I migliori Intermediari Finanziari: Scegli a chi affidare i tuoi soldi

Scopri perché i broker online sono i migliori intermediari per gli investitori.

Gli intermediari finanziari sono l’anello di congiunzione tra gli investitori ed i mercati a cui vogliono accedere, e svolgono un ruolo di primaria importanza per l’attività finanziaria di chiunque.

In termini semplici, sono coloro che agevolano l’incrocio tra la domanda e l’offerta dei capitali. Allo stesso modo, si tratta di una figura che può svolgere diverse funzioni, agevolando la realizzazione di investimenti singoli individui, famiglie, traders e aziende.

In questo articolo ti aiuteremo a scegliere l’intermediario finanziario più adatto alle tue esigenze, fornendoti tutte le linee guida per selezionarlo e i requisiti che dovrebbe possedere.

Se invece vuoi iniziare subito a fare trading online, puoi semplicemente seguire questi passaggi:

  • Registrati a eToro;
  • Deposita il denaro sul tuo account di trading;
  • Fai pratica con il conto demo da $100.000;
  • Cerca gli asset su cui investire o prova il copy trading;
  • Seleziona l’importo, imposta stop loss e take profit ed attua la tua strategia.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Leggendo questo approfondimento verrai introdotto a dei concetti che ti saranno fondamentali durante il tuo percorso. Partendo da quelli che sono i migliori intermediari finanziari a cui affidarti per investire comodamente da casa: i broker di trading online.

Abbiamo elencato i migliori intermediari finanziari del 2021 disponibili in Italia:

  • eToro La migliore app per l’acquisto reale di azioni, ETF e criptovalute con 0% commissioni
  • LibertexApp di trading CFD veloce e con spread ridotti
  • XTB – App di trading avanzato su azioni reali e CFD
  • AVATrade – Social trading e opzioni binarie
  • DEGIRO Piattaforma con oltre 80 premi internazionali
  • NagaPiattaforma compatibile con MetaTrader 4 e 5
  • OBRInvest – App per il trading di azioni da €0,01

Sappiamo che potrebbe rivelarsi un argomento utile, soprattutto durante un periodo in cui è ormai ben diffusa la consapevolezza che affidarsi ad un’istituzione bancaria potrebbe non essere una scelta adatta ai principianti, e a coloro che vorrebbero investire partendo da capitali modesti. 

Di seguito abbiamo messo adisposizione uno strumento che ti permette di confrontare le migliori piattaforme di trading online:

Broker consigliato
eToro
Visita Ora

67% di utenti perdono denaro con questo provider facendo trading di CFD. Per favore considera se puoi correre il rischio di perdere denaro.

Libertex
Visita Ora

L'83% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore.Dovresti valutare se sei in possesso delle conoscenze sul funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di affrontare l'elevato rischio di perdere i tuoi soldi

XTB
Visita Ora

77% di utenti perdono denaro con questo provider facendo trading di CFD. Per favore considera se puoi correre il rischio di perdere denaro.

Valutazione
5.0
4.9
4.6
Valutazione dell'app mobile
9/10
8/10
9/10
Transazione minima
€25€10€1
Leva
1:301:301:30
Trading a margine
Numero di Azioni
2.000+200+2100+
Numero di ETF
15010+130+
Costo per transazione
€0€0€0
Costo mensile
€0€0€0
ETF
0%0.1% - 0.175%da 0.07%
Fondi
0%da 0.075%da 1 pip
CFD
da 0.09%0.5%da 0.08%
Piano di risparmio
0%N/AN/A
Cripto
da 0.75%0.1% - 1%da 0.5%
Obbligazioni
N/Ada 0.006%N/A
Commissione di trading
N/AN/AN/A
Commissioni di prelievo
€5€0 - €1/0.1%€0
Costi d'inattività
$10 al mese dopo 12 mesi€5 al mese dopo 6 mesi€10 dopo 12 mesi
Commissioni di deposito
€0 o 0.5% se diverso da $€0€0
Posizioni CFD overnight
da $0.10 su ETF e AzioniN/Ada 0.001% su Indici e Materie Prime
Credit Card
Giropay
Neteller
Paypal
Sepa Transfer
Skrill
Sofort

Migliori intermediari finanziari: Le tre tipologie

Partendo proprio dalla traduzione del termine “broker”, puoi facilmente scoprire il motivo per il quale è stato inserito nella nostra guida: significa esattamente intermediario.

Ovvero, colui che ti permette di investire sui principali mercati finanziari, gestendo varie attività come: la gestione del deposito, controllo degli ordini ed emissione sul mercato degli stessi, naturalmente per conto dei propri utenti.

Broker market maker

La prima tipologia di intermediario finanziario di cui intendiamo esplorare le principali caratteristiche è, sicuramente, anche la più innovativa nel settore: si tratta di broker Market Maker.

Questo termine serve semplicemente per evidenziare che il broker può intervenire sul mercato, cercando di fornire liquidità e di piazzare gli ordini dei traders quando la situazione appare più favorevole.

Fa parte di questa tipologia eToro, che è uno dei pochi a permettere l’acquisto di azioni reali. Inoltre, per fare ciò non richiede agli investitori nessuna commissione, né all’apertura né per mantenere aperto il proprio investimento.

In questo caso, i market maker applicano alle tue operazioni esclusivamente ciò che viene definito “spread” (differenziale), il quale indica la disparità di valore tra il prezzo pagato da chi acquista e il prezzo richiesto da chi vende un determinato asset finanziario.

Broker ECN

Nel caso in cui cercassi un semplice intermediario finanziario online, potresti valutare i migliori broker ECN, ovvero coloro che non intervengono sul mercato. 

Gli intermediari più popolari in questo settore sono noti come broker CFD, il cui acronimo (Contract for Difference) indica degli strumenti finanziari derivati. In questo caso, potrai ottenere tutti i vantaggi relativi a prodotti simili, godendo di un’ampia flessibilità durante il tuo percorso finanziario, da poter gestire come e secondo le modalità che preferisci.

Pertanto, vogliamo anticipare già i benefici di investire tramite un broker di trading CFD:

  • Possibilità di vendere allo scoperto: nel caso in cui il mercato dovesse prendere una brutta piega, potrai puntare al ribasso dell’asset ed ottenere ugualmente dei risultati positivi;
  • Occasioni di speculazione: grazie ai Contratti per Differenza che ti consentono di investire senza possedere realmente un asset, puoi generare profitti grazie alle variazioni di valore riportate sul mercato;
  • Leva Finanziaria: strumento ampiamente apprezzato da coloro che iniziano investendo da piccole somme, è utile per moltiplicare i tuoi eventuali guadagni da ogni singola negoziazione.

Dopo questa introduzione, possiamo direttamente presentarti i migliori intermediari finanziari online, legalmente autorizzati a prestare i propri servizi in Italia e che propongono soluzioni su misura per qualsiasi tipologia di trader, agevolando soprattutto la categoria dei piccoli investitori.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

La classifica dei migliori intermediari finanziari

Oltre ad avere diversi anni di esperienza, noi di Finaria.it teniamo costantemente sotto controllo i servizi che propongono gli intermediari disponibili sul mercato italiano. Infatti, gli aggiornamenti sono costanti e nuovi broker si affacciano ogni mese.

Per questo le nostre toplist si aggiornano spesso cos’ come le recensioni rispecchiano sempre la situazione attuale e l’offerta corrente disponibile presso i broker online. Questi di seguito sono i 3 migliori intermediari finanziari.

eToro – Il miglior broker per Azioni a zero commissioni

Intermediari finanziari etoro

eToro occupa la posizione da leader del trading online da diversi anni, avendo già ampiamente dimostrato la propria affidabilità e la propria professionalità. Svolge sia la funzione di market maker che di broker CFD, oltre che di exchange di criptovalute, l’ideale per chi cerca un luogo virtuale per tutte le esigenze.

Ti consigliamo l’apertura  di un conto demo gratuito da $100.000, così da testare il funzionamento della piattaforma senza preoccuparti del tuo capitale: In questo caso, Non è richiesto alcun deposito iniziale.

Nel momento si voglia fare sul serio, si può iniziare a investire partendo da un deposito minimo di soli $50 (con una piccola tassa di conversione dello 0,5%). Circa 45 euro da depositare con uno dei tanti sistemi di pagamento accettati, tra cui Skrill e PayPal.

La sua piattaforma user-friendly, disponibile anche tramite app mobile, vanta diverse funzioni di supporto davvero utili per i principianti, come il Copy Trading.

Intermediari finanziari etoro

Attraverso questo strumento, il broker intende semplificare il percorso di utenti alle prime armi, concedendogli la possibilità di seguire i top traders di eToro. In questo modo si copieranno i loro investimenti ed entrambi ci guadagneranno.

Altre caratteristiche da leader sono la politica di commissioni 0% su centinaia di Azioni, ETF e Criptovalute. Questo significa che si può investire su questi asset senza pagare commissioni di trading né costi overnight, condizioni ideali per gli investitori a medio-lungo termine.

Allo stesso tempo, per chi vuole investire nel breve termine, è possibile fare trading CFD sfruttando strumenti come la leva finanziaria e la vendita allo scoperto, gli ordini di acquisto, Stop Loss e Take Profit. Con costi ridotti a partire da 0,01% su tanti asset.

Infine, per chi vuole conoscere tutto sul mondo del trading online, è disponibile la eToro Trading Academy per imparare l’uso dei grafici avanzati con i più comuni indicatori di trading. Tutti strumenti disponibili nella sezione tecnica della piattaforma di investimento.

Pro & Contro di eToro

Ecco riassunti i punti salienti dell’offerta di eToro:

  • Deposito minimo $50
  • Zero commissioni su tanti asset
  • Pagamenti con PayPal, bonifico e carta
  • Copy Trading
  • App mobile user-friendly
  • Oltre 2.000 asset su cui investire
  • Licenza FCA, CySEC e ASIC
  • No MetaTrader
  • Non ideale per i veri professionisti

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Libertex – Broker ECN con spread ridotti

Intermediari finanziari Libertex logo

La nostra seconda scelta ricade su Libertex. Un broker affidabile e ben noto su scala internazionale, il quale opera come broker ECN o CFD per soddisfare le più disparate esigenze dei propri utenti.

Nel caso in cui dovessi optare per tale piattaforma, ti consigliamo di dare un’occhiata alle commissioni applicate: seppur realmente competitive, si basano sui volumi di trading invece che sul già citato spread. Infatti, anche se le commissioni vanno dall’1% al 5%, gli spread sono spesso con percentuali a diversi zeri dopo la virgola.

Grazie ad un’ampia scelta di asset e mercati a cui accedere, il broker Libertex è attento ad inserire i beni più promettenti e le aziende più appetibili su cui speculare. La sua natura da broker CFD puro permette di sfruttare tutte le tecniche di Day Trading, grazie anche alla velocità superiore di apertura e chiusura dei movimenti.

Intermediari finanziari libertex

Anche Libertex dispone di un app di trading mobile che permette di accedere a tutti i tipi di asset: Azioni, Criptovalute, Materie Prime, Forex ecc. Inoltre, chi ama usare le piattaforme professionali può collegare il suo conto alle famose applicazioni MetaTrader 4 e MetaTrader 5.

Ti basterà fare il download del programma e poi accedere con le credenziali scelte durante la registrazione al tuo conto Libertex. Non mancano gli strumenti di analisi tecnica e una sezione educativa per i principianti.

Iniziando da un conto di prova gratuito, con una demo da €50.000, potrai personalmente valutare la qualità e l’efficienza della piattaforma, decidendo se sia quella più adatta alle tue esigenze senza temere di intaccare il tuo capitale iniziale.

Dopo di ché potrai procedere al tuo primo versamento che in questo caso parta dalla modica cifra di €10, via carta, bonifico o wallet digitali.

Pro & Contro di Libertex

Ecco riassunti i punti salienti dell’offerta di Libertex:

  • Deposito minimo €10
  • Spread Ridotti
  • Pagamenti con PayPal, bonifico e carta
  • App mobile user-friendly
  • MetaTrader 4 e 5
  • Licenza FCA e CySEC
  • Paniere asset non dei migliori
  • No acquisto diretto asset

L’83% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore

XTB – Tanti asset e piattaforma pro

Intermediari finanziari Logo XTB

Il broker di trading XTB è un altro market maker a cui numerosi utenti di tutto il mondo decidono ogni giorno di affidarsi. Il suo servizio include una piattaforma di trading tanto semplice da utilizzare quanto ricca di strumenti per ottimizzare le proprie operazioni.

La sua offerta diretta è limitata solo al mercato azionario, a cui è possibile accedere senza commissioni. Invece, per i settori delle Materie Prime, ETF, Indici e Criptovalute si comporta come broker CFD, con commissioni piuttosto competitive a partire dallo 0,02%.

Intermediari finanziari xtb

Cos’ come eToro, anche XTB si affida a una piattaforma di trading proprietaria, chiamata xStation 5, di cui offre una versione per dispositivi mobile chiamata xStation Mobile e scaricabile dagli store più popolari. L’offerta di XTB è carente nel settore criptovalute ma molto ricca sul comparto azionario, conta in totale oltre 5.200 asset su cui poter investire.

Per coloro che non hanno esperienza nel settore, l’intermediario finanziario in questione rende disponibile una sezione formativa gratuita a cui accedere, ricca di articoli e webinar dal vivo, per imparare le basi del trading online.

Anche in questo caso, ti consigliamo di iniziare aprendo un account gratuito demo, così da affiancare teoria e pratica senza rischiare i tuoi risparmi.

Pro & Contro di XTB

Ecco riassunti i punti salienti dell’offerta di Libertex:

  • Zero commissioni su tanti asset
  • Pagamenti con PayPal, bonifico e carta
  • Licenza FCA e CySEC
  • Nessun deposito minimo
  • Poche criptovalute
  • No MetaTrader

73 % di conti di investitori al dettaglio perdono denaro quando fanno trading di CFD con X-Trade Brokers

Alternative ai broker online: altri intermediari finanziari

Oltre i broker online, è chiaro che esistono varie tipologie di intermediari finanziari, che vanno ben oltre le tipiche istituzioni bancarie. Infatti, possiamo distinguerne diverse categorie in base al servizio che offrono, anche se di norma la materia di cui si occupano è la medesima. 

Qualsiasi intermediario ha come scopo quello di mettere in contatto coloro che dispongono di risorse economiche da far fruttare nel tempo (investitori, traders online) e quelli che necessitano di finanziamenti esterni. Detto altrimenti, rendere possibile investire in Borsa.

A ciò, è possibile aggiungere la definizione di intermediario finanziario CONSOB: l’autorità di vigilanza italiana che si occupa di regolamentare e tutelare gli interessi degli investitori online.

L’ente in questione propone la figura dell’intermediario come colui che unisce soggetti con un surplus finanziario a soggetti, spesso società a tutti gli effetti, che si trovano in deficit.

Per rendere il concetto ancora più chiaro, possiamo rifarci anche a quanto esplicitamente affermato dalla Banca d’Italia, secondo la quale un intermediario finanziario è colui che riceve, da parte dello Stato, il consenso a fornire del denaro, per scopi professionali, a qualsiasi richiedente risieda nel territorio italiano.

Dopo aver chiarito il significato di intermediario finanziario, possiamo proporre una breve lista per comprenderne le differenze.

Esempi di intermediari finanziari: gruppi e categorie

Per capire qual è l’intermediario di cui hai bisogno, ecco un primo elenco che identifica alcuni soggetti appartenenti al campo finanziario.

Intermediari finanziari:

  • Broker online;
  • Banche;
  • Fondi di investimento;
  • Società di gestione del risparmio (SGR);
  • Compagnie assicurative;
  • Società di intermediazione mobiliare (SIM).

In linea generale, possiamo già anticipare una differenza esistente tra banca commerciale e d’investimento

i principali intermediari finanziariq
Come si classificano i principali intermediari finanziari

Nel primo caso, si tratta di intermediari di cui necessiti per l’eventuale richiesta di mutui o prestiti. Il secondo, invece, si riferisce a quei servizi a cui ti rivolgi per iniziare ad investire sui diversi mercati finanziari. 

A tal proposito, possiamo anche introdurre una sotto-categoria: gli intermediari creditizi a cui appartengono le banche commerciali.

Particolare attenzione va posta ai Fondi d’Investimento, divisibili tra gestione attiva e passiva, che sono anche quotati in Borsa.

Queste società consentono a chiunque di investire nel fondo comune attraverso operazioni finanziarie da cui raccogliere fondi per effettuare degli investimenti. 

Come avrai notato,  hai a tua disposizione una scelta ben variegata a cui attingere per soddisfare i tuoi bisogni, ovvero per cercare di trasformare i tuoi risparmi in concreti guadagni.

Banche

Le banche rappresentano delle istituzioni a cui chiunque decide di far riferimento per:

  • Ottenere un credito;
  • Richiedere servizi di dealing o trading;
  • Deposito fondi.

Ciò mette in evidenza il fatto che un istituto bancario non si occupa esclusivamente di attività relativa alla gestione del credito, ma anche correlate al settore finanziario. 

le principali banche di investimento
Le principali banche occidentali per servizi di intermediazione finanziaria

Infatti, rifacendoci sempre ad una definizione fornita dalla Banca d’Italia, tali servizi sono correlati sia all’attività di raccolta risparmio che alla concessione di credito. 

Ciò che contraddistingue le banche come intermediari finanziari è il concetto di passività: si occupano della redistribuzione dei fondi raccolti, ovvero hanno l’obbligo di rimborso verso i propri clienti.

Di norma, ciò avviene sotto forma di obbligazioni: strumenti finanziari attraverso i quali la banca s’impegna nella restituzione dei capitali, con interessi aggiunti fissi o variabili, rispettando delle date prestabilite.

Il ruolo di intermediario bancario riguarda, appunto, la raccolta dei capitali iniziali da parte dall’istituto bancario, con conseguente concessione di prestiti, sia per imprese che per famiglie e clienti individuali. 

Ad oggi, le funzioni economico-finanziarie svolte dalle banche appaiono proiettate verso avanguardia e digitalizzazione, anche se, si tratta di una scelta sempre meno comune a causa dei costi e delle commissioni difficilmente affrontabili da piccoli investitori/risparmiatori.

Fondi di investimento

I Fondi Comuni di Investimento appaiono un’opzione sicuramente più gestibile per chiunque voglia investire il proprio capitale e mantenere un basso profilo di rischio.

Possiamo definirli come degli intermediari finanziari il cui scopo è raccogliere fondi da investire in una determinata classe di beni finanziari (titoli azionari, obbligazioni), così da creare valore e trarne dei vantaggi personali.

Intermediari finanziari e tipologie fondi di investimento
Le diverse tipologie di fondi di investimento a cui far riferimento

Naturalmente, dietro tali dinamiche c’è sempre una società che si occupa di direzionare e assicurarsi il corretto svolgimento delle attività del fondo.

Generalmente, se intendi investire in un Fondo Comune, potresti imbatterti in tali tariffe:

Spese da sostenereDescrizione
Costo di gestioneUna commissione annuale che ogni partecipante deve pagare, appunto, per la gestione del fondo stesso
Costo di ingressoLa somma richiesta per diventare “fondisti” a tutti gli effetti. Di norma, varia in base al capitale iniziale depositato; ciò significa che vige la tipica legge del “più investi, meno paghi.”

Vogliamo chiarire che la scelta più comune ricade sui Fondi Azionari: sebbene presentino elevate percentuali di rischio, risultano anche quelli da cui potrai ottenere dei rendimenti maggiori.

Nel caso in cui volessi procedere gradualmente, potresti valutare un fondo bilanciato: manterrai un profilo di rischio moderato, assicurandoti ugualmente dei ritorni interessanti.

Società di gestione del risparmio

L’intermediazione finanziaria delle SGR

Le società di gestione del risparmio (SGR) sono, ancora una volta, degli istituti di intermediazione finanziaria. Si tratta di società per azioni che stanno alla base della promozione e raccolta fondi per i già citati Hedge Fund. 

Infatti, si occupano di raccogliere un capitale appartenente a molteplici soggetti affinché venga investito in diversi prodotti finanziari per creare valore tanto per i partecipanti quanto per la società stessa.

Le funzioni svolte dalle SGR autorizzate non si limitano solo alla raccolta del capitale per la gestione collettiva del risparmio, in quanto si occupano anche di:

  • Gestione Patrimoniale;
  • Gestione Fondi Pensione.

Le SGR possono occuparsi anche della gestione individuale dei patrimoni, così da fornire delle soluzioni anche ai singoli che non intendono prendere parte ad un Fondo Comune d’Investimento.

Compagnie assicurative

Le compagnie assicurative svolgono un ruolo da intermediari leggermente differente rispetto a quanto presentato fino ad ora. Infatti, emerge qui la figura dell’intermediario assicurativo, spesso definito come “consulente” a cui puoi rivolgerti sia come singolo che come impresa.

In questo caso, ha l’obiettivo di intermediare tra una compagnia assicurativa ed il cliente, cercando di garantire le migliori condizioni a quest’ultimo. 

rapporto tra investimenti con banche e assicurazioni in Europa

Bisogna prestare particolare attenzione al fatto che l’intermediario è indipendente dall’impresa assicurativa, per cui dovrà esclusivamente prendersi cura dei propri clienti dal momento in cui vengono definite le clausole del contratto, fino alla firma per la stipula della polizza.

L’insurance broker riveste una funzione più importante di ciò che sembra: infatti, è colui che esplica, in maniera chiara, la complessità del linguaggio burocratico, aiutando i clienti a definire l’eventuale convenienza del contratto che dovrebbero stipulare.

Società di intermediazione mobiliare

In Italia, un’altra figura estremamente importante nel campo dell’intermediazione finanziaria è una “SIM”, acronimo che sta per “Società di Intermediazione Mobiliare”.

Anche in questo caso, per esser autorizzate dalla Banca d’Italia devono essere delle società per azioni a tutti gli effetti e che non possono offrire servizi di intermediazione creditizia.

Svolgono differenti attività, tra cui:

  • dealing: investimenti su titoli per proprio conto;
  • brokerage: investimenti per conto di terzi;
  • raccolta e collocamento titoli (con garanzia o senza).
Logo Alisei, una SIM italiana
Alisei, tra le SIM più famose in Italia

In questo caso, dobbiamo chiarire che esiste una differenza tra le SIM che si occupano di investire per terzi e quelle che, al contrario, offrono servizi di dealing.

Queste ultime, infatti, presentano un portafoglio azionario di cui sono posseditrici, per cui sono esposte ai rischi dei mercati finanziari. Al contrario, quelle che rientrano nel brokerage, presentano rischi perlopiù legati alla propria reputazione.

Anche tali società di investimento, come le altre già presentate, sono obbligate a possedere determinati requisiti affinché la CONSOB e la Banca d’Italia ne consentano l’esercizio della propria attività.

In caso in cui, infatti, sorgesse qualche problematica relativa alla sicurezza e alle modalità con cui la Società di Intermediazione Mobiliare gestisce gli incarichi legati agli investimenti, questa non ha alcuna possibilità di ottenere le autorizzazioni necessarie: la tutela dei clienti e l’affidabilità prevalgono su ogni altra questione.

Costi e commissioni degli intermediari finanziari

In questo paragrafo peroveremo a darvi un’idea dei costi che potresti sostenere se decidessi di avvalerti di un intermediario finanziario.

Abbiamo deciso di fare un paragone tra due leader di settore: eToro è considerato il broker online numero uno al mondo e Fineco Bank è una delle banche europee più all’avanguardia e che per prima ha puntato sui servizi online.

Anche se Fineco Bank è una banca tra le più moderne e flessibili sul mercato, vediamo come non possa competere con il servizio di eToro, in termini di costi e quantità di prodotti offerti.

Costi e commissionieToroFineco Bank
Deposito minimo$50€1
Azioni USA0%da €3,95
Azioni Italia0,09%da €2,95
ETF0%da €2,95
Forexda 0,01%da 0,03%
Quotazione in tempo realeGratis€12
Costi inattività$10 al mese dopo 12 mesiNo
Chiusura contoGratisGratis
Mercati disponibili80+26
Fondi e ObbligazioniNo
Criptovalute31+No
Garanzia sui depositofino a €20.000fino a €100.000
Gestione fiscaleRegime dichiarativoRegime amministrato

Infatti, eToro permette di investire in oltre 2.000 titoli azionari, più di 30 criptovalute e tantissimi ETF, e per molti asset richiede 0% di costi di commissione. Di contro Fineco Bank applica dei costi fissi minimi che rendono necessario un investimento maggiore per non farli pesare sul bilancio.

Il più grande vantaggio di Fineco sta nel fatto di avere la sede in Italia e ciò gli permette di fare da sostituto d’imposta, ossia di offrire un regime amministrato per la gestione fiscale.

In questo caso sarà il broker a dichiarare al fisco i profitti ottenuti dagli investimenti del proprio cliente. Al contrario, con eToro sarà l’investitore a dover aggiungere tali guadagni nella sua dichiarazione dei redditi.

Infine, Fineco chiede ben €12 per poter consultare l’andamento in tempo reale degli asset su cui si investe, mentre eToro lo offre gratuitamente. E grazie alla sua comoda app mobile si può rimanere sempre aggiornati da qualsiasi luogo.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Intermediari finanziari: che ruolo svolgono?

Dopo aver presentato una definizione generale, giungendo poi alle dovute specificazioni circa ogni singola categoria di intermediario finanziario, vogliamo spiegare meglio qual è il ruolo che svolgono.

Si tratta di una figura fondamentale per il corretto funzionamento dei mercati finanziari: gli intermediari sono coloro che consentono all’economia di muoversi, mettendo  spesso in relazione i singoli con enti pubblici. 

Come già accennato, l’intermediario fa da collegamento tra:

  • Domanda: le società divenute pubbliche per cercare un sostegno economico per generare capitali;
  • Offerta: lo Stato, ma anche investitori singoli e famiglie.

Possiamo presentare, più precisamente,  il ruolo e le funzioni svolte dagli intermediari finanziari:

  1. Semplificano l’accesso ai mercati;
  2. Forniscono un aiuto per gestire il capitale/rischio.

Abbiamo mostrato che per ciò che concerne il campo degli investimenti finanziari, l’intermediario gioca un ruolo essenziale: ti consente di diminuire i costi di negoziazione, offrendo garanzie assicurative in determinati casi, e soprattutto, una diluizione del rischio.

Infatti, da questo punto di vista, possono aiutarti a dilazionare il tuo capitale affinché il rapporto rischi/perdite risulti sempre equilibrato.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Caratteristiche degli intermediari finanziari utili ai retail

Le necessità di un retail trader sono ben diverse da quelle, ad esempio, di investitori istituzionali. Infatti, gli investitori retail sono coloro che, individualmente, decidono di incrementare i propri risparmi attraverso un’attività finanziaria.

Intermediari finanziari

Ciò significa che si tratta di una categoria di investitori che dispone di capitali più esigui, per cui dovrà ricerca un intermediario finanziario che risponda perfettamente alle proprie esigenze.

Un chiaro esempio che riassume le caratteristiche di un intermediario finanziario utile ai retail sono i broker di trading online introdotti durante la prima parte della nostra guida. Infatti, non è un caso che siano perlopiù retail a preferire soluzione di investimento come il trading, avendo una gestione del proprio capitale più conforme alle proprie esigenze.

Infatti, i broker online richiedono commissioni molto più basse rispetto a banche e altri intermediari, un investimento iniziale minimo e lasciano il totale controllo del capitale nelle mani del cliente.

Tipologie di commissioni

Infatti, questi applicano commissioni basate sullo spread, per le posizioni overnight (tenute aperte durante la notte), o per effettuare depositi/prelievi. Tuttavia, non impongono i medesimi limiti che rendono molti intermediari finanziari poco affini ai retail traders. Tra questi:

  • Commissioni di intermediazione: si tratta di possibili costi a cui dover far fronte per questioni come richieste di estratto conto, trasferimento di somme di denaro a un conto diverso dal proprio, o addirittura tariffe per la chiusura del conto;
  • Commissioni per i Fondi Comuni d’investimento: come già accennato, decidendo di affidarsi a tali intermediari, dovrai considerare anche un costo annuale da pagare per partecipare a quel determinato fondo; ciò significa anche che, investendo in hedge fund col trading, la percentuale della commissione non viene prestabilita dal broker, ma dalla società stessa;
  • Canoni per l’utilizzo della piattaforma: diverse istituzioni bancarie prevedono il pagamento mensile di una commissione in base alla piattaforma e al livello operativo con cui si intende operare.

Valutare l’aspetto economico è essenziale quando si decide di intraprendere un percorso finanziario: è sempre bene procedere gradualmente, evitando di cimentarsi in spese che non si è in grado di reggere.

Proprio per questo motivo, l’intermediario finanziario più adatto è colui con cui puoi instaurare un rapporto di fiducia e che ti offre gli strumenti necessari per effettuare operazioni che rispettino le tue iniziali risorse economiche.

Considerazioni finali

La nostra guida ha avuto come obiettivo quello di presentare, nel dettaglio, cos’è un intermediario finanziario e quali sono le ragioni che motivano l’importanza che assume tanto per famiglie, quanto per i singoli investitori. 

Dopo averne presentato anche le diverse categorie, abbiamo tentato di chiarire quale fosse quello che maggiormente può aiutarti a realizzare i tuoi progetti.

Ciò che è emerso è che i broker di trading online sono gli intermediari finanziari che propongono le migliori condizioni di investimento ai retail traders, combinando servizi affidabili e commissioni accessibili.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Intermediari Finanziari: Domande Frequenti

Cos’è un intermediario finanziario?

Un intermediario finanziario è colui che, oltre alla tradizionale proposta di credito, offre delle soluzioni per operare su beni di mercato attraverso il  tuo capitale. Possono avere l’aspetto sia di istituzioni, come le banche, quanto di individui indipendenti (broker) che, giocando come terza parte, ti consentiranno di effettuare operazioni sui principali mercati finanziari.

I broker di trading sono intermediari finanziari validi?

I broker di trading online sono, a tutti gli effetti, degli intermediari finanziari. Rispondono alle normative e le regolamentazioni imposte dalla CONSOB (Commissione Nazionale per la SOcietà e la Borsa) affinché vengano poste tutte le garanzie per un accesso sicuro e controllato ai mercati da parte dei traders.

Perché gli intermediari finanziari sono importanti?

L’intermediario finanziario svolge una funzione importante per l’economia, in quanto consentono e, sotto diversi aspetti, facilitano un punto di incontro tra domanda e offerta. In effetti, possono considerarsi coloro che aiutano a far diventare i risparmi di un investitore in profitti: questo esclusivamente per il campo finanziario, in quanto assumono una certa rilevanza anche per l’offerta di crediti a coloro che ne hanno bisogno.

condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *