Valore Spread BTP-BUND 10 anni: Significato e Andamento in Tempo Reale

Cos'è, come funziona e qual è il valore dello spread oggi. Come mai sale e scende? E cosa significa per l'economia?

Dal 2008, anno d’inizio della crisi economica in Italia, il nostro vocabolario corrente si è arricchito con una nuova parola anglosassone: lo spread. Il termine spread richiama alla memoria i momenti più difficili della storica economico-finanziaria del Paese, dove il rischio di dichiarare il default era reale. Alcune nazioni, come Grecia e Spagna, ci andarono ancora più vicino.

A distanza di oltre 10 anni, oggi lo spread continua a essere un indicatore interessante per la salute delle economie nazionali europee. Ma in che modo? Alcuni sanno che c’entra la Germania, altri i nostri titoli di Stato, altri semplicemente sanno che se lo spread sale bisogna preoccuparsi.

In questa guida chiariremo il concetto di spread e troverai la quotazione dello spread aggiornata in tempo reale.

Spread Oggi 30 settembre 2020

Qui hai il valore dello spread di oggi 30 settembre 2020 in tempo reale:

Quello che vedi è l’andamento di uno dei molti spread calcolati sui mercati finanziari minuto per minuto. Lo spread non è un indicatore unico, ce ne sono tanti, ma per noi questo spread BTP-BUND 10Y è il più importante (più avanti capirai il perché).

La prima stranezza è che quando il valore dello spread scende l’indicatore è verde, cioè è un bene, mentre quando l’indice sale è rosso. È l’esatto opposto di quello che succedere alle azioni, agli ETF e a tutti gli strumenti finanziari.

Ma che cos’è allora questo spread? Continua a leggere per scoprirlo.

Cos’è lo Spread?

spread significato

Nonostante se ne senta parlare ormai da parecchio tempo, per molti il vero significato di spread rimane ancora poco chiaro. Daremo quindi:

  • una definizione tecnica di spread;
  • una spiegazione in parole semplici per chiarire il concetto.

Partiamo dalla definizione. Il termine spread indica il differenziale di rendimento tra due indicatori, uno di riferimento (benchmark) e uno di misurazione, della stessa tipologia e di uguale durata.

Nel linguaggio comune, l’indicatore dello spread è il titolo di stato, ma può anche essere un’azione, un’obbligazione o un prezzo, come nel caso degli spread applicati dai broker di trading online o nel calcolo degli interessi su un mutuo.

Immagina lo spread come una sorta di forbice, con le due lame che rappresentano il rendimento di due titoli di stato (uno da misurare e uno di riferimento). Più la forbice si allarga, maggiore è lo spread (il differenziale) tra i due titoli.

Vedremo più in basso che lo spread è considerato dagli analisti non solo una semplice misura della differenza di rendimento, ma anche un vero termometro dell’economia di un Paese.

Cos’è lo Spread BTP-BUND

spread btp bund

Lo spread, quindi, è una unità di misura che ci dice quanto il rendimento di un titolo si discosta da quello di un altro titolo del tutto simile preso come riferimento.

Non è un valore assoluto, ma a seconda degli indicatori presi a confronto restituisce un valore differente. Ma allora qual è lo spread più conosciuto e più importante per l’economia italiana?

Il differenziale di riferimento per l’Italia è il cosiddetto spread BTP-BUND 10 anni, cioè la differenza di rendimento che esiste in un dato momento tra:

  • i Buoni del Tesoro Poliennali (BTP) italiani a 10 anni;
  • i Bund (titoli di stato) tedeschi anch’essi decennali.

I titoli di stato della Germania, la più forte economia del vecchio continente, godono di un rating AAA e per questo fanno da riferimento (benchmark) per calcolare gli spread di tutti gli altri Paesi europei (Grecia, Spagna, Francia, Portogallo, Irlanda, ecc.).

Le quotazioni dei titoli di stato oscillano al rialzo o al ribasso influenzate dall’andamento della borsa. Pertanto anche lo spread sale e scende ogni giorno a seconda che il divario di rendimenti cresca o diminuisca. Lo spread di ieri non è mai uguale a quello di oggi, tanto per intenderci.

Leggi pure
Investire in BTP conviene? Rendimenti e Costi

Andamento dello spread BTP-BUND 10 anni oggi

La quotazione attuale dello spread è tornata a crescere notevolmente a causa delle forti tensioni sui mercati e sull’economia italiana. La diffusione del coronavirus (COVID-19) ha fatto lievitare il rendimento dei BTP a 10 anni dopo anni di relativa stabilità, per poi tornare nei livelli di guardia.

valore spread marzo 2020
Il valore dello spread in forte crescita a marzo 2020

Come mostra il grafico de Il Sole 24 Ore, nelle settimane più critiche della recente pandemia ha subito una forte impennata toccando quasi quota 290 punti base (i livelli di guardia dell’estate 2019 durante lo stallo politico del Paese).

Spread in punti base

Solitamente lo spread viene espresso in punti base, un valore un po’ più maneggevole per quantificare delle variazioni spesso anche solo millesimali.

Il punto base equivale allo 0,01%, cioè un centesimo di punto percentuale. Perciò, quando sentiamo che lo spread italiano è salito a 250 punti base, significa il rendimento dei BTP a 10 anni è più alto del 2,5% rispetto ai BUND tedeschi.

Più alto è il rendimento, maggiore è il premio per il rischio sottostante quei potenziali guadagni. In altre parole, se sale il rendimento dei nostri BTP significa che il mercato li percepisce come strumenti più rischiosi, ritenendo più probabile che lo Stato italiano non riesca a rimborsarli a scadenza (lo spieghiamo meglio adesso).

Lo Spread Sale o Scende?

valore spread previsioni

Proviamo a spiegare in modo semplice cosa succede quando lo spread sale e scende. L’analisi matematica fa capire come può muoversi questa misura e ci servirà per interpretare la crescita (o la decrescita) dell’indice.

Anzitutto, il valore dello spread BTP-BUND è il risultato di una sottrazione matematica

  • il minuendo è il rendimento dei BTP;
  • il sottraendo invece è il rendimento dei BUND.

La sottrazione fa salire lo spread se si verifica uno di questi scenari:

  • il rendimento dei BTP cresce rispetto a quello dei BUND;
  • il rendimento dei Bund diminuisce rispetto a quello dei BTP.

Viceversa, lo spread cala se il rendimento dei BTP diminuisce più di quello dei BUND o se il rendimento dei BUND cresce più di quello dei BTP.

Cosa significa tutto questo in termini economici?

Il rendimento di un titolo di stato a 10 anni come i BTP e i BUND è composto da un tasso d’interesse variabile, che incorpora i livelli di mercato (che al momento sono quasi negativi) e soprattutto una componente detta premio per il rischio.

Il premio per il rischio non è altro che la ricompensa che spetta al creditore che investe nonostante esista la possibilità di non venire rimborsato. È anche uno dei motivi per cui il mercato azionario offre i rendimenti più alti, ma anche più rischiosi (in confronto a un conto deposito per esempio).

Quando un Paese attraversa un periodo di crisi la possibilità che non riesca a ripagare i debiti contratti con i suoi creditori (cioè chi investe in titoli di Stato) sale. Di conseguenza, salirà anche il rendimento di questi strumenti finanziari.

Lo spread sale: cosa succede?

Ecco allora cosa succede allo spread nei periodi in cui l’economia italiana soffre maggiormente (vedi la crisi del 2008 o la recente epidemia di coronavirus):

  • il rischio percepito per gli investitori che acquistano BTP sale;
  • cresce il rendimento dei BTP italiani;
  • la differenza tra rendimenti BTP-BUND cresce (perché il rendimento dei titoli tedeschi, percepiti come più sicuri, resta più stabile);
  • lo spread aumenta.

Viceversa, in un periodo sostanzialmente stabile, il premio per il rischio degli investitori sarà più basso e il rendimento dei BTP italiani meno elevato. Questo farà sgonfiare il divario tra titoli di stato nazionali e tedeschi, abbassando lo spread.

Come accennato, non è detto che lo spread salga o diminuisca solo per colpa dell’economia italiana. Nei primi mesi del 2020, infatti, il differenziale è sceso notevolmente sia per una situazione italiana più stabile ma anche per una piccola fase recessiva dell’economia tedesca, che ha fatto cresce il rendimento del BUND.

Lo spread saleLo spread scende
peggiora la situazione economica italiana (cresce il rendimento BTP)migliora la situazione economica dell’Italia (cala il rendimento dei BTP)
migliora l’economia tedesca (scende il rendimento dei BUND)peggiora la situazione economica tedesca (sale il rendimento dei BUND)

Qual è il significato dello Spread

Alla luce di questa analisi, abbiamo compreso che lo spread serve a monitorare l’andamento corrente dell’economia di un Paese. Quando il rendimento di un titolo di Stato è troppo alto rispetto a quello di un pari strumento dal rendimento più contenuto significa che gli investitori giudicano molto rischioso comprarlo.

Temono che il Paese non riesca a ripagare il suo debito alla data di scadenza, chiedendo chiaramente un premio di rischio maggiore per investire.

Lo spread sale quando la fiducia degli investitori verso quel paese scende.

Non si tratta di una misura perfetta, dato che il valore di riferimento (in questo caso i titoli di stato della Germania) è anch’esso soggetto a variazioni. Tuttavia, è l’indice di riferimento per la fiducia degli investitori.

Lo spread è anche un valore fondamentale per banche, assicurazioni e grandi società con in pancia un consistente numero di Buoni del Tesoro. Se investi in azioni Unicredit, azioni Generali o qualsiasi altra banca italiana dovrai monitorare con attenzione il valore dello spread. Quando il differenziale aumenta, infatti, gli investitori tendono a vendere i titoli di queste società storicamente esposte al debito italiano.

Per Borsa Italiana lo spread monitora anche la coesione dell’Unione Europea, cioè il divario economico che esiste tra Germania (la più solida economia del continente) e gli altri paesi. Uno spread molto alto indica che la forbice tra la locomotiva tedesca e la nazione in questione è grosso e lo squilibrio tra Stati membri è in aumento.

Quotazione Spread – Domande Frequenti

Come funziona lo spread?

Lo spread sale o scende in base all’aumento o alla diminuzione del divario tra il rendimento di due titoli. Quando la differenza cresce significa che gli investitori perdono fiducia nel titolo in questione, ritenendo più sicuro il secondo (quello di riferimento).

Spread a 300: cosa significa?

Se lo spread è a 300 punti base significa che il differenziale fra due titoli è del 3%. Se parliamo per esempio di spread BTP-BUND il rendimento dei titoli di stato italiano è più alto del 3% rispetto a quello dei titoli di Stato tedeschi.

Perché lo spread scende?

Lo spread può scendere quando sale la fiducia degli investitori nel Paese in questione. La sensazione è che il Tesoro riesca a ripagare il debito contratto emettendo il titolo di Stato, abbassando il grado di rischio e quindi il rendimento.

Chi manovra lo spread?

Nessuno manovra lo spread. È il sentiment degli investitori a dettare la direzione dell’indicatore. Il valore dello spread può crescere per varie ragioni: nel caso dei BTP-BUND può salire con un peggioramento delle condizioni politico-economiche dell’Italia, oppure con un aumento dell’incertezza dell’economia tedesca.

condividi l'articolo sui social

Lascia un Commento

avatar

LIMITAZIONI DI RESPONSABILITA'

Su Finaria.it riportiamo informazioni e analisi su Investimenti e Trading azionario, è bene ricordare ai nostri visitatori che il Forex Trading comporta un elevato livello di rischio e può non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di effettuare una registrazione o di cominciare a fare trading online con il forex o attraverso i broker di CFD, si prega di approfondire tutti i rischi associati a questa attività. Tutte le informazioni che troverete su Finaria.it sono pubblicate solo per scopi informativi. Noi non diamo assolutamente alcuna garanzia riguardo la precisione e l'affidabilità di queste informazioni. Qualsiasi azione prenderete sulla base delle informazioni fornite dal nostro sito è rigorosamente a vostro rischio e pericolo e lo staff di Finaria non sarà responsabile di eventuali perdite e / o danni in relazione all'uso delle informazioni o notizie fornite dal nostro sito web.


DIRITTO D'AUTORE

Tutti i contenuti testuali su Finaria sono protetti da copyright e dalle leggi sulla proprietà intellettuale. L'utente non può riprodurre, distribuire, pubblicare o trasmettere qualsiasi contenuto, frase, immagine senza indicare il sito web www.finaria.it come fonte. Finaria non rivendica il copyright sulle immagini usate sul sito web, tra cui loghi, immagini e illustrazioni varie.