Crowdfunding immobiliare: Cos’è, Come funziona, Rischi e Migliori Siti

Non sai ancora cos'è il crowdfunding immobiliare? Leggi la guida passo-passo sul funzionamento, i rischi, i rendimenti, la situazione in Italia e i migliori siti dove investire con pochi soldi nel mattone.

Dal 2012 il mercato immobiliare è cambiato per sempre. In quell’anno negli Stati Uniti, tra le macerie della crisi, nacque un nuovo strumento per investire nel mattone chiamato crowdfunding immobiliare.

Il concetto era semplice: finanziare progetti real estate con i soldi di tanti piccoli risparmiatori sfruttando la rete, mentre i privati possono guadagnare con gli immobili anche senza possederli.

Come ogni invenzione americana il crowdfunding immobiliare è arrivato anche in Italia e in Europa, e negli ultimi anni si sta espandendo a macchia d’olio. Il meccanismo è semplice e democratico: per investire in immobili infatti bastano 50 euro e un collegamento a internet.

Molti investitori stanno scoprendo questa opportunità e vogliono capire meglio come funziona, se è davvero conveniente come dicono in termini di rischi e rendimenti, ma sopratutto quali sono i siti di crowdfunding immobiliare in Italia migliori dove investire (qui hai la tabella).

Crowdfunding
Immobiliare
Tipologia Crowdfunding Investimento minimo Vai al sito
relender crowdfunding
  • Lending Crowdfunding
  • 50 Euro
sito ufficiale re-lender
concrete crowdfunding
  • Equity crowdfunding
  • 5.000-10.000 Euro
sito di crowdfunding
housers.com
  • Lending Crowdfunding
  • 50 Euro
housers sito ufficiale

Anche tu sei uno di questi? Allora prenditi il giusto tempo per capire cos’è il crowdfunding immobiliare, quali sono i suoi pro e contro, come funziona e quali piattaforme puoi scegliere per fare trading in immobili.

Crowdfunding immobiliare: cos’è

crowdfunding immobiliare cos'è

Il crowdfunding immobiliare, o real estate crowdfunding, è una forma di investimento in crowdfunding che coinvolge tanti piccoli risparmiatori privati.

Ciascuno può contribuire in percentuale diversa: il capitale viene raccolto online e consegnato ad aziende selezionate per la realizzazione di progetti immobiliari, come l’acquisto e la messa a rendita, la costruzione o la riqualificazione di un immobile residenziale o commerciale.

Per società e imprese di settore il crowdfunding immobiliare è una modalità di finanziamento alternativa al prestito in banca. Qui i fondi (fund) non arrivano da un istituto, ma da una folla (crowd) sparsa per il mondo che vuole investire nel progetto.

Attraverso una piattaforma (un sito) di crowdfunding immobiliare il richiedente riceve tante piccole somme di denaro, che vanno a sommarsi fino a comporre un fondo anche consistente.

Gli investitori, dall’altra parte, si aspettano una remunerazione per il capitale che collocano (quanto si guadagna?). E la natura di questo premio può variare a seconda della tipologia di crowdfunding immobiliare in questione:

  • lending crowdfunding immobiliare;
  • equity crowdfunding immobiliare.

Crowdfunding immobiliare tipo Lending

Con lending crowdfunding immobiliare i privati prestano denaro alle società del settore per ricevere degli interessi periodici (di solito cedole mensili). Al termine del periodo di tempo, se tutto è andato a buon fine, il capitale investito viene rimborsato completamente.

Il meccanismo, quindi, è simile a un prestito obbligazionario. L’investitore ha un credito nei confronti della società immobiliare, che verrà estinto con gli interessi.

Il budget minimo per entrare in un investimento di lending immobiliare è bassissimo e spesso parte da appena 50€.

Crowdfunding immobiliare tipo Equity

Nell’equity crowdfunding immobiliare (o crowdinvesting) gli investitori entrano nel capitale della società che gestirà il progetto, cioè offrono denaro in cambio di una quota societaria.

Leggi pure
Concrete Investing: Guida e Opinioni sulla piattaforma di Crowdfunding Immobiliare

In pratica diventano azionisti del progetto immobiliare: sa va a buon fine ottengono una parte dei rendimenti complessivi (al termine di tutto), ma se qualcosa dovesse andare storto potrebbero perdere anche tutto il loro capitale.

Di solito il budget richiesto per investire nell’equity crowdfunding è maggiore rispetto al crowdlending e parte dai 500€ a salire.

Come funziona il crowdfunding immobiliare

crowdfunding immobiliare come funziona

Una società ha bisogno di grossi capitali per portare a termine un progetto immobiliare. I soldi si possono reperire in banca o dai venture capital, ma a volte non sono sufficienti per cominciare.

Qui entra in funzione il sistema del crowdfunding immobiliare. Le società portano il proprio progetto all’attenzione del grande pubblico di privati, e lo fanno chiedendo aiuto a intermediari che gestiscono una piattaforma di crowdfunding immobiliare.

Se il progetto ha tutti gli standard in regola per essere proposto agli investitori privati il sito di real estate crowdfunding lancia la campagna e i privati iscritti alla piattaforma hanno un periodo di tempo limitato per partecipare inviando il denaro online.

Le piattaforme di crowdfunding immobiliare non trattengono direttamente i soldi, ma si appoggiano ad altre società per la gestione sicura dei flussi di denaro.

Un progetto immobiliare che piace a molti privati raccoglierà il denaro rapidamente e potrà partire nei tempi tecnici richiesti. Un progetto che invece non attrae rimarrà senza fondi e l’idea non verrà finanziata (cosa succede a chi ha investito in un’idea immobiliare che non parte?).

A questo punto il richiedente ottiene i soldi, paga la piattaforma per il servizio e remunera gli investitori in due modi:

  • versando cedole mensili fino a scadenza del prestito (con restituzione totale del capitale), nel caso di lending crowdfunding immobiliare;
  • dividendo i rendimenti del progetto con i piccoli azionisti alla fine dell’opera nel caso di un equity crowdfunding immobiliare.

Crowdfunding immobiliare: qual è il guadagno?

La domanda che ti starai facendo a questo punto è questa: perché investire nel crowdfunding immobiliare piuttosto che mettere i soldi altrove?

Un investimento in lending crowdfunding immobiliare può offrirti un guadagno che va dall’8% al 14% lordo su base annua. I guadagni potenziali per chi investe nel crowdfunding immobiliare equity, invece, partono dal 10% lordo annuo a salire.

Per avere un’idea più chiara di queste cifre confrontiamo i rendimenti del crowdfunding del mattone con quelli di altri strumenti di risparmio o investimento:

Tralasciando azioni e criptovalute, che offrono un potenziale rendimento anche del 2.000% ma hanno una volatilità altissima, emerge che i guadagni del crowdfunding immobiliare sono già interessanti.

Investimenti a rischio quasi zero, come conti di deposito o Buoni del Tesoro, non hanno rendimenti accettabili, mentre l’oro segue l’andamento del mercato e nonostante sia un bene rifugio è comunque esposto alla volatilità.

Leggi pure
Housers Italia: Opinioni - Come Investire in Immobili con soli 50 Euro

Investire tramite crowdfunding, invece, non significa entrare sui mercati finanziari, e questo può essere un bene in un momento di delicata crisi economica. Al contrario, si tratta di fare degli investimenti immobiliari con un capitale molto più contenuto, provando a guadagnare con il business del mattone.

Crowdfunding immobiliare: quali Rischi?

Dietro ogni investimento esiste sempre il rischio, piccolo o grande che sia, di perdere il proprio denaro. Il crowdfunding immobiliare non fa eccezione, perciò prima di investire leggi quali sono i rischi che potresti incontrare.

Il problema principale riguarda l’insolvenza delle imprese immobiliari che chiedono un finanziamento online. Le piattaforme di real estate crowdfunding fanno del loro meglio per controllare la salute finanziaria di queste società, ma nel tempo un progetto di business solido può anche prendere una brutta piega.

Investendo nel crowdfunding immobiliare di tipo lending puoi andare incontro a dei ritardi nel pagamento degli interessi. I problemi possono essere tanti: complicazioni nei lavori, burocrazia, difficoltà nel ricollocare gli immobili.

Chi invece investe in equity crowdfunding immobiliare si espone a rischi maggiori, poiché diventa azionista e co-proprietario della società (non un debitore con diritto di prelazione). Inoltre può aspettare anche parecchi anni prima che l’investimento paghi.

Se il progetto non dovesse andare a buon fine e la società fallisse, l’investitore equity deve rispondere con il proprio capitale e dunque ha scarse possibilità di recuperare i suoi soldi.

Un investitore di crowdlending immobiliare, invece, può ricevere una cedola periodica mensile già dal primo mese e rivalersi sull’azienda insolvente come debitore.

E se il progetto non raggiunge il finanziamento obiettivo sulla piattaforma di crowdfunding? In tal caso l’investitore non corre nessun rischio: i soldi che scelto di destinare tornano indietro e la campagna di real estate crowdfunding si ritiene annullata.

Crowdfunding immobiliare in Italia

In Italia, dove l’interesse per gli investimenti immobiliari è alto, il real estate crowdfunding genera volumi ancora bassi rispetto al resto d’Europa, ma ha ancora molto margine di crescita.

Secondo il report crowdfunding 2020 del Politecnico di Milano (scaricabile gratis qui) la raccolta collettiva nel nostro Paese è di circa 72 milioni di euro, cifre ancora lontane da Regno Unito (che nel 2018 raccoglieva oltre 1,8 miliardi), Germania (301 milioni) e Francia (185 milioni).

Al 30 giugno 2020 il crowdfunding immobiliare di tipo lending ha raccolto complessivamente 39,79 milioni, conservando un appeal maggiore rispetto al segmento equity (32,36 milioni) comunque in aumento.

Il motivo è legato sia alla maggioranza di piattaforme di real estate crowdlending, 7 contro 4 con modello equity, sia per il fatto che prestare denaro potrebbe essere percepito come un investimento meno rischioso.

Migliori siti di Crowdfunding immobiliare

Ora che conosci cos’è il crowdfunding immobiliare, come funziona, quali sono i rischi e i rendimenti è il momento di scoprire quali sono i migliori siti in Italia dove puoi liberamente decidere di investire.

Crowdfunding
Immobiliare
Tipologia Crowdfunding Investimento minimo Vai al sito
relender crowdfunding
  • Lending Crowdfunding
  • 50 Euro
sito ufficiale re-lender
concrete crowdfunding
  • Equity crowdfunding
  • 5.000-10.000 Euro
sito di crowdfunding
housers.com
  • Lending Crowdfunding
  • 50 Euro
housers sito ufficiale

In tabella trovi le piattaforme di crowdfunding immobiliare che ti consigliamo. Ciascun sito funziona in maniera simile:

  • ti registri gratuitamente (senza deposito);
  • sfogli i progetti immobiliari da finanziare in crowdfunding;
  • investi sull’immobile che ti interessa;
  • attendi i tuoi rendimenti.
Leggi pure
Investimenti immobiliari: conviene ancora investire nel mattone? Come fare e cosa sapere (post Covid)

Ogni sito di crowdfunding immobiliare si caratterizza per la sua offerta, il suo modello di business o per la tipologia di crowdfunding che offre (equity o lending). Vediamo nel dettaglio i migliori.

Re-Lender

re-lender

Re-Lender è una piattaforma italiana di lending crowdfunding immobiliare che focalizza l’attenzione su progetti di riconversione urbana, industriale e tecnologica.

L’obiettivo di Re-Lender è quello di valorizzare gli immobili già esistenti ridandogli nuova vita, seguendo un approccio sostenibile e responsabile. Al momento conta oltre 1.200 prestatori attivi.

Sul sito di Re-Lender è possibile investire con un minimo di 50 euro. I rendimenti iniziano ad arrivare già dal primo mese, con un ritorno annuo lordo intorno all’8,5%.

Housers

housers

Housers è un portale di crowdlending immobiliare spagnolo che offre principalmente progetti immobiliari situati in Spagna, Italia e Portogallo (sia commerciali che residenziali).

Conta oltre 122.000 investitori iscritti, che possono iniziare a investire in immobili partendo da 50 euro. Su Housers è possibile scegliere fra tre tipologie di investimento, con un arco di tempo variabile che va da 1 a 10 anni.

Housers ha anche introdotto sulla piattaforma un mercato secondario per la compravendita dei crediti. Il rendimento medio degli investimenti immobiliari su questo sito è dell’8,66%.

Concrete Investing

concrete investing

Concrete Investing è una piattaforma crowdinvesting di tipo equity nata in Italia nel 2018. Grazie a un’attenta selezione di progetti immobiliari di alto profilo, tutti situati a Milano e Bergamo, Concrete ha attirato l’attenzione del panorama equity italiano.

Il rendimento medio della piattaforma è dell’11,86% lordo annuo, mentre il ticket di ingresso minimo per iniziare a investire in Concrete è pari a 5.000€.

Crowdestate

Crowdestate è un sito di real estate crowdfunding nato in Estonia nel 2014 con oltre 48.000 investitori nel mondo (circa 3.500 in Italia). Offre progetti immobiliari sia residenziali che commerciali, dislocati principalmente in Italia ed Europa dell’Est (Estonia, Ungheria e Romania).

La piattaforma ha una caratteristica unica nel panorama dei siti di crowdfunding in Italia, cioè quella di offrire un investimento immobiliare automatico. Invii una somma di denaro, fissi i tuoi parametri e Crowdestate suddivide il tuo capitale in vari progetti.

Inoltre ha un mercato secondario dove l’utente può comprare o vendere il credito di altri investitori.

L’investimento minimo richiesto da Crowestate parte da 100€, con ritorni medi del 13.68% annuo.

Rendimento Etico

rendimento etico

Rendimento Etico è una piattaforma di real estate crowdfunding ibrida (sia equity che lending) che basa la sua offerta principalmente sugli non-performing loan, cioè i crediti deteriorati.

Con un capitale iniziale minimo di 500€, infatti, puoi finanziare l’acquisto di case e appartamenti aiutando i proprietari in difficoltà, evitando che gli immobili finiscano all’asta. In questo sta l’approccio etico: aiutare chi ha vissuto un momento di difficoltà a ricominciare.

I rendimenti medi si aggirano intorno all’11% (media tra equity e lending), e la piattaforma conta oltre 2.300 investitori attivi.

Leggi pure
Investimenti immobiliari: conviene ancora investire nel mattone? Come fare e cosa sapere (post Covid)

Conviene investire nel real estate crowdfunding? Opinioni

Investire sul mercato immobiliare è sempre stata un’attività per pochi. Le barriere all’ingresso, come la disponibilità di grosse risorse economiche, o all’uscita, cioè la bassa liquidità del mattone, hanno tenuto lontani per anni molti risparmiatori dal real estate.

Senza contare l’impiego di risorse, tempo e denaro per seguire l’immobile, dalla gestione alla manutenzione fino al pagamento delle imposte.

Il crowdfunding immobiliare ha contribuito ad abbattere molti degli ostacoli storici del mercato del mattone rendendo gli investimenti nel real estate senz’altro più convenienti.

Prima di tutto non è più necessario immobilizzare grandi capitali per anni, sperando di ottenere un ritorno di denaro. Con il crowdfunding immobiliare, infatti, è possibile iniziare a investire in immobili a partire da 50 euro e direttamente da casa.

In più il tuo capitale ha una maggiore liquidità. Anzitutto i progetti hanno spesso una durata di 18-36 mesi (lending) o che comunque non supera i 3-5 anni (equity). Secondo, alcuni siti ti permettono di vendere in anticipo il tuo credito o la tua partecipazione azionaria su un mercato secondario, incassando una somma se hai bisogno di rientrare dell’investimento.

Il real estate crowdfunding elimina anche il problema di cercare in lungo e in largo l’immobile ideale. Ti basta cercare sui siti di real estate crowdfunding per trovare l’investimento più adatto a te, sia in Italia che nel resto del mondo.

Altro vantaggio? Il real estate crowdfunding delega la gestione dell’affare al promotore del progetto: devi solo mettere i soldi e lasciare alla società tutte le questioni burocratiche e le decisioni strategiche sull’immobile. Questo non significa abbandonare il tuo denaro al destino: infatti spesso è possibile parlare con i promotori e avere un monitoraggio diretto del progetto con report e aggiornamenti.

Un ultimo aspetto che rende il crowdfunding immobiliare conveniente è la possibilità di diversificare. Spesso chi investe in immobili ha il problema di collocare un grosso capitale tutto in un unico asset poco liquido.

Con il real estate crowdfunding, invece, puoi investire i tuoi soldi su più progetti immobiliari, sia per area geografica (Italia, Svizzera, USA, ecc.) che per dimensioni o destinazione dell’immobile (appartamenti, locali commerciali, ecc.).

Crowdfunding immobiliare – Domande Frequenti

Come fare crowdfunding immobiliare?

Per iniziare a investire nel crowdfunding immobiliare e provare a guadagnare con il mattone devi registrarti su uno dei siti di real estate crowdfunding e finanziare un progetto promettente. Prima però scopri come funziona e quali sono i rischi del crowdfunding immobiliare.

Cosa dicono i forum del crowdfunding immobiliare?

Sui forum le opinioni sul crowdfunding immobiliare consigliano pazienza e diversificazione. Per guadagnare soldi veri serve tempo e, visti i rischi che l’investimento in real estate comporta, conviene distribuire il capitale su diversi progetti. Scopri di più.

Quali sono le migliori piattaforme di real estate crowdfunding?

Per investire in immobili con il crowdfunding devi accedere a un buon sito. Abbiamo raccolto le piattaforme con esperienze alle spalle e le migliori recensioni degli utenti: vai alla lista.

condividi l'articolo sui social

Lascia un Commento

avatar

LIMITAZIONI DI RESPONSABILITA'

Su Finaria.it riportiamo informazioni e analisi su Investimenti e Trading azionario, è bene ricordare ai nostri visitatori che il Forex Trading comporta un elevato livello di rischio e può non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di effettuare una registrazione o di cominciare a fare trading online con il forex o attraverso i broker di CFD, si prega di approfondire tutti i rischi associati a questa attività. Tutte le informazioni che troverete su Finaria.it sono pubblicate solo per scopi informativi. Noi non diamo assolutamente alcuna garanzia riguardo la precisione e l'affidabilità di queste informazioni. Qualsiasi azione prenderete sulla base delle informazioni fornite dal nostro sito è rigorosamente a vostro rischio e pericolo e lo staff di Finaria non sarà responsabile di eventuali perdite e / o danni in relazione all'uso delle informazioni o notizie fornite dal nostro sito web.


DIRITTO D'AUTORE

Tutti i contenuti testuali su Finaria sono protetti da copyright e dalle leggi sulla proprietà intellettuale. L'utente non può riprodurre, distribuire, pubblicare o trasmettere qualsiasi contenuto, frase, immagine senza indicare il sito web www.finaria.it come fonte. Finaria non rivendica il copyright sulle immagini usate sul sito web, tra cui loghi, immagini e illustrazioni varie.