Anche la Ferrari su blockchain e NFT: La collaborazione con Velas è realtà

Sandra Giuliano

Esperta in Finanza personale, Trading e Investimenti


La Scuderia Ferrari è sempre al centro dell’attenzione, nonostante i risultati nei mondiali di Formula 1 stentino ad arrivare.

Tuttavia, sappiamo quanto siano lungimiranti le iniziative del Cavallino ed ecco che, ancora una volta, anticipano sui tempi altre realtà stringendo accordi e puntando sulle nuove tecnologie come quella della blockchain e degli NFT

Ferrari, infatti, ha deciso di concludere un accordo pluriennale con Velas, una società che ha sede in Svizzera, per la creazione di contenuti digitali esclusivi che saranno a disposizione dei tifosi della Scuderia.

Sembra proprio che Velas sarà title sponsor della Ferrari Esports Series e del team di Esports stesso. Vediamo brevemente quali sono le caratteristiche di questo accordo e quali conseguenze porteranno a tutto l’ecosistema Ferrari. 

Cosa è Velas? 

NFT Ferrari dedicato a Schumacher

Per chi non lo sapesse, Velas Network AG è uno dei più importanti protagonisti a livello mondiale sulla scena della tecnologia blockchain e degli NFT. Questo progetto si è distinto, nel corso degli anni, per la sua capacità di offrire dei servizi di alta qualità e particolarmente performanti. 

Questo preambolo serve a capire che il progetto Velas condivide con la Scuderia di Maranello alcuni principi fondamentali che hanno portato il Cavallino a stipulare un accordo che partirà dal 2022

Come detto, Velas è una società con sede in Svizzera che ha come core business la creazione e integrazione di prodotti e servizi tecnologici. Il team che porta avanti questi progetti è composto da ingegneri, crittografi, ricercatori e matematici. Insomma, tutti gli ingredienti giusti per essere competitivi in un settore come quello della tecnologia blockchain.

Leggi pure
Il nuovo parco a tema Disney sarà nel Metaverso?

Accordo tra Velas e Ferrari: di cosa stiamo parlando? 

Qual è l’accordo che è stato stipulato dalle due realtà? Secondo quanto riportato, l’obiettivo della collaborazione tra Velas e Ferrari è quello di realizzare dei contenuti digitali esclusivi che saranno dedicati ai tifosi di Maranello. 

Ma non solo. Velas sarà anche Title Sponsor della Ferrari Esports Series e del team di Esports che gareggerà nella F1 Esports Series a cui partecipano tutti i team di Formula 1. 

Secondo quanto riferito da Mattia Binotto, General Manager e Team Principal della Scuderia Ferrari: “Siamo lieti di iniziare questa collaborazione con Velas Network AG, una società che fa di innovazione e prestazione il tratto distintivo di prodotti e servizi tecnologicamente all’avanguardia: sono tutti valori che ci accomunano e che ci hanno portato a scegliere Velas come uno dei nostri Premium Partner”. 

Mentre il parere di Farhad Shagulyamov, CEO e co-fondatore di Velas Network è il seguente: “Dopo aver costruito la blockchain della prossima generazione, che dedica particolare attenzione alla prestazione e alla sostenibilità, era naturale collaborare con un’altra icona dell’eccellenza come Ferrari. Velas ha introdotto una serie di tecnologie innovative nel mondo delle blockchain e dei suoi derivati che ora saranno messe in vetrina grazie alla presenza al vertice dell’automobilismo sportivo”. 


Sandra Giuliano

Esperta in Finanza personale, Trading e Investimenti

Esperta di Economia, Trading, Investimenti e Finanza Personale. Laureata nel 2008 in Economia aziendale e management all'Università Bocconi di Milano collaboro con Finaria dal 2013 con l'intento di divulgare la mia conoscenza e le mie esperienze personali e lavorative nel campo della trading e degli investimenti in generale.

Esperta di Economia, Trading, Investimenti e Finanza Personale. Laureata nel 2008 in Economia aziendale e management all'Università Bocconi di Milano collaboro con Finaria dal 2013 con l'intento di divulgare la mia conoscenza e le mie esperienze personali e lavorative nel campo della trading e degli investimenti in generale.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *