Ecco la Parte Criminale del Metaverso che Tutti Ignorano

Giuliana Morelli

Esperta in Economia e Analisi dei Mercati


Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.

Come accade spesso in tutti i settori, c’è sempre una zona oscura che viene aggredita da criminali e malviventi. Come con internet è nato il Darkweb, che è esploso una decina di anni fa, oggi tocca al Darkverse: la parte oscura del metaverso.

Nasce così il contesto migliore per il proliferare di criminali, attività illecite, hacker e truffatori. Ma il metaverso è così pericoloso così come lo descrivono?

Sarebbe stupido non porsi delle domande, considerando che le dinamiche che regolano il metaverso, in fondo, sono le stesse a cui siamo stati sempre abituati e che sono proprie della società umana. Inclusa la possibilità di investire nel metaverso in modo illegale ma anche farsi trascinare in attività discutibili.

Per saperne di più e proteggersi dalle insidie del nuovo mondo, continua a leggere le righe di questo articolo.

Darkverse: anche il metaverso ha il suo lato oscuro?

Il metaverso potrebbe essere preso d’assalto da criminali, attività illecite, hacker e truffatori di ogni tipo. Si tratta di una visione fornita da Trend Micro, leader globale nel campo della cybersecurity che è stato in grado di constatare che le attività criminali sono possibili anche nel metaverso.

Ecco, quindi, che nasce il Darkverse, alter ego del Metaverse, uno spazio florido di illegalità. Ma di cosa si tratta? Il Darkverse è molto simile ma probabilmente più pericoloso del Darkweb, a causa della presenza “fisica” di utenti.

Ce lo immaginiamo come il ghetto virtuale attraverso cui guadagnare con il metaverso in maniera illegale e viverlo tramite token ad accesso esclusivo, comunicazioni cryptate oppure altre attività poco ortodosse.

Qualora queste zone fossero individuate dalle forze dell’ordine, sarebbe difficile per loro accedervi senza gli strumenti adeguati.

Leggi pure
5 Ragioni per Essere Pessimisti sul Valore di Cardano e Ottimisti su Tamadoge

Quali sono le possibili minacce? 

Ovviamente, le minacce a cui possiamo pensare probabilmente sono solo una parte dei pericoli che il Darkverse può ospitare. Ad esempio i migliori NFT, sempre più popolari nel settore delle crypto, potrebbero essere oggetto di sistemi di phishing.

Nonostante possano essere rintracciabili e centralizzati, nel Darkverse potrebbe non essere così semplice per le forze dell’ordine monitorare tutte le attività. Ecco perché potrebbero volerci anni prima che la polizia possa effettivamente scalfire questo nuovo mondo. 

Un’altra ipotesi riguarda il riciclaggio di denaro tramite la vendita di immobili virtuali, un sistema criminale che si inventi sempre nuovi modi per sfruttare a suo vantaggio le moderne dinamiche del metaverso. Inoltre, nuovi spazi di comunicazione potrebbero favorire la proliferazione di organizzazioni criminali online e consapevoli di operare in uno spazio sicuro e protetto da orecchie indiscrete.

Insomma, anche nel miglior metaverso il concetto di privacy viene completamente ridefinito in un mondo in cui lo stesso sembra non esistere più. Pertanto, gli utenti del metaverso possono ottenere una visione degli eventi chiara e mai vista prima d’ora.

Non stiamo qui a dare nuove idee alla criminalità, certo. L’obiettivo è quello di rendere consapevoli le persone dei pericoli che il metaverso potrebbe offrire a chi è sprovvisto degli strumenti per comprenderli. 

Ad oggi, sono numerose le domande che possiamo porci in merito agli investimenti sul metaverso. Ciò di cui siamo sicuri, è che questo mondo, come quello reale, necessità di una regolamentazione e l’utilizzo di sistemi di sicurezza tali da proteggere gli utenti che lo abiteranno.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.


Giuliana Morelli

Esperta in Economia e Analisi dei Mercati

Dr.ssa Giuliana Morelli, Laurea Magistrale in Economia e Management. Ha lavorato come consulente aziendale in ambito economico/finanziario fino al 2010, quando ha fondato la sua società di consulenza. Collabora con diversi studi professionali ed è attiva in iniziative relative a Blockchain, Fintech, e svariati incubatori e acceleratori di impresa.

Dr.ssa Giuliana Morelli, Laurea Magistrale in Economia e Management. Ha lavorato come consulente aziendale in ambito economico/finanziario fino al 2010, quando ha fondato la sua società di consulenza. Collabora con diversi studi professionali ed è attiva in iniziative relative a Blockchain, Fintech, e svariati incubatori e acceleratori di impresa.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *