Comprare Bitcoin con PaySafeCard: Guida e Come funziona

Puoi comprare Bitcoin con Paysafecard passando in tabaccheria. Ma come funziona? Si può mantenere l'anonimato?

Andrea Roventini

Dottore Commercialista ed Esperto Trader


Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.

Nel mondo del trading online, il numero di investitori interessati al mercato delle criptovalute è sempre crescente e con esso la nascita di strumenti sempre più innovativi per negoziare queste monete virtuali. 

Nonostante ce ne siano molte sui mercati, la regina indiscussa delle criptovalute resta Bitcoin, la prima valuta virtuale lanciata sul mercato che, più di un decennio fa, ha dato il via alla febbre del crypto trading.

E’ facilmente intuibile, quindi, che molti siti di exchange o piattaforme di trading si sono attrezzate per offrire i più disparati servizi per negoziare Bitcoin e tra questi, la possibilità di accedere a diversi metodi di pagamento per inserire questo prodotto nel proprio wallet. 

Tra i vari metodi di pagamento in circolazione, oggi andremo ad esporne uno alquanto singolare: si tratta di Paysafecard, un sistema di pagamento comodo e innovativo che consente di effettuare pagamenti con un maggiore anonimato, anche ricorrendo al servizio lottomatica in tabaccheria. 

Comprare Bitcoin con Paysafecard, richiede un passaggio in più poiché è un metodo di pagamento che non permette di acquistare bitcoin direttamente ma tramite voucher per ricaricare il proprio conto dal quale, poi, sarà possibile procedere con l’acquisto. 

Tuttavia, si tratta di un metodo sicuro e che presenta una serie di vantaggi. In questa breve guida andremo a vedere passo dopo passo come comprare Bitcoin con Paysafecard, analizzando nel dettaglio tutte le caratteristiche peculiari di questa carta fornendo anche valide alternative per i lettori interessati a valutare diverse opzioni. 

Inoltre, andremo a presentare alcuni tra i migliori intermediari finanziari presenti sui mercati per comprare bitcoin con Paysafecard, come eToro che mette a disposizione numerosi metodi di pagamento e offre bitcoin a commissioni davvero competitive.

  1. Registrati a eToro;
  2. Deposita il denaro tramite la tua PaySafeCard;
  3. Fai pratica con il conto demo;
  4. Cerca fra gli strumenti il Bitcoin (BTC) e seleziona la modalità con carta;
  5. Seleziona l’importo ed attua la tua strategia.

Il 68% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Come comprare Bitcoin con Paysafecard: piattaforme supportate

La prima cosa da sapere ha a che fare con le piattaforme che supportano PaySafeCard come metodo di deposito e prelievo.

Il Bitcoin, infatti, è una criptovaluta che è messa a disposizione degli investitori da broker ed exchange. I primi permettono di speculare sulle variazioni di quotazioni del BTC, mentre i secondi rendono possibile l’acquisto diretto.

Per fare entrambe le operazioni dovrai rifornire di carburante il tuo conto di investimento. Detto altrimenti, depositare soldi (in gergo, valuta FIAT).

Fatta questa piccola premessa, entriamo nel vivo di questa guida e vediamo come comprare Bitcoin con Paysafecard.

Una piccola premessa: la chiave di accesso ai Bitcoin con PaySafeCard sono le piattaforme Skrill e Neteller che fanno parte del gruppo PaySafe e sono ammesse dalle migliori piattaforme di trading online.

Questo accade perché la stessa società madre ha preferito potenziare i servizi di questi due portafogli virtuali dando a PaySafeCard il ruolo di “tramite” per i pagamenti anonimi e sicuri. 

La prima cosa da fare per comprare Bitcoin con Paysafecard, quindi, è munirsi di un account Skrill o Neteller e scegliere PaySafeCard come metodo di deposito.

Una volta fatto questo, potrai scegliere tra numerose piattaforme che supportano entrambi i metodi di deposito. Eccoti un elenco delle migliori.

eToro

Abbiamo assegnato il primo posto a eToro, considerato globalmente uno dei migliori broker di trading online, per numerose motivazioni.

In primis, il broker supportala carta PaySafeCard (essendo una carta MasterCard) senza imporre alcuna commissione per le transazioni in EUR, USD, GBP e AUD. Questo metodo di deposito è immediato.

In secondo luogo, eToro supporta tanto i pagamenti tramite Skrill che Neteller, servizi che, come vedrai, sono connessi strettamente alla carta PaySafeCard. Anche in questo caso i depositi sono esenti da commissioni e immediati.

La differenza tra i due metodi di pagamento è dettata dai limiti di deposito: con carta PaySafeCard potrai depositare fino a 40mila euro una volta che avrai verificato il tuo account. Con Skrill e Neteller, invece, il limite di deposito è di 10mila euro.

Una volta effettuato il deposito potrai liberamente sfruttare le offerte di eToro per comprare Bitcoin.

Il 68% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Capital.com

Capital.com è un broker che propone una netta distinzione tra i metodi di pagamento per effettuare il primo deposito e quelli permessi per i depositi successivi.

Per quale motivo, ti starai chiedendo? Semplice: si tratta delle soluzioni che il broker ha elaborato per rispondere alle norme previste dal CFT e AML (rispettivamente per la lotta al finanziamento del terrorismo e al riciclaggio di denaro).

Con il primo deposito, infatti, il broker va anche a convalidare l’account e si accerta della propria autenticità. Per questo motivo potrai usare solo la tua carta PaySafeCard (essendo una carta MasterCard).

Per i depositi successivi al primo, invece, nella misura in cui il tuo account sarà stato convalidato, potrai anche utilizzare Skrill e Neteller.

In entrambi i casi queste soluzioni sono valide sia per i depositi che per i prelievi.

Il 73.81% degli account di investitori individuali perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore

AvaTrade

AvaTrade rientra anch’esso tra le principali piattaforme per comprare Bitcoin nell’eurozona.

A livello di metodi di pagamento, AvaTrade permette di effettuare il primo deposito sia tramite carta PaySafeCard che tramite il proprio portafogli Skrill.

Questo perché diversamente da Capital.com, AvaTrade effettua verifiche e analisi dei propri clienti prima dell’effettuazione del primo deposito. Si tratta di procedure diverse ma altrettanto efficaci.

Prima di effettuare un deposito con AvaTrade, dunque, dovrai fornire una prova della tua identità (una foto leggibile e a colori del tuo documento) e una prova della tua residenza nell’eurozona (è sufficiente una bolletta delle utenze intestate a proprio nome).

Il vantaggio di comprare Bitcoin con PaySafeCard utilizzando AvaTrade è connesso per lo più alle brevi tempistiche di deposito e prelievo e alle commissioni nulle previste dal broker.

Il 71% degli account di investitori individuali perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore

Convertire euro in Bitcoin con PaySafeCard

Oltre ad essere un ottimo strumento per effettuare i depositi sui principali broker, PaySafeCard ti permette anche di sfruttare al massimo i migliori exchange di criptovalute per poter convertire direttamente i tuoi euro in Bitcoin.

Gli exchange che ti descriveremo qui sotto, infatti, supportano PaySafeCard oltre a metterti a disposizione la possibilità di operare su Bitcoin direttamente con valuta FIAT (nello specifico, con l’euro). Un vantaggio?

Decisamente si. Poter comprare Bitcoin essendo solo in possesso di una PaySafeCard, infatti, ti eviterà di dover affrontare ulteriori passaggi (e, conseguentemente, ulteriori commissioni).

Questo è uno dei requisiti fondamentali per iniziare a costruirsi un proprio portafogli di critpovalute, che inizialmente comprenda il Bitcoin ma che, successivamente, possa prendere in considerazione altre crypto altamente proficue.

Eccoti, dunque, i migliori exchange per scambiare direttamente i tuoi euro in Bitcoin con PaySafeCard.

Binance

Binance

Binance si posiziona in cima alla nostra classifica non solo per le tipologie di deposito & prelievo che mette a disposizione ma anche per il suo ruolo nel panorama mondiale degli exchange.

