Come Investire in Ripple Oggi: Guida all’acquisto XRP (PayPal e Trading)

Come e dove investire in Ripple senza costi fissi? Ecco le alternative presenti sul mercato.

Se hai aperto la nostra pagina è perché sei alla ricerca di una guida definitiva su come investire in Ripple senza commissioni. La criptovaluta rappresenta ad oggi uno degli strumenti crittografici più capitalizzati all’interno del mercato. Tutto ciò genera costanti scambi e un numero elevato di volumi registrati.

La valenza della moneta digitale, associata ai suoi scopi nell’uso comune, strettamente connessi al settore della nuova finanza, ha permesso al Ripple di ottenere sempre più interessi nel corso degli anni.

Nonostante inizialmente venisse considerato un asset ancora molto lontano dai risultati delle grandi Big (si pensi al Bitcoin), ha ugualmente raggiunto importanti traguardi.

Tutto ciò ha portato in molti a chiedersi come fare per comprare Ripple, ma soprattutto quali strumenti utilizzare per poter investire sullo stesso. Per un utente alle prime armi, ogni piattaforma o sistema di investimento potrebbe risultare identico.

In realtà, risulta cruciale esaminare nel dettaglio ogni singola possibilità, concentrandosi soprattutto sulla presenza di commissioni e costi.

A tal riguardo, presenteremo i migliori sistemi disponibili ad oggi sul mercato per poter investire su Ripple senza commissioni (o quasi). Uno dei più utilizzati, sarà il rinomato e storico broker eToro, privo di costi fissi, con la presenza di bassissimi spread.

  • Registrati a eToro seguendo questo link;
  • Fai pratica con il tuo conto demo;
  • Deposita il denaro sul tuo account di trading;
  • Cerca fra gli strumenti il Ripple, prova il copy trading e le altre funzionalità;
  • Seleziona l'importo, imposta stop loss e take profit ed attua la tua strategia.

Cos’è Ripple

Ripple XRP

Nonostante il termine Ripple sia entrato nel linguaggio comune per indicare la criptovaluta di riferimento, è importante sapere come lo stesso concetto debba essere associato a più aspetti.

Entrando nel dettaglio, Ripple rappresenta un ecosistema più esteso, che basa le proprie fondamenta su una piattaforma di ultima generazione, chiamar RippleNet.

All’interno della stessa, uno degli strumenti chiave è l’XRP (denominato ormai Ripple nel linguaggio comune). Le idee iniziali alla base della stessa piattaforma avevano iniziato a essere esposte già durante i primi anni del 2000. Nonostante ciò, Ripple divenne una realtà concreta a partire dal 2012.

La nascita dell’ecosistema, e quindi del Ripple, ha permesso di migliorare alcuni aspetti cruciali (legati a strumenti crittografici di prima generazione), considerati troppo antiquati per gli standard del periodo.

Il sistema punta a garantire maggiore velocità nelle transazioni (soprattutto sui pagamenti), più efficienza, ma soprattutto minori costi. I pagamenti transfrontalieri, o effettuati fra due continenti opposti, richiedevano fino a pochi anni fa ingenti costi di commissione.

Ripple, attraverso i suoi servizi concreti, punta a eliminare e lenire i costi, cercando di equilibrare l’assetto finanziario mondiale attraverso transazioni sicure ed allo stesso tempo convenienti.

Le stesse caratteristiche hanno permesso al Ripple di essere considerata “la criptovaluta delle banche”. Infatti, conta numerose collaborazioni e interessanti rapporti con istituti colossali.

Ripple: Grafico in tempo reale

Un importante punto di partenza, per fissare nel dettaglio gli ultimi andamenti del Ripple e i principali traguardi raggiunti dallo stesso, attiene la visione del grafico Ripple in tempo reale.

La stessa visione, permette infatti di constatare da una parte le variazioni nel brevissimo periodo, attimo dopo attimo, e dall’altra le cosiddette serie storiche.

Scorrendo indietro nel tempo, impostando un grafico a 10 anni, si evince come uno degli anni più importanti per lo strumento sia stato il 2018. Durante lo stesso, il valore di Ripple aveva mostrato quote superiori ai 3,59 dollari per unità, nel mese di gennaio.

Nonostante i risultati positivi, nello stesso anno, la criptovaluta aveva registrato un’importante flessione al ribasso, portandosi nuovamente su livelli inferiori ai 0,40 centesimi di dollaro.

Da lì in poi, dopo ulteriori correzioni, i primi mesi del 2021 hanno mostrato nuovi traguardi importanti, portando il valore del Ripple su quote che non venivano registrate ormai da due anni.

Come investire in Ripple senza commissioni

Uno degli aspetti più importanti da tenere a mente per un investitore intenzionato a comprare criptovalute riguarda sicuramente le commissioni e i costi.

D’altro canto, la presenza di ingenti costi, andrebbe a erodere il proprio capitale a disposizione, permettendo di investire una percentuale più bassa rispetto a quella stabilita.

Per cercare di evitare tutto ciò, e quindi investire in Ripple senza commissioni, è importante andare alla ricerca di tutti i sistemi a oggi presenti sul mercato, verificando attentamente quali condizioni mettano a disposizione.

Buoni compromessi, associati alla presenza di funzionalità qualitativamente eccelse e sistemi rapidi, rappresentano ugualmente buone metodologie.

A tal riguardo, parlando di metodologie, è importante sapere come le principali opzioni a oggi presenti per poter investire in Ripple attengono due modalità:

  • Acquisto di Ripple in modo fisico tramite exchange
  • Utilizzo di broker professionali per fare trading sul Ripple

In entrambi i casi, si tratta di sistemi di ultima generazione, che permettono un facile accesso al mercato. Contrariamente dal passato, dove investire su criptovalute veniva considerato un lusso per pochi, oggi chiunque può provare a entrare nel settore semplicemente utilizzando un PC ed una connessione a internet.

Piattaforme per investire in Ripple

Riallacciandoci al paragrafo precedente, è ora possibile approfondire dove investire sul Ripple senza commissioni fisse, o comunque a tassi molto vantaggiosi per gli utenti.

Il primo sistema esposto attiene l’utilizzo degli exchange puri, ossia che permettono in modo molto semplice di convertire valute correnti (come ad esempio l’Euro) in Ripple.

Lo stesso acquisto avviene a un determinato tasso di cambio e comporta la detenzione fisica del pacchetto di Ripple acquistato. Le stesse criptovalute, in modo diretto, andranno conservate all’interno di specifici wallet. Non sono altro che portafogli di custodia, molto spesso integrati nei servizi dell’exchange.

Migliori exchange per comprare Ripple

Essendo il Ripple una delle criptovalute più capitalizzate al mondo (posizionata nel momento di questa scrittura al quarto posto secondo i dati di CoinMarketCap), viene trattata dai migliori exchange. A seguire una tabella riassuntiva:

ExchangeCompra Ripple
eToroVisita
BinanceVisita
KrakenVisita
Huobi GlobalVisita

Migliori broker per il trading su Ripple

Un secondo sistema per investire in Ripple è l’utilizzo dei broker online. Vengono considerati operatori professionali, che permettono di negoziare sulle migliori criptomonete (compreso XRP), senza il bisogno di doverle possedere in modo diretto all’interno di un portafoglio di archiviazione.

Tutto ciò è reso possibile grazie ai CFD, ossia contratti per differenza. Danno la possibilità di aprire posizioni di acquisto (ossia al rialzo) o di vendita (ossia al ribasso).

Il tutto senza commissioni fisse (si applicano piccoli spread), a patto di scegliere il giusto intermediario. A seguire una tabella con i migliori broker:

BrokerVantaggiDeposito Minimo
eToroSocial trading200 $
Capital.comGrafici live e Demo gratis10 €
LibertexGrafici live e Demo gratis10 $

eToro per investire sul Ripple

eToro Broker

Il broker eToro rappresenta una delle principali scelte all’interno delle negoziazioni e degli scambi su criptovalute.

La sua completezza, infatti, permette sia di scambiare e detenere strumenti crittografici in modo diretto (attraverso i servizi dedicati e associati a eToro Wallet), sia di negoziare attraverso il trading.

La piattaforma messa a disposizione è molto semplice da utilizzare e basata su opzioni semplificate. La presenza del Wallet integrato rappresenta uno dei primi vantaggi da poter tenere a mente.

etoro wallet

È un portafoglio custodito, multivaluta, che permette sia di detenere propri possedimenti, sia di ricevere o inviare gli stessi da e verso altri indirizzi.

Tutto ciò in modo completamente regolamentato e nel pieno rispetto delle normative europee e nazionali. Il broker eToro dispone infatti di licenze e autorizzazioni di pertinenza.

La presenza di numerosi strumenti crittografici, permette di poter attuare una migliore diversificazione del proprio portafoglio, includendo le monete digitali più utilizzate al mondo.

Quanto alla modalità di trading, risulta invece possibile aprire posizioni di acquisto o di vendita (tramite CFD o sottostante), iniziando comodamente da un pratico conto di prova gratuito.

etoro comprare ripple

In questo caso, risulta inoltre possibile utilizzare la pratica funzione del Copy Trading, che permette di copiare le scelte strategiche dei migliori utenti iscritti al broker. La gestione del profilo può essere fatta sia tramite computer sia attraverso una pratica applicazione per device mobili.

Permette di tenere sempre sotto controllo il proprio portafoglio e di attuare modifiche in caso di necessità. Attraverso la stessa, risulta inoltre possibile utilizzare la modalità demo, basata su capitali virtuali per fare pratica.

Capital.com per investire sul Ripple

Capital.com Broker

Un secondo broker regolamentato, che permette di comprare e vendere Ripple attraverso la presenza di contratti per differenza, è Capital.com.

Si tratta di un operatore professionale, utilizzato da milioni di utenti. Mette a disposizione una piattaforma semplice da utilizzare, apprezzata sia da utenti professionisti che da negoziatori alle prime esperienze.

Dispone di un database ricco di assets crittografici. Fra gli stessi, risulta presente anche il Ripple (XRP). Entrando all’interno della pagina specifica, si avrà la possibilità di visionare il comodo grafico in tempo reale e successivamente di attuare la propria strategia (al rialzo o al ribasso).

ripple capital.com

La gestione del proprio account può avvenire sia tramite sistema desktop (ossia computer) sia tramite applicazione per dispositivi mobili. Anche Capital.com permette di iniziare con un account simulato, a costo zero, utile per scoprire tutte le opzioni e le funzionalità presenti sulla piattaforma.

Binance per investire sul Ripple

binance exchange

Binance viene a oggi considerato uno degli exchange più completi e professionali sul mercato. Mette a disposizione una piattaforma professionale , che ha subito numerosi cambiamenti e migliorie nel corso degli ultimi anni.

Oltre a permettere le funzionalità di acquisto diretto di Ripple, o su centinaia di altre criptovalute, presenta anche sezioni di trading e numerose altre attività (anche lo Staking). La piattaforma è semplice da gestire e accetta diversi sistemi di pagamento.

Oltre ai tradizionali bonifici bancari, si ricorda la possibilità di utilizzare carte di pagamento, appartenenti ai principali circuiti mondiali (come ad esempio MasterCard). Anche il processo di prelievo risulta rapido e diretto.

Una volta aperto il proprio account, e ottemperato alle richieste di verifica sulla propria identità, sarà possibile scegliere Ripple, selezionare il quantitativo, visionare il tasso di cambio e attendere l’invio delle criptovalute sul proprio Wallet multivaluta integrato nel profilo.

Tutto ciò, considerando le basse commissioni richieste dalla piattaforma. Anche Binance, così come la maggior parte degli exchange professionali, permette di poter gestire il proprio account attraverso una funzionale applicazione per smartphone (scaricabile gratuitamente sia per device iOS che Android).

Kraken per investire sul Ripple

kraken exchange

Un secondo exchange professionale, che nel corso degli ultimi anni ha avuto la capacità di incrementare la propria quota di mercato, è Kraken. Si tratta di un operatore professionale, con all’attivo migliaia di negoziatori e appassionati di strumenti crittografici.

Una delle prime particolarità, oltre alla piattaforma intuitiva, attiene la presenza di centinaia di criptovalute. La presenza di molti assets crittografici rappresenta per molti investitori un elemento valutativo importante

Dà infatti la possibilità di focalizzare l’attenzione non solo su criptovalute storiche, come appunto il Ripple, ma anche su assets di nuova generazione.

Anche in questo caso, dopo essere entrati all’interno del proprio profilo, sarà possibile selezionare la valuta corrente di riferimento (ossia valuta Fiat), selezionare lo strumento di interesse, impostare il quantitativo a propria discrezione e procedere con l’invio delle monete digitali al proprio Wallet di riferimento.

Ripple: Quotazione ed andamento

xpr ripple

Nel corso della sua lunga storia, la quotazione del Ripple ha mostrato diversi mutamenti, dettati da periodi al rialzo e periodi al ribasso (caratterizzanti la volatilità di ogni asset).

Nel corso dei paragrafi precedenti abbiamo ricordato come uno degli anni più importanti sia stato il 2018, protagonista del raggiungimento di massimi storici.

Focalizzando l’attenzione sulla quotazione ed andamento del Ripple nel medio e breve termine, è possibile partire dal ribasso subito nello stesso 2018, arrivando ai giorni d’oggi.

Il valore di Ripple, dopo aver raggiunto quote inferiori ai 0,30 dollari nel settembre del 2018, aveva successivamente mostrato fasi di ripresa nel corso del 2019, seguite tuttavia nel 2020 da nuovi ribassi.

Nel mese di marzo, protagonista dell’arrivo del Covid 19, il valore di Ripple aveva toccato nuovi punti di minimo annuali, portandosi al di sotto i 0,18 dollari per unità.

Nonostante le stesse soglie, a dicembre dello stesso anno la criptovaluta (così come molti altri assets crittografici) aveva beneficato di una fase di recupero, fin sopra i 0,60 dollari.

Ulteriori rialzi, durante i primi mesi del 2021, hanno permesso il raggiungimento di quote ormai lontane da oltre 2 anni, ossia superiori ad 1,70 dollari, per poi subire cambi successivi.

Andamento Ripple XRP su CoinMarketCap
Andamento storico di XRP su CoinMarketCap

Ripple: Previsioni ed opinioni

Come evinto nel corso del nostro approfondimento, Ripple continua a rappresentare uno degli strumenti crittografici più capitalizzati al mondo. Tutto ciò grazie anche all’elevato numero di strumenti oggi in circolazione (ossia scambiati o detenuti).

Al di là degli aspetti prettamente funzionali, ossia riguardanti le differenze rispetto ad altre criptovalute, sono proprio gli scopi pratici a rappresentare uno dei principali punti di forza dell'ecosistema.

Diversamente dal passato, dove la nascita di monete digitali era associata a ideali completamente differenti, gli ecosistemi di nuova generazione puntano a creare valore aggiunto e concretezza all’interno della società.

Tutto ciò porta società e piattaforme analitiche, come ad esempio Trading Baests o WalletInvestor, a cerca di proporre stime in merito al Ripple. Un aspetto importante in tutto ciò, riguarderà lo stesso rapporto fra Ripple e il mondo della finanza (pubblica e privata), ossia attinente banche e istituti finanziari.

Comprare Ripple con PayPal

paga con paypal

Una delle principali domande poste da appassionati, traders e negoziatori online, riguarda la possibilità o meno di poter investire in Ripple con PayPal.

Molte volte, infatti, un investitore comune, piccolo o grande che sia, si trova nella possibilità di poter finanziare il proprio account solamente attraverso sistemi di pagamento digitali.

Tutto ciò per semplici motivi, che possono spaziare dalla facilità di gestione, dalle convenienze su ulteriori commissioni proposte dalle piattaforme di pagamento, fino ad arrivare alla volontà di non voler utilizzare proprie carte di pagamento all’interno un broker o di un exchange.

Possiamo quindi ricordare come broker completi, come ad esempio eToro, fra i tanti metodi di pagamento da poter scegliere, permettano di poter selezionare anche PayPal.

In questo modo, si avrà successivamente la possibilità di attuare proprie strategie ed investimenti in Ripple sulla base delle proprie esigenze e necessità. In ogni caso, sarà possibile passare da un sistema di pagamento a un altro, a propria scelta ed in pochi click.

Investire in Ripple – Domande frequenti

Quanti capitali servono per investire in Ripple?

Contrariamente dal passato, dove gli investimenti su criptovalute richiedevano ingenti quantità di capitali, soprattutto per l’impossibilità di operare attraverso assets frazionari, ad oggi tutto è cambiato. All’interno della nostra guida abbiamo esposto in modo chiaro e dettagliato le migliori piattaforme che permettono di iniziare a negoziare ed investire sul Ripple partendo da piccolissimi depositi (sulla base delle proprie esigenze ed aspettative).

Come investire sul Ripple senza commissioni?

Nel corso del nostro approfondimento, oltre ad aver proposto i migliori exchange di criptovalute, abbiamo ricordato la possibilità di poter negoziare sul Ripple attraverso i migliori broker online, privi di costi fissi (si ricordano bassissimi spread).

Dove investire sul Ripple?

All’interno della nostra guida, adatta ad ogni tipologia di lettore, abbiamo esposto in modo approfondito i principali sistemi ad oggi presenti sul mercato per poter investire sul Ripple. Fra questi ricordiamo da una parte gli acquisti diretti, tramite exchange, e dall’altra le negoziazioni tramite trading, attraverso i broker di CFD.

condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LIMITAZIONI DI RESPONSABILITA'

    I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Tutte le informazioni che troverete su Finaria.it sono pubblicate solo per scopi informativi. Noi non diamo assolutamente alcuna garanzia riguardo la precisione e l'affidabilità di queste informazioni. Qualsiasi azione prenderete sulla base delle informazioni fornite dal nostro sito è rigorosamente a vostro rischio e pericolo e lo staff di Finaria non sarà responsabile di eventuali perdite e/o danni in relazione all'uso delle informazioni o notizie fornite dal nostro sito web.


    DIRITTO D'AUTORE

    Tutti i contenuti testuali su Finaria sono protetti da copyright e dalle leggi sulla proprietà intellettuale. L'utente non può riprodurre, distribuire, pubblicare o trasmettere qualsiasi contenuto, frase, immagine senza indicare il sito web www.finaria.it come fonte. Finaria non rivendica il copyright sulle immagini usate sul sito web, tra cui loghi, immagini e illustrazioni varie.