Analisi di Mercato settimanale (sett. 5): Spunti operativi su Bitcoin, EUR/GBP e S&P 500

Giuliana Morelli

Esperta in Economia e Analisi dei Mercati


Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.

Nel corso della settimana appena trascorsa, la Federal Reserve ha formalmente segnalato il cambio della politica monetaria verso un aumento più rapido dei tassi di interesse quest’anno, che potrebbe già avvenire nella riunione di Marzo.

I timori sui tassi e su un’inflazione che rischia di mantenersi più alta a lungo continuano a dominare il sentimento degli investitori nelle varie classi di attività.

I mercati azionari procedono nel loro andamento altalenante, mentre il dollaro ha rallato sui massimi da Luglio 2020, sulla scia di una Fed più aggressiva del previsto. Le aspettative degli investitori sul futuro dei tassi di interesse sono materialmente aumentate, con il mercato che prezza ora circa cinque rialzi dei tassi entro la fine dell’anno.

Indice del dollaro USA

Sul fronte delle commodities, il petrolio ha continuato ad avanzare, con il Brent che si ancora a 89 dollari al barile e il WTI a 87 dollari. Questa settimana ci sarà il nuovo meeting dell’OPEC in cui si potrebbero discutere possibili aumenti di produzione.

Si impennano i prezzi del gas naturale, su del 30% in una settimana, a causa dei rischi geopolitici tra Russia e Ucraina, che potrebbero portare ad una riduzione delle forniture dalla Russia all’Europa, e dopo che gli Stati Uniti sono stati colpiti da un’ondata di gelo intenso negli ultimi giorni.

Migliora leggermente invece la propensione al rischio verso le criptovalute, con il Bitcoin che apre la nuova settimana a 37.100 dollari.

Anche l’oro ha subito un brusco contraccolpo dopo il meeting della Fed, con il metallo che scende sotto quota 1,800 dollari all’oncia in apertura di settimana.

Tra gli eventi chiave imminenti, giovedì in Europa tutti gli occhi saranno puntati sulle decisioni di politica monetaria della Bank of England e della BCE. Si prevede che la BoE aumenterà il tasso di riferimento di 25 punti base allo 0,5%, dopo un aumento di 15 punti base a dicembre. Si tratterebbe del primo aumento consecutivo dei tassi in Inghilterra dal 2003, dopo che l’inflazione è salita al 5,4%, ai massimi dal 1992. La BCE, invece, lascerà invariati i tassi di interesse, ma gli investitori si focalizzeranno sui commenti in merito alle prospettive di inflazione al futuro della politica monetaria.

Analisi e spunti operativi sul bitcoin (BTC/USD)

BTC/USD scambia in area 37.100 in apertura di settimana, su del 13,5% rispetto ai minimi relativi del 24 Gennaio (32.900). Da un punto di vista fondamentale, sