Come Vendere Bitcoin: Migliori soluzioni per scambiare BTC in euro

Piattaforme e procedura per convertire bitcoin in valuta reale

Se hai aperto il nostro articolo, è perché sarai sicuramente alla ricerca di una guida chiara e dettagliata, che mostri tutte le principali metodologie presenti sul mercato per poter vendere Bitcoin.

Sappiamo che i processi di scambio e di conversione da e in criptovalute rappresentano meccanismi molto delicati. Le transazioni, sempre e comunque per via telematica, richiedono servizi professionali e con numerose procedure di sicurezza.

Per questo motivo, è sempre importante decidere di fare affidamento su operatori professionali, onde evitare di incappare in un intermediario truffaldino e perdere tutti i propri capitali o le proprie criptovalute in pochissimo tempo.

Il nostro team di esperti ha subito individuato 3 delle migliori soluzioni per poter ad oggi vendere Bitcoin in modo autonomo e personale:

🏆 Miglior piattaforma 2021 per vendere BitcoineToro
🥇 Miglior broker CFD per BTC (vendita allo scoperto)Capital.com
🏅 Miglior exchange per vendere BTCBinance

Nel corso dei paragrafi successivi entreremo nel dettaglio della questione, scoprendo cosa significa vendere Bitcoin, perché farlo e quali soluzioni alternative presenta il mercato.

Non mancherà la visione di broker ed exchange professionali, i quali danno la possibilità di iniziare a scambiare e convertire criptovalute in valuta Fiat in pochissimi secondi, basandosi su pochissimi passaggi intuitivi:

  1. Registrati a eToro;
  2. Scopri il servizio di eToroX o utilizza la vendita allo scoperto;
  3. Fai pratica con il tuo conto demo;
  4. Cerca fra gli strumenti il Bitcoin, prova il copy trading e le altre funzionalità;
  5. Seleziona l'importo, imposta stop loss e take profit ed attua la tua strategia.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Cosa vuol dire vendere Bitcoin

Vendere Bitcoin significa convertire una propria quantità di criptovaluta, in questo caso Bitcoin, ricevendo in modo parallelo una determinata quantità di valuta Fiat.

In altri termini, un normale processo di scambio, basato su alcuni parametri specifici, che permette di sostituire il possesso delle criptovalute con il possesso di denaro reale, ossia valuta legale.

Al momento della vendita dei Bitcoin, che come sappiamo necessitano del processo di conservazione all’interno di un Wallet, l’utente vedrà svuotarsi il proprio portafoglio digitale.

Dove finiscono i Bitcoin venduti?

A seguire alcuni casi:

  • Vengono immessi nuovamente all’interno della disponibilità del mercato tramite un intermediario. In altri termini, trattasi della tipica legge della domanda e dell’offerta. Se da una parte esistono soggetti volenterosi di acquistiate Bitcoin, dall’altra esistono soggetti intenzionati a vedere Bitcoin. Lo stesso processo si lega a quello della liquidità e disponibilità dei BTC.
  • Vengono inviati direttamente all’interno di un portafoglio terzo. In questo caso è il possessore dei Bitcoin che, previo accordo con la controparte, decide di inviare i Bitcoin tramite indirizzo (ossia sul Wallet dell’acquirente), ricevendo in cambio denaro contante o transazioni in modo telematico ed elettronico.

Contrariamente dal passato, dove vendere Bitcoin poteva risultare un processo alquanto ostico e complesso, ad oggi risulta tutto molto più semplificato. Nel corso dei paragrafi successivi, scopriremo infatti la presenza di molte soluzioni rapide e allo stesso tempo controllate.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Come vendere Bitcoin

Vendere Bitcoin rappresenta un processo molto semplice e diretto. La presenza di numerosi intermediari, ma soprattutto di piattaforme di ultima generazione, ha permesso di agevolare lo scambio, così da ottenere transazioni in pochi istanti.

Vendita Bitcoin

Con il passare del tempo, anche i sistemi per vendere Bitcoin (BTC) hanno subito sviluppi. Ad oggi si contano infatti diversi sistemi e tantissime metodologie, differenziate sulla base di alcune caratteristiche operative.

Ad accomunare il meccanismo di vendita, risulta in primo luogo la presenza del cosiddetto tasso di cambio, o tasso di conversione. Non è altro che il valore, espresso in dollari USA, della criptovaluta (che può variare attimo dopo attimo, 24 ore su 24) al momento della transazione.

Da tenere a mente, in ogni caso, come la vendita dei Bitcoin in modo fisico su piattaforme ed intermediari, richieda sempre la presenza di commissioni. È quindi opportuno andare alla ricerca di operatori con costi e fees relativamente esigue, in modo da non gravare sulla scelta di vendita.

A tal riguardo, abbiamo deciso di analizzare alcune delle principali metodologie ad oggi presenti sul mercato, in modo da dare più alternative all’utente interessato a convertire i propri BTC.

Nel corso dei paragrafi successivi approfondiremo la vendita dei Bitcoin con:

  • Exchange
  • Piattaforme P2P
  • ATM Bitcoin
  • Vendita allo scoperto (CFD)

Vendere Bitcoin con exchange

Il primo sistema per poter vendere Bitcoin in modo rapido e controllato, con la consapevolezza di utilizzare un intermediario professionale, riguarda l’uso degli exchange online.

Come ricorda la parola stessa, un exchange non è altro che uno specifico operatore, in grado di agevolare l’incontro fra la domanda e l’offerta, permettendo da una parte di comprare criptovalute e dall’altra di venderle.

Il tutto può essere gestito all’interno di piattaforme interattive e di ultima generazione, le quali dispongono quasi sempre di un proprio portafoglio di custodia e di una personale sezione per la detenzione di valuta Fiat.

Molto semplicemente, quando l’utente è intenzionato a vedere i propri Bitcoin, può inserire l’importo degli stessi da voler convertire, ricevendo sul proprio account un determinato quantitativo, sulla base del tasso di cambio in live, decurtato delle commissioni.

Quali sono i migliori exchange di criptovalute presenti sul mercato? Ecco subito una tabella esaustiva:

ExchangeVendi Bitcoin (BTC)
eToroXVisita
BinanceVisita
CoinbaseVisita

eToroX

eToroX, l'exchange di eToro dedicato alle crypto

eToro offre un servizio professionale all’interno del suo ecosistema di trading. Infatti, eToro, oltre a essere un broker con oltre 10 anni di esperienza, e con risultati e volumi da record, offre una piattaforma exchange molto potente.

Come esposto in precedenza, tutti gli exchange professionali, oltre a permettere di comprare criptovalute, ne consentono anche la conversione opposta, ossia la vendita in cambio di valute Fiat.

Il funzionamento di eToroX risulta molto semplice ed intuitivo. Una rapida registrazione iniziale permette di creare un proprio account e di poter successivamente accedere alle tante funzionalità proposte.

All’interno della sezione di scambio, l’utente può tranquillamente passare dalla modalità di acquisto a quella di vendita, andando ad inserire da una parte l’importo e dall’altra la valuta Fiat di interesse (come ad esempio il dollaro).

eToroX Vendere Bitcoin

Ricordiamo inoltre come l’ecosistema eToro mostri la presenza anche di un vero e proprio portafoglio di custodia, utilizzabile per detenere, ricevere ed anche inviare Bitcoin (così come molte altre criptovalute supportate), chiamato eToro Wallet.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Binance

Binance Exchange

Un secondo exchange, anche in questo caso utilizzabile per poter vendere Bitcoin, ottenendo in modo parallelo valuta Fiat, è Binance.

Si tratta di uno degli exchange più conosciuti al mondo, presente ormai da diversi anni ed un vero e proprio punto di riferimento all’interno del settore degli scambi su criptovalute. Aggiunge a tutto ciò la presenza di diverse funzionalità interessanti.

È ad esempio possibile ricordare il meccanismo di Staking, per l’ottenimento di potenziali risorse dal congelamento di propri assets, fino ad arrivare a sezioni formative e gestione tramite applicazione per dispositivi mobili.

Una volta entrati all’interno della pagina ufficiale, l’utente può procedere con la vendita dei Bitcoin posseduti all’interno del comodo Wallet integrato, ottenendo valute Fiat nel proprio deposito (decurtate delle commissioni), sulla base del tasso di cambio.

Il tuo capitale è a rischio

Coinbase

Coinbase Exchange

Procedendo con la visione di una nuova proposta, troviamo Coinbase. Rappresenta un operatore professionale, con migliaia di utenti registrati ed un database composto da centinaia di criptovalute, aggiornato con costanza, attimo dopo attimo.

La funzione primaria di Coinbase è ovviamente basata sulla possibilità di poter comprare criptovalute, ossia anche Bitcoin. Come i migliori intermediari, dispone di un wallet professionale, all’interno del quale poter custodire assets crittografici.

Gli stessi asset possono ovviamente essere nuovamente convertiti in valuta corrente, facendo anche in questo caso riferimento ai tassi di cambio e tenendo pur sempre a mente la presenza delle commissioni sulle transazioni.

Il tuo capitale è a rischio

Vendere Bitcoin in modalità P2P

Una seconda modalità professionale per poter utilizzare e vendere Bitcoin, riguarda i cosiddetti scambi P2P, ossia Peer to Peer.

In questo caso, si tratta di uno scambio basato sull’incontro delle volontà degli utenti, da una parte nel voler ottenere Bitcoin e dall’altra nel voler vendere i propri possedimenti, o utilizzarli per l’acquisto di determinati beni.

In questo caso, la presenza di alcune piattaforme specifiche permette di portare a compimento lo scambio in modalità Peer to Peer, tuttavia quasi sempre previa dimostrazione e verifica della propria identità.

Quanto ai sistemi per vendere Bitcoin localmente, in altri termini anche di persona, troviamo specifici intermediari, come ad esempio LocalBitcoins, con un funzionamento alquanto singolare.

La piattaforma messa a disposizione viene infatti considerata una vera e propria piazza di contrattazione.

Gli utenti, sulla base della propria località, hanno la possibilità di visionare diverse offerte (da parte di utenti reali), potendo comprare Bitcoin anche di persona e in contanti. Ne deriva quindi la parallela possibilità di poter vendere Bitcoin, ricevendo denaro in modo fisico.

Da tenere a mente, come lo stesso scambio di BTC avvenga sempre in modo telematico, vista la natura stessa delle criptovalute, e quindi potenzialmente controllato all’interno della piattaforma, a sua volta basata su sistemi di tutela, recensioni e punteggio degli utenti.

Vendere Bitcoin su ATM

Vendere Bitcoin su ATM

Un ulteriore sistema per poter vendere Bitcoin, anche in questo caso ottenendo denaro contante in modo diretto, riguarda l’utilizzo degli ATM.

Gli stessi rappresentano semplicemente dei veri e propri bancomat Bitcoin, utilizzabili in modo molto simile a quelli bancari. Proprio come per i sistemi analizzati in precedenza, anche in questo caso, contrariamente dal passato, la procedura di riconoscimento viene richiesta da molti servizi.

In ogni caso, non tutti gli ATM Bitcoin permettono sia di acquistare sia di vendere criptovalute. Prima di procedere con lo scambio, è quindi doveroso verificare attentamente la doppia valenza del macchinario.

Come fare a vendere Bitcoin su ATM? Scopriamo alcuni passaggi standard, utilizzati dalla maggior parte dei bancomat di Bitcoin:

  1. Recarsi all’ATM più vicino, verificando in modo accurato che permetta il doppio scambio, ossia sia la vendita che l’acquisto;
  2. Seguire tutte le procedure richieste dal sistema, compresa la verifica in caso risultasse obbligatoria;
  3. Inserire l’importo da voler convertire (esistono quasi sempre determinati tagli da poter selezionare, i quali vanno ad aumentare di multiplo in multiplo);
  4. Ritirare la ricevuta, dove sono presenti specifici codici, o in alternativa l’ormai noto riquadrino con QR Code;
  5. Invio dei Bitcoin al portafoglio del servizio utilizzato. Il processo può essere portato a compimento andando a scannerizzare il codice, seguendo gli step scritti sulla ricevuta;
  6. Attendere alcuni minuti per la convalida e la verifica del processo, potendo successivamente ritirare la ricevuta e prelevare ottenendo denaro contante dalla vendita dei propri Bitcoin.

Vendere Bitcoin allo scoperto (CFD)

Nel corso dei paragrafi precedenti, abbiamo ricordato come ad oggi esistano tantissimi sistemi per poter vendere Bitcoin in modo reale, ossia avendo a disposizione un determinato quantitativo di criptovalute.

Un sistema alternativo, che in questo caso non prevede il possesso delle criptovalute in modo fisico, riguarda la presenza dei cosiddetti contratti per differenza. Si tratta di strumenti derivati, basati solamente su repliche degli andamenti del sottostante.

eToro CFD vendere Bitcoin

La caratteristica principale, riguarda la possibilità di aprire posizioni su due modalità differenti, da una parte la modalità al rialzo e dall’altra la modalità al ribasso.

La seconda opzione permette infatti di poter effettuare la vendita allo scoperto, ossia di aprire una posizione short, in ipotesi di diminuzione dei valori dell’asset selezionato. Tutto ciò senza possedere alcun BTC.

I contratti per differenza vengono ad oggi messi a disposizione da broker professionali. Lo stesso broker eToro permette di agire con strumenti derivati sul Bitcoin, oltre che sul sottostante in modo diretto.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Quando vendere Bitcoin

Vendere Bitcoin

Una delle domande più frequenti da parte di utenti e traders all’interno dei canali informativi professionali è quella relativa al momento propizio per poter vendere Bitcoin.

È bene sapere che non c'è una vera e propria risposta a tale quesito, né potrà essere calcolata attraverso formule o sistemi matematici. Il valore del Bitcoin è in continua evoluzione, come d’altronde quello di qualsiasi altra criptovaluta.

Spetta quindi all’utente, ossia al possessore dei Bitcoin, decidere quando vendere i propri possedimenti, sulla base del valore di acquisto iniziale, rapportato a quello attuale (che sia in progressione di aumento o di diminuzione).

La stessa scelta, oltre che sotto un aspetto analitico e sullo studio specifico del mercato in quel determinato momento, si basa anche su questioni prettamente soggettive. Ogni trader conosce infatti il proprio livello di rischio e le proprie ambizioni.

È bene ricordare come il processo speculativo su strumenti crittografici (qualsiasi essi siano, ossia anche sul Bitcoin), rappresenti una metodologia ad alto rischio.

Tutto ciò per l’imprevedibilità dei mercati e per la presenza della volatilità, la quale va a caratterizzare i tipici periodi al rialzo e al ribasso.

Vendere Bitcoin: Pro & Contro

Prima di trarre le dovute conclusioni finali, ecco a seguire una tabella riassuntiva, volta a sottolineare i principali punti di forza e di debolezza del processo di vendita di Bitcoin.

  • Numerosi sistemi sui quali poter fare affidamento
  • Scelta a propria discrezione sulla base dei propri interessi
  • Possibilità di convertire un quantitativo a propria scelta
  • Diversi sistemi di pagamento per la conversione
  • Rischio generalista sulla volatilità del mercato
  • Presenza di commissioni sugli scambi

Vendere Bitcoin: Conclusioni

Arrivati al termine del nostro esposto, è ora possibile ricapitolare alcuni punti salienti, da poter eventualmente tenere a mente sulla base delle proprie esigenze e necessità.

Dai paragrafi introduttivi abbiamo potuto scoprire il significato della vendita dei Bitcoin, che non è altro che una conversione da strumenti crittografici a valute Fiat, come ad esempio Euro, Dollaro, Sterlina e così via.

Introduzioni preliminari, hanno successivamente lasciato posto alla visione di alcuni dei migliori intermediari ed operatori attualmente presenti sul mercato, i quali permettono di comprare e di vendere Bitcoin in modo autonomo e professionale.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Vendere Bitcoin – Domande frequenti

Come vendere Bitcoin in euro?

Il meccanismo di vendita Bitcoin permette di convertire una determinata quantità di criptovaluta in valuta Fiat. Gli operatoti ed intermediari proposti nel corso della nostra guida integrano anche l’euro fra le valute di scambio principali.

Come vendere Bitcoin con PayPal?

All’interno del nostro approfondimento completo, abbiamo avuto modo di scoprire diversi sistemi per poter ad oggi vendere Bitcoin. Molti degli stessi integrano al loro interno anche sistemi di pagamento e di prelievo elettronici, permettendo di vendere Bitcoin, incassando successivamente su PayPal.

Dove vendere Bitcoin in Italia?

Nella nostra guida, abbiamo presentato una panoramica generale sulla vendita di BTC, mostrando diverse soluzioni e diversi siti per poter vendere Bitcoin. Broker ed exchange come eToro, hanno mostrato di distinguersi per professionalità, rapidità nelle esecuzioni, ma soprattutto presenza delle dovute autorizzazioni.

condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LIMITAZIONI DI RESPONSABILITA'

    I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Tutte le informazioni che troverete su Finaria.it sono pubblicate solo per scopi informativi. Noi non diamo assolutamente alcuna garanzia riguardo la precisione e l'affidabilità di queste informazioni. Qualsiasi azione prenderete sulla base delle informazioni fornite dal nostro sito è rigorosamente a vostro rischio e pericolo e lo staff di Finaria non sarà responsabile di eventuali perdite e/o danni in relazione all'uso delle informazioni o notizie fornite dal nostro sito web.


    DIRITTO D'AUTORE

    Tutti i contenuti testuali su Finaria sono protetti da copyright e dalle leggi sulla proprietà intellettuale. L'utente non può riprodurre, distribuire, pubblicare o trasmettere qualsiasi contenuto, frase, immagine senza indicare il sito web www.finaria.it come fonte. Finaria non rivendica il copyright sulle immagini usate sul sito web, tra cui loghi, immagini e illustrazioni varie.