Gli analisti di JP Morgan: BTC ed ETH affronteranno sfide significative

Francesco Dallari

Appassionato di musica (adoro i Beatles) e di criptovalute, nel tempo libero leggo libri sul Marketing e Finanza.


Jamie Dimon – CEO di JPMorgan

JP Morgan ha deciso di esprimersi su Bitcoin ed Ethereum e ciò ha creato discussioni nell’ambiente cripto. Infatti, secondo quanto riferito dagli analisi della più grande banca statunitense, Bitcoin farà fatica ad essere adottato a livello istituzionale a causa della sua volatilità, mentre Ethereum dovrà affrontare una concorrenza sempre crescente dalle blockchain rivali. 

In una nota per gli investitori, gli analisti della banca hanno affermato di prevedere “sfide significative” per le due maggiori criptovalute per capitalizzazione di mercato. Tuttavia, si afferma anche che il calo dei prezzi delle criptovalute non può essere riconducibile ad una vera capitolazione ma a una fase di mercato. Vediamo in maniera approfondita quali sono le idee di JP Morgan su Bitcoin ed Ethereum nelle prossime righe. 

JP Morgan sfida Bitcoin ed Ethereum

Gli analisti hanno affermato che BTC è fino a 5 volte più volatile del l’oro mentre hanno notato che i concorrenti di Ethereum, come Solana, Terra (LUNA), Binance Coin e altri, stanno guadagnando terreno nel mondo delle finanza decentralizzata con applicazioni che mirano ad automatizzare il lavoro delle banche utilizzando la tecnologia della blockchain. 

Tali app sono solitamente costruite sulla rete di Ethereum, ma poiché così tante persone la usano, è diventata una rete costosa e lenta. Proprio per questo sono in tanti ad aspettare con ansia l’aggiornamento alla blockchain 2.0 e le previsioni Ethereum sono assolutamente positive.

Nel 2021 altre blockchain sono spuntate per competere con Ethereum e, come hanno notato gli analisti di JP Morgan, stanno andando bene:

Ciò che ha colpito durante la correzione di gennaio 2022 è che Ethereum non è riuscita a riconquistare la quota di capitalizzazione di mercato rispetto ai suoi principali concorrenti poiché il suo prezzo è diminuito di un valore simile a altcoin più piccole“, si legge nella nota redatta da JP Morgan.

Inoltre, comprare Solana è diventata un’azione popolare perché è più economica e veloce di Ethereum. Ecco perché chi si occupa di NFT tende a preferirla rispetto ad Ethereum. Tuttavia, la blockchain di Solana soffre spesso di alcuni problemi come la congestione e i rallentamenti. Ad esempio, lo scorso settembre la rete è andata offline per 17 ore.

Leggi pure
Lucky Block, a metà maggio i nomi dei primi vincitori

Abbassate le stime di prezzo su Bitcoin

Prima dell’ultima debacle di Bitcoin, gli analisti avevano previsto che il valore della cripto per eccellenza sarebbe arrivato a $150.000 nel lungo periodo. Tuttavia, le stesse persone che avevano previsto un prezzo così elevato reputano la stima data completamente irrealistica e adesso ritrattano indicando un valore compreso tra $80.000 e $100.000. 

La previsione di JPMorgan all’epoca vedeva “pochi dubbi” sul fatto che bitcoin continuerà a competere con l’oro, soprattutto quando i millennial diventeranno più presenti nel panorama degli investimenti. 

Il ritracciamento di Bitcoin a Gennaio 2022

Qualche mese fa, gli analisti avevano affermato che per raggiungere i $150.000, Bitcoin avrebbe dovuto abbassare drasticamente la sua volatilità. Il recente calo della criptovaluta, fa sì che quest’ultima possa allontanarsi molto da una possibile adozione da parte delle istituzioni, anche se le previsioni Bitcoin fino al 2030 restano estremamente positive. 

Secondo gli analisti, una delle maggiori sfide per il futuro di Bitcoin riguarda proprio la sua volatilità e i “cicli di alti e bassi che ostacolano l’adozione istituzionale”. Gli analisti hanno aggiunto che nel sell-off in corso non hanno comunque osservato segni di capitolazione.


Francesco Dallari

Appassionato di musica (adoro i Beatles) e di criptovalute, nel tempo libero leggo libri sul Marketing e Finanza.

Laureato in “Strategie di Impresa e Management”, non potendone più di studiare mi sono detto: e se applicassi le mie conoscenze per aiutare le imprese ad acquisire nuovi clienti? Detto, fatto. Appassionato di musica (adoro i Beatles) e di criptovalute, nel tempo libero leggo libri sul Marketing e Finanza.

Laureato in “Strategie di Impresa e Management”, non potendone più di studiare mi sono detto: e se applicassi le mie conoscenze per aiutare le imprese ad acquisire nuovi clienti? Detto, fatto. Appassionato di musica (adoro i Beatles) e di criptovalute, nel tempo libero leggo libri sul Marketing e Finanza.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *