Mini Prestito BancoPosta [ex SpecialCash] – Prestito Facile da Richiedere

Il nuovo Mini Prestito BancoPosta (ex SpecialCash PostePay) è uno dei nuovi prodotti di Poste Italiane che dà la possibilità di ottenere un micro prestito veloce direttamente su carta

Il prestito “facile” di Poste Italiane si rinnova nel nome e nelle caratteristiche. Da SpecialCash a Mini Prestito BancoPosta un nome che comunica in maniera piuttosto diretta l’essenza di questo prodotto riuscitissimo di Poste Italiane: un mini prestito a tutti gli effetti, facile da richiedere e senza costi nascosti.

E’ tutto così semplice? Vediamo nel dettaglio l’offerta.

Cos’è il Mini Prestito BancoPosta

Gli istituti di credito, da sempre attenti alle varie congiunture economiche, propongono varie modalità di finanziamento per venire incontro alle diverse esigenze dei risparmiatori e Poste Italiane si è trovata spesso in prima linea nel proporre soluzioni convenienti e indirizzate a tutte le fasce d’età e di reddito. In questo contesto, ha messo a disposizione SpecialCash Mini Prestito BancoPosta il prestito facile erogato mediante ricarica del capitale finanziario richiesto sulla carta Postepay Evolution.

Leggi pure
PostePay Evolution: Opinioni, Costi Carta e Tempi. Conviene aprirla?

Mini Prestito BancoPosta (ex SpecialCash): Come funziona e Requisiti

special cash mini prestito

In sostanza, mini prestito BancoPosta è il prestito facile e senza busta paga che Poste Italiane SpA eroga a favore di tutti i titolari della PostePay Evolution.

Ciò significa che uno dei requisiti “sine qua non” per poter ottenere il finanziamento Mini Prestito BancoPosta è quello di essere titolari di Postepay Evolution di cui abbiamo offerto una recensione approfondita in una nostra precedente giuda.

Richiedere un mini prestito BancoPosta: PostePay Evolution

postepay evolution cardPer riassumere brevemente, quando parliamo di Postepay Evolution ci riferiamo alla Carta Conto dotata di IBAN offerta da Poste Italiane. Postepay Evolution mira ad offrire ai propri clienti le stesse possibilità di un normale conto bancario: permette quindi di inviare e ricevere bonifici, farsi accreditare lo stipendio/pensione, fare shopping online o presso esercizi commerciali, pagare le bollette (SDD-Sepa Direct Debit) inoltre tra le opzioni disponibili vi sono tutte quelle inerenti alla gestione delle transazioni contabili e finanziarie.

Tutti i soggetti titolari di una Postepay Evolution possono presentare domanda per richiedere un “Mini Prestito BancoPosta” in caso contrario è impossibile ottenerlo.

Essendo la Postepay Evolution una carta di credito prepagata, nominativa e ricaricabile con IBAN, i vantaggi per il titolare sono i seguenti:

  • pagamenti online;
  • ottenere l’accredito del proprio stipendio;
  • prelievi gratuiti da PostaMat;
  • invio e ricezione di bonifici;
  • possibilità di domiciliare le utenze sulla carta;
  • accesso al portale online per la lista dei movimenti;
  • pagare i pedaggi autostradali.

Per aprire/mantenere la Postepay Evolution occorre sostenere i seguenti oneri economici:

  • costi di apertura: 5 € di costo di emissione,
  • costi di mantenimento:10 € canone annuo.

Quindi se non avete una carta PostePay Evolution e volete richiedere il mini prestito BancoPosta mettete in conto le spese di cui sopra: 5 € all’apertura e 10€ il canone annuo.

Leggi pure
PostePay Evolution: Opinioni, Costi Carta e Tempi. Conviene aprirla?

Andiamo a vedere nel dettaglio interessi e importi che è possibile richiedere.

Mini Prestito BancoPosta: Importi, Costi e Tempi

Una volta ottenuta la nostra Postepay Evolution, possiamo richiedere il mini finanziamento. E’ possibile ottenere da 1000 € fino a 3000 € rimborsabili in 22mesi.

In dettaglio, nella tabella:

Importo richiesto Rate

Totale da pagare

Costo finale

1.000 euro da 50 euro

1.100 euro

100 euro

2.000 euro da 100 euro

2.200 euro

200 euro

3.000 euro da 150 euro


3.300 euro

300 euro

Tra le varie modalità messe a disposizione del cliente, il rimborso del finanziamento può avvenire mediante:

  • addebito sul conto corrente postale;
  • oppure tramite addebito sulla carta Postepay Evolution.

Mini Prestito BancoPosta Interessi

Ottenuto il prestito vi ritroverete a pagare un Taeg previsto per il 2018 al 10,14%. Quindi nel caso di un prestito richiesto di 1000 € dovrete rimborsare 1100€ finali.

Leggi pure
Prestito Veloce Online Senza Busta Paga e Senza Garante

Mini Prestito BancoPosta: Requisiti per ottenerlo

requisiti mini prestito

Per quanto concerne i requisiti necessari per ottenere il prestito, uno dei più importanti riguarda l’età anagrafica del richiedente.

Nello specifico, chi presenta istanza per la richiesta del Prestito BancoPosta deve avere un’età compresa fra 18 e 76 anni ed essere residenti sul territorio nazionale (anche gli stranieri possono farne richiesta a condizioni più rigide, vedi sotto).

Requisiti

  • Postepay Evolution attiva;
  • da 18 a 76 anni.

Documenti Necessari

Per richiedere questa forma di credito non si segnalano problematiche specifiche, infatti per poter procedere dovrai semplicemente recarti presso uno degli sportelli postali della tua città. Per ottenere il prestito facile ricordati di presentarti munito di:

  • documenti in corso di validità,
  • tessera sanitaria,
  • documento attestante il reddito.
Leggi pure
Prestiti Cambializzati Online: Come Ottenere il Prestito

Prestito facile Postepay: Chi può fare richiesta?

mini prestito documenti

E’ davvero un prestito Senza Busta Paga?

Come già anticipato, Mini Prestito BancoPosta è un prestito personale che può essere erogato anche a soggetti senza busta paga, ciò non significa che il prestito viene concesso senza alcuna copertura. Infatti, seppur la mancata presentazione di un documento che attesti l’esistenza di un rapporto di tipo lavorativo a tempo indeterminato non rappresenta necessariamente un problema, dall’altra parte è necessario presentare adeguate garanzie. In effetti anche senza l’obbligo di avere una busta paga, bisogna dimostrare di avere un reddito e di essere in grado di sostenere le rate del prestito.

Puoi certificare la tua situazione reddituale presentando, ad esempio, il CUD.

Anche in caso non avessi in questo momento una busta paga regolare, un accredito originato da lavoro occasionale o da progetto Co. Co. Co. — oppure un’altra fonte di reddito non derivante necessariamente da un rapporto di lavoro — ti permettono di presentare all’ufficio postale le giuste garanzie per poter richiedere il finanziamento.

Mini Prestito BancoPosta: prestito rifiutato

Non sono assenti i casi in cui si parla di prestito postepay rifiutato. 

Ma secondo quali criteri si stabilisce che la richiesta di un prestito non è idonea?

Prima di approfondire la questione proviamo a riassumere alcuni punti utili e inserendo alcune informazioni aggiuntive:

Secondo quanto letto poc’anzi l’istanza del piccolo prestito facile può essere presentata da tutti coloro che sono assunti con regolare contratto di lavoro subordinato (a tempo indeterminato e/o determinato), dai lavoratori atipici, dai pensionati, dagli autonomi e dai Liberi Professionisti, titolari di Partita Iva e da tutti coloro che possono fornire le giuste garanzie.

Per i soggetti disoccupati, è contemplata la possibilità di valutare l’istanza caso per caso e di verificare la capacità di fornire ulteriori garanzie per ottenere credito.

compass prestito

Il presupposto importante per capire al meglio come funziona la valutazione dei requisiti di accesso è che il prestito erogato non è gestito direttamente da Poste Italiane la quale si affida a un istituto di credito esterno per garantire i finanziamenti ai propri clienti.

Quindi nonostante stiamo parlando di un servizio di Poste Italiane, il mini prestito di BancoPosta è garantito da una Finanziaria, in questo caso specifico è emesso da Compass.

Come si legge sul sito di PosteItaliane:

La concessione del finanziamento è soggetta ad approvazione di Compass Banca S.p.A. Poste Italiane S.p.A. – Patrimonio BancoPosta, colloca Mini Prestito BancoPosta in virtù di un accordo distributivo non esclusivo sottoscritto con Compass Banca S.p.A., senza costi aggiuntivi per il cliente.

In breve, anche se la domanda può essere fatta all’ufficio postale abilitato compilando il modulo di micro prestito postepay, in seguito sarà però la Compass a verificarne i requisiti per erogare il prestito e a decidere se il richiedente ha i titoli per ottenere il prestito — che quindi non potrà essere garantito a tutti i richiedenti, ad esempio, per cattivi pagatori o protestati.

In ogni caso, l’ufficio postale ricopre un ruolo importante per procedere con la richiesta del mini prestito BancoPosta, in effetti resta l’unica modalità disponibile e ad oggi per poter procedere con la richiesta di prestito e, ad oggi, non è disponibile la richiesta online per SpecialCash Postepay.

Mini Prestito PostePay senza redditospecial cash homepage

È difficile poter parlare di mini prestito senza reddito. Come abbiamo visto per poter avere accesso al prestito è necessario presentare delle garanzie le quali non devono per forza essere collegate ad una situazione lavorativa stabile. Quindi fondamentalmente è possibile richiederlo senza busta paga.

Ma è anche vero che presentarsi senza avere una situazione reddituale stabile può rivelarsi un grande ostacolo per ottenere il prestito.

Tra i vari elementi che possono concorrere alla mancanza di erogazione del prestito, devi considerare se stai già ricevendo:

  • un altro prestito;
  • un sussidio di disoccupazione.

Queste situazioni infatti potrebbero pesare negativamente sulla valutazione dell’accreditamento del prestito su PostePay Evolution, in tal caso, infatti, le garanzie da presentare potrebbero farsi ancora più stringenti rendendo improbabile l’assegnazione del prestito.

Mini Prestito BancoPosta per Cittadini Stranieri

prestito cittadini stranieri

E i cittadini stranieri? Possono ricevere il micro prestito? E soprattutto, quali requisiti devono avere per richiedere il prestito?

Facciamo un po’ di chiarezza:

In questo caso, per ottenere il prestito BancoPosta sono richiesti ulteriori requisiti e documentazioni:

  • la residenza continuativa da almeno 12 mesi in Italia (36 mesi se lavoratori autonomi),
  • documentazione che attesti l’esistenza di un rapporto di lavoro di almeno 12 mesi continuativi presso il medesimo datore di lavoro,
  • possesso di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno in corso di validità e passaporto.

Inoltre, rispetto alla documentazione prevista di default, Poste Italiane SpA si riserva la possibilità di richiedere, a seconda delle specifiche caratteristiche del richiedente, ulteriore documentazione aggiuntiva.

 

Mini Prestito BancoPosta: recensioni

Analizzando le opinioni su SpecialCash Micro Prestito BancoPosta presenti sul web e le riviste specializzate, possiamo affermare che questo prestito rappresenta una buona soluzione per tutti i titolari di Postepay Evolution.

Sicuramente il cliente che sceglie Mini Prestito BancoPosta può fare affidamento su sicurezza e trasparenza del servizio, ad ogni modo, ci sono dei punti che potrebbero essere gestiti meglio e che, se migliorati, offrirebbero sicuramente di più ai propri clienti.

Andiamo a vederli più nel dettaglio:

Come visto in precedenza, Mini Prestito Banco Posta è un servizio che in pochi giorni ti permette di ottenere il tuo prestito sulla tua carta, inoltre, è un servizio che, con le dovute garanzie, può essere richiesto anche dai disoccupati, dagli stranieri presentando alcuni documenti in più.

Per ciò che concerne la cifra massima di 3000€ da poter richiedere, può essere un limite, difatti può essere utile solo per chi ha bisogno di gestire spese impreviste o fare piccoli acquisti, ma non è così per tutti coloro che hanno altre esigenze, a volte le spese impreviste possono superare facilmente quella cifra.

Inoltre anche se il TAN  non ha costi, l’interesse viene comunque recuperato con le commissioni mensili, pur rimanendo molto competitiva a livello di costi.

In buona sostanza, il Mini Prestito di Poste Italiane dispone di un’offerta in linea con altri competitor e sotto certi aspetti anche più conveniente.

Le criticità maggiori si concentrano su una mancata implementazione della dimensione online di questo servizio.

Leggi pure
Prestito Veloce Online Senza Busta Paga e Senza Garante

Come richiedere il Mini Prestito

Sia per richiedere il mini prestito BancoPosta che per la PostePay Evolution è necessario recarsi presso uno sportello postale della propria città.

Poste Italiane consiglia inoltre di prendere un appuntamento con un consulente di Poste chiamando il numero gratuito 800.00.33.22, in ogni caso recandovi in uno degli uffici postali in tutta Italia troverete sicuramente un consulente che vi darà tutte le informazioni necessarie per richiedere il prestito.

Mini Prestito BancoPosta: richiesta online

Postepay difatti non permette di gestire la richiesta online, non sono disponibili moduli da completare online e l’unico modo per attivare la richiesta è presentarsi fisicamente all’ufficio postale con tutto ciò che ne consegue in termini di tempo e di praticità, senza neanche avere la certezza di vedere accolta la richiesta che sarà esaminata da Compass.

compass homepage

In conclusione, Poste Italiane dovrebbe rivedere certe strategie per mettere a disposizione dei clienti prodotti e servizi senza trascurare la possibilità di fare richiesta da casa senza doversi recare ad uno sportello posta. Un aspetto che invece non viene trascurato dai principali concorrenti.

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LIMITAZIONI DI RESPONSABILITA'

Su Finaria.it parliamo spesso di Investimenti azionari e di Forex Trading, è bene ricordare ai nostri visitatori che il Forex Trading comporta un elevato livello di rischio e può non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di effettuare una registrazione o di cominciare a fare trading online con il forex o attraverso i broker di CFD, si prega di approfondire tutti i rischi associati a questa attività. Tutte le informazioni che troverete su Finaria.it sono pubblicate solo per scopi informativi. Noi non diamo assolutamente alcuna garanzia riguardo la precisione e l'affidabilità di queste informazioni. Qualsiasi azione prenderete sulla base delle informazioni fornite dal nostro sito è rigorosamente a vostro rischio e pericolo e lo staff di Finaria non sarà responsabile di eventuali perdite e / o danni in relazione all'uso delle informazioni o notizie fornite dal nostro sito web.


DIRITTO D'AUTORE

Tutti i contenuti testuali su Finaria sono protetti da copyright e dalle leggi sulla proprietà intellettuale. L'utente non può riprodurre, distribuire, pubblicare o trasmettere qualsiasi contenuto, frase, immagine senza indicare il sito web www.finaria.it come fonte. Finaria non rivendica il copyright sulle immagini usate sul sito web, tra cui loghi, immagini e illustrazioni varie.