Binance, infatti, è primo al mondo per volumi di scambio e, inoltre, grazie all’introduzione di un proprio token interno, è anche l’exchange con un maggiore impatto nel mondo criptovalutario.

Ma torniamo a PaySafeCard. Binance, infatti, ti permette di depositare valuta FIAT (nel caso specifico, euro) tramite carte di credito VISA e MasterCard.

Inoltre, utilizzando la carta PaySafeCard non ti troverai a pagare commissioni di deposito.

Per quanto riguarda portafogli Skrill o Neteller, Binance ti permette di utilizzarli per comprare direttamente Binance Coin (BNB) e da lì costruirti poi un portafogli di Bitcoin.

Coinbase

Coinbase logo

Coinbase è un exchange interessante, specie perché mette a disposizione dei propri clienti un servizio di carta di credito incentrato sulle criptovalute e sul proprio portafogli di investimento che si crea sulla piattaforma.

Ma torniamo a PaySafeCard. Come nel caso di Bianance, anche Coinbase, infatti, ti permette di effettuare il primo deposito con qualsiasi carta di credito VISA e MasterCard.

Quindi, PaySafeCard è una soluzione più che buona per iniziare a comprare Bitcoin su Coinbase. A maggior ragione che la piattaforma non impone alcun tipo di commissione sul deposito.

Per quanto riguarda i prelievi, Coinbase ti permette anche di realizzare prelievi istantanei (premesso che sul tuo conto hai liquidità sufficiente a realizzarli).

Si tratta di una procedura, tuttavia, che in Europa non è ancora disponibile per le carte MasterCard. Quindi con la tua PaySafeCard dovrai attendere che il Master Card Send venga abilitato in EU.

Cos’è Paysafecard

Ultimamente si sente spesso parlare di Paysafecard come sistema di pagamento alternativo, ma di cosa si tratta esattamente?

Paysafecard è un metodo di pagamento virtuale che non richiede l’utilizzo di un conto corrente bancario o di una carta di credito. 

E’ il prodotto di una Holding viennese che comprende anche i marchi Skrill e Neteller, il gruppo Paysafe che ha introdotto questo ulteriore metodo di pagamento oltre le due carte citate anche se si tratta in un certo senso di prodotti complementari, come vedremo più avanti. 

L’innovazione di PaySafeCard sta nella possibilità di effettuare acquisti online con sicurezza e anonimato, infatti è ampiamente utilizzato per acquisti in app, gaming online e soprattutto per comprare Bitcoin

Proprio per questi ultimi giocano un ruolo fondamentale i già citati Skrill e Neteller prodotti dalla stessa compagnia proprio perché fanno da ponte tra Paysafecard e la piattaforma di trading. Come detto sopra, infatti, non è possibile acquistare Bitcoin direttamente con Paysafecard, ma ricaricando il proprio conto Skrill o Neteller. 

Ma quindi come funziona Paysafecard?

Come funziona l’acquisto con PaySafeCard?

Semplice, è possibile utilizzarla in vari modi diversi a seconda delle proprie esigenze o disponibilità. Innanzitutto è possibile richiedere una Paysafecard tramite il proprio circuito Mastercard, oppure presso punti vendita autorizzati come tabaccherie, supermercati, edicole, punti Sisal. 

Uno dei metodi più utilizzati è il secondo dove si può richiedere la propria Paysafecard pagandola in contanti e riceverla sottoforma di Voucher al quale è associato un PIN di 16 cifre da inserire nell’apposita sezione al momento di effettuare il pagamento online. 

Questi voucher generalmente riportano dei valori prefissati da 10, 25, 50 e 100 EUR e dispongno di un PIN ed un codice QR che, quindi, garantiscono il totale anonimato dei pagamenti.

Inoltre è possibile acquistare i voucher anche online creando un account Paysafecard gratuito e pagandoli con carta di credito o di debito come PayPal. In questo modo sarà possibile anche cumulare diversi voucher per effettuare acquisti maggiori, come nel caso dei Bitcoin. 

E’importante ricordare che all’interno del proprio conto Paysafecard, l’anonimato è comunque garantito perchè vige un regolamento ben preciso sul rispetto dei dati personali dell’utente e la piattaforma stessa si impegna a non diffondere informazioni personali sui siti dove saranno effettuati gli acquisti. 

Sebbene il metodo dei voucher sia quello più utilizzato, esiste anche la possibilità di richiedere una carta prepagata Paysafecard che permette di utilizzare i propri fondi sia online che in negozi fisici.

Si tratta di una carta MasterCard che, però, presenta dei costi leggermente più elevati rispetto al metodo dei voucher e per questo non è particolarmente diffusa tra i consumatori. 

Tuttavia, per l’acquisto di bitcoin è una soluzione più che valida grazie al suo circuito internazionale e vale la pena prenderla in considerazione se si decide di usufruire di Paysafecard principalmente per questo tipo di acquisti. 

Leggi pure
Le criptovalute che saliranno nel 2023: le vere occasioni del mercato

Come ottenere una carta Paysafecard

Come accennato sopra, oltre all’acquisto dei voucher Paysafecard fisici, è possibile richiedere la carta prepagata Paysafecard emessa dal circuito Mastercard

Questa carta permette di effettuare acquisti sia in negozi fisici che acquisti online mantenendo comunque la sicurezza e l’anonimato tipici di Paysafecard.

È possibile richiederla registrandosi sul sito ufficiale inserendo tutti i dati e i documenti richiesti. 

La carta arriverà per posta nel giro di dieci giorni lavorativi e sarà collegata al proprio conto online e gestita tramite l’home banking del conto al quale è connessa. La carta è sprovvista di IBAN ma dotata di codice di sicurezza e numero di identificazione come tutte le carte prepagate, inoltre, dispone di un chip contactless per gli acquisti reali. 

La Paysafecard Mastercard, a causa dei costi di gestione è leggermente meno diffusa rispetto all’acquisto di voucher cartacei che non vanno oltre la cifra netta dell’acquisto.

La carta, invece, presenta i seguenti costi

  • Canone annuo pari a 9,90 EUR; 
  • 3% di commissioni sui prelievi ATM; 
  • 2% di commissione sul cambio valuta; 
  • 4% di importo caricato sulla carta; 

Si tratta comunque di costi non particolarmente elevati e, se si intende usufruire di Paysafecard principalmente per il trading e l’acquisto di Bitcoin, è una soluzione che vale la pena prendere in considerazione dati i vantaggi che presenta il suo circuito internazionale. 

La carta può essere ricarcata online tramite il proprio conto MyPasafecard e utilizzata per comprare Bitcoin come una normalissima carta prepagata. 

Leggi pure
Come investire in Bitcoin: Guida pratica e trucchi per evitare le truffe

Comprare Bitcoin con PaySafeCard: le commissioni

L’acquisto di Bitcoin con Paysafecard è interessante non solo per le inusuali modalità di acquisto ma anche per i costi di commissione estremamente competitivi. Oltre a quelle facoltative già citate per la carta prepagata Paysafecard Mastercard, ce ne sono alcune standard applicate al trasferimento di denaro da Paysafecard alle altre piattaforme dello stesso circuito. 

Trasferire il proprio denaro da PaySafeCard a Neteller, ad esempio, richiede una commissione del 2,50%, mentre lo stesso procedimento su Skrill impone una commissione pari all’1% del valore trasferito. 

Anche per questo motivo la maggior parte dei trader predilige questa seconda opzione rispetto alla prima. Aprire conto Skrill, infatti, ha dei costi di gestione molto accessibili ed è la soluzione più conveniente per i clienti Paysafecard. 

Oltre ai costi di trasferimento, bisogna tenere a mente che ci sono anche le commissioni applicati dagli exchange per l’acquisto di Bitcoin. Su eToro, ad esempio, comprare Bitcoin con PaySafeCard è particolarmente conveniente proprio per le commissioni leader di mercato: 

eToro, infatti, offre i suoi servizi a zero commissioni per le singole operazioni di trading applicando solo uno spread dello 0,75% e una commissione di trasferimento credito pari a 150 pips. 

Il 68% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Comprare Bitcoin con Paysafecard: Recensioni

Quando si deve scegliere un metodo di pagamento per comprare Bitcoin o per qualsiasi altra operazione di trading, i feedback di altri utenti sono importanti per prendere una decisione di questo tipo. 

In rete è facile trovare opinioni e recensioni su Paysafecard Bitcoin e su tutti i vantaggi che questo sistema di pagamento alternativo offre ai propri clienti. 

La maggior parte degli utenti consiglia PaySafeCard soprattutto per la sicurezza dei pagamenti e la garanzia di anonimato.

Le opinioni degli utenti su PaySafeCard

Questo è dovuto al fatto che si tratta di un sistema che non richiede un pagamento diretto ma che offre la possibilità di acquistare voucher rassicurando gli utenti che vogliono mantenere una certa discrezione sui propri dati personali.

Inoltre, la possibilità di appoggiarsi ai conti di Neteller e Skrill permette di usufruire di ulteriori servizi aggiuntivi di due conti virtuali accettati dalla maggior parte delle piattaforme di trading.

Vantaggi e Svantaggi di comprare Bitcoin con PaySafeCard

Per fornire una panoramica completa e obiettiva sull’acquisto di Bitcoin tramite Paysafecard, occorre fare un ulteriore approfondimento su quelli che sono i punti di forza e i punti deboli di questo servizio esponendo i vantaggi e svantaggi di comprare Bitcoin con Paysafecard. 

Partiamo prima dai vantaggi: 

  • Acquisto facile: Paysafecard è un metodo di pagamento molto diffuso ed esistono numerosi punti vendita che permettono di acquistare i voucher o di ricaricare il credito. In questo modo sarà possibile acquistare Bitcoin in modo facile e veloce; 
  • Anonimato: Dato che non è necessario collegarsi ad un conto bancario o carta di credito per poter acquistare Bitcoin con Paysafecard, è possibile effettuare pagamenti nel massimo della discrezione; 
  • Velocità di esecuzione: Le transazioni di Paysafecard sono istantanee o al massimo richiedono pochi minuti di attesa;
  • Commissioni accessibili: Le commissioni delle transazioni richiedono costi davvero bassi e risulta un metodo di pagamento molto conveniente sotto questo punto di vista. 

Per quanto riguarda gli svantaggi, invece, se ne possono individuare solo due: 

  • Non accettato da tutti: Purtroppo questo metodo di pagamento è ancora in fase di diffusione, pertanto, non tutti gli exchange di criptovalute lo accettano. Tuttavia, la possibilità di appoggiarsi al proprio conto Neteller o Skrill fornisce qualche possibilità in più; 
  • Importo di transazione limitato: come detto sopra, i voucher Paysafecard hanno dei valori prefissati che vanno da 10 a 100 euro. Tuttavia, in alcuni casi è possibile cumulare i voucher per effettuare pagamenti di importi maggiori ed acquistare tranquillamente la quantità desiderata di Bitcoin. 
Leggi pure
Come comprare STEPN (GMT): investi nel protocollo move-to-earn

Comprare Bitcoin con Paysafecard: principali alternative

Nel corso di questa guida, sono state esposte tutte le caratteristiche di Paysafecard e di tutte le modalità offerte da quest’ultima per poter comprare Bitcoin in totale sicurezza e tutela dei propri dati personali.

Tuttavia, come già accennato, non è possibile comprare Bitcoin con Paysafecard direttamente ma solo tramite i propri conti associati alla carta Skrill e Neteller.

Questo richiede, quindi, un passaggio in più, cioè, l’acquisto del voucher e la ricarica del proprio conto prima di effettuare il pagamento sulla piattaforma scelta. 

Malgrado questo passaggio non richieda troppo tempo, alcuni trader potrebbero preferire un’alternativa più immediata per l’acquisto di Bitcoin e a questo proposito, vorremmo fornire alcune alternative valide a PaySafeCard

Una delle più accreditate sulla maggior parte dei siti di exchange è PayPal, una delle piattaforme di pagamenti online più diffuse al mondo, accettata da quasi tutte le migliori piattaforme di trading online e che abbiamo approfondito nella nostra guida su come comprare Bitcoin con Paypal

Un’altra valida alternativa a Paysafecard è costituita da Hype, un conto online ampiamente diffuso tanto tra i trader che non.

Comprare Bitcoin con carta Hype permette di operare sia su piattaforme esterne che non, offrendo la possibilità di aprire un crypto wallet personale da gestire all’interno del proprio conto Hype.

Leggi pure
Bitcoin Italia: Tutto ciò che un italiano deve sapere sul possesso di BTC

Comprare Bitcoin con PaySafecard: Conclusioni 

Comprare Bitcoin con PaySafeCard rappresenta un modo alternativo e innovativo di comprare criptovalute in modo sicuro e veloce, con la possibilità di gestire il proprio portafoglio virtuale senza l’utilizzo di un conto corrente bancario o di una carta di credito. 

Nel corso della guida, infatti, sono emersi degli spunti interessanti su questo nuovo servizio di pagamento online che offre valide alternative ai pagamenti online classici.

In questo modo i clienti potranno scegliere scegliere varie strade. L’acquisto in contanti di voucher o la possibilità di richiedere una carta prepagata da associare al proprio conto ne sono due esempi.

Questo mantenendo, comunque, invariata la sicurezza dei propri dati.

In questo approfondimento su come comprare Bitcoin con Paysafecard, sono state fornite tutte le informazioni relative a costi di gestione e commissione del servizio offerto da questa società e valide alternative per i trader più esigenti che vogliono compra Bitcoin in modo più diretto.

Tuttavia, nonostante la sicurezza di questo metodo di pagamento, non bisogna dimenticare i rischi che comportano le attività di trading online tenendo sempre conto che i Bitcoin rientrano in un mercato particolarmente volatile.

Pertanto occorre valutare tutti i rischi del caso rivolgendosi solo a broker certificati come quelli consigliati in questa guida. 

Leggi pure
Comprare Chainlink: Conviene? Come e Dove investire sulla Criptovaluta

Comprare Bitcoin con PaySafeCard – Domande Frequenti

Come comprare Bitcoin con PaysafeCard?

PaySafeCard offre varie opzioni per comprare Bitcoin: è possibile acquistare un voucher PaySafeCard in un punto vendita autorizzato oppure richiedere una carta prepagata PaySafeCard del circuito MasterCard per eseguire i pagamenti direttamente online. 

Dove comprare Bitcoin con PaysafeCard?

Per comprare Bitcoin con PaySafeCard bisogna rivolgersi a un broker autorizzato o a un exchange certificato che accetti pagamenti con PaySafeCard. E’ importante ricordare che non è possibile acquistare BTC direttamente con PaySafeCard ma sfruttando questa opzione per ricaricare i propri conti Skrill o Neteller collegati al proprio wallet virtuale. 

Si può comprare Bitcoin con Paysafe Card in anonimato?

Sebbene i voucher PaySafeCard non richiedono alcun dato personale per l’acquisto, sui siti exchange non è possibile comprare Bitcoin in modo totalmente anonimo.
Piattaforme come Binance, infatti, devono sempre e comunque rispettare le normative europee in materia di anti-riciclaggio (CFD e AML).

Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.


Andrea Roventini

Dottore Commercialista ed Esperto Trader

Laureato in Economia all'Università di Bologna nel lontano 2003, svolgo da 10 anni l'attività di Commercialista presso lo studio della mia famiglia. Amo definirmi trader indipendente e "alternativo" proverò a darvi qualche informazione sui migliori sistemi per ottenere risultati positivi con il trading e con gli investimenti.

Laureato in Economia all'Università di Bologna nel lontano 2003, svolgo da 10 anni l'attività di Commercialista presso lo studio della mia famiglia. Amo definirmi trader indipendente e "alternativo" proverò a darvi qualche informazione sui migliori sistemi per ottenere risultati positivi con il trading e con gli investimenti.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *