limitano e adattano i calcoli della piattaforma alle esigenze personali, motivo per cui i risultati variano da utente a utente.

In ultima istanza, non avendo la possibilità di analizzare accuratamente l’algoritmo di BitProfit, ci è impossibile sottoporlo ad uno stress test e, conseguentemente, valutare il suo grado di efficienza. Cosa possiamo valutare, allora?

I nostri esperti hanno analizzato le dichiarazioni e le testimonianze degli utenti attivi su BitProfit, anche considerando quanto detto tra la community, e hanno stimato che in media il profitto generabile con BitProfit si aggirerebbe sul 30-40%.

Ovviamente si tratta di una stima media, motivo per cui consigliamo comunque di procedere con cautela e, se interessati a BitProfit, procedere all’inizio con il solo deposito minimo al fine di controllare la propria esposizione senza correre rischi inutili.

BitProfit – Testimonianze e recensioni

Ma cosa ne pensano effettivamente gli utenti attivi su BitProfit?

C’è da dire innanzitutto che, dato che il programma ha deciso di munirsi di una propria community interna e che non sembrerebbe affidarsi a schemi piramidali per il marketing, la maggior parte degli utenti che utilizzano (o hanno utilizzato) il software non sono usciti dai confini della stessa community.

Per questo motivo le normali piattaforme di recensioni, come ad esempio TrustPilot, non presentano alcuna pagina dedicata a BitProfit ma contengono solo recensioni delle piattaforme dalle quali ti abbiamo messo in guardia nella introduzione.

Infatti non sono poche le truffe che hanno utilizzato la fama di BitProfit per imbrogliare utenti sprovveduti, motivo per cui abbiamo evidenziato, all’inizio, l’importanza di far riferimento solo al sito ufficiale di BitProfit e non alle sue tante imitazioni fraudolente che usano un dominio leggermente diverso al fine di trarti in inganno.

Fatta questa dovuta precisazione, dopo aver analizzato attentamente le opinioni e testimonianze dei tanti utenti attivi sulla community, i nostri esperti hanno ricavato la seguente casistica:

  • Il 75.62% degli utenti si dice soddisfatto di BitProfit avendo ottentuto profitti superiori alla media da noi stimata;
  • Il 18.36% degli utenti ottiene ritorni nella media o leggermente al di sotto di questa. Affermano che BitProfit funziona ma non sono pienamente soddisfatti della redditività in quanto inferiore alle loro aspettative;
  • Il 6.02% degli utenti si dice insoddisfatta. Alcuni perchè non hanno ottenuto i profitti desiderati e hanno ritirato i soldi dopo un mese di utilizzo del software mentre altri si sono spinti al punto da dichiarare che BitProfit è una truffa e a sconsigliarne l’utilizzo.

Chi ha ragione e chi ha torto?

Come dimostrano le percentuali, dipende dal singolo caso. Sebbene la maggioranza non affermi minimamente che BitProfit è una truffa, non è da escludere che chi lamenta ritardi e/o problemi con i prelievi o l’andamento delle operazioni non sia effettivamente incappato in un errore tecnico.

Per questo motivo il nostro consiglio è di procedere con cautela e limitarsi esclusivamente all’esposizione minima, specie all’inizio. Non depositare capitale superiore al deposito minimo, infatti, permetterà di limitare e contenere al minimo i rischi.

Il trading con BitProfit conviene?

In definitiva, il trading con BitProfit conviene?

Possiamo dire che con l’avanzamento tecnologico il trading automatico sta diventando una realtà che non può essere ignorata. Le sue premesse sono estremamente promettenti dato che permetterebbero di rendere il trading accessibile anche a chi, per un motivo o per un altro, non ha potuto effettuare un percorso formativo professionalizzante nel settore.

Detto questo, per quanto riguarda BitProfit non abbiamo sufficienti informazioni per poter affermare con certezza che il software funzioni effettivamente come affermato sul sito. Basandoci sulle opinioni e sulle testimonianze di chi lo ha provato, possiamo affermare che generalmente gli uenti sono soddisfatti dei suoi servizi, ma si tratta di una decisione che spetta al singolo individuo.

Il nostro consiglio, in tutto questo, è semplice: se sei interessato ai servizi proposti dal bot, non depositare una somma superiore al deposito minimo. In questo modo ti sarà possibile sfruttare il primo mese come prova senza rischiare capitali ingenti.

Nella misura in cui la piattaforma garantirebbe depositi e prelievi gratuiti, infatti, sarà possibile accrescere il proprio conto (o ritirare l’intera somma) successivamente. In questo modo ci si prende la libertà di testare l’efficienza della piattaforma correndo il minor numero di rischi possibili.

BitProfit – Domande Frequenti

BitProfit è sicuro o è una truffa?

Stando a quanto indicato sul sito ufficiale BitProfit sembrerebbe essere una piattaforma affidabile e sicura. Detto questo il settore del trading automatico in criptovalute non è ancora regolamentato e/o riconosciuto al punto tale da poter contare sulle operazioni di un’autorità competente. Per questo motivo è impossibile dare una risposta definitiva alla domanda.

Quanto costa BitProfit?

Il software di trading algoritmico di BitProfit sarebbe completamente gratuito. Tuttavia il sito informa che per metterlo in funzione è necessario un deposito minimo di 250$. BitProfit non applicherebbe alcuna commissione ai depositi tanto quanto ai prelievi, ritagliandosi come unica commissione una esigua percentuale (circa il 2%) sui soli profitti ottenuti utilizzando il bot.

Quanto si può guadagnare con BitProfit?

BitProfit non garantisce alcuna percentuale di profitto. Si tratta di una scelta onesta in quanto i fattori che possono influenzare i risultati ottenibili tramite la piattaforma possono variare non solo in base agli asset selezionati ma anche e soprattutto in base ai settaggi del programma. Complessivamente, tuttavia, le stime individuano i profitti medi tra il 30% e il 40%.


Gabriele De Carmine

Esperto di strategie di trading e prevenzione del rischio.

Esperto di strategie di trading e prevenzione del rischio. Laureato in Scienze Statistiche ed Economiche nel 2013, collaboro con Finaria dal 2017 con l'obiettivo di condividere la mia passione per l'analisi finanziaria e le mie esperienze di trading.

Esperto di strategie di trading e prevenzione del rischio. Laureato in Scienze Statistiche ed Economiche nel 2013, collaboro con Finaria dal 2017 con l'obiettivo di condividere la mia passione per l'analisi finanziaria e le mie esperienze di trading.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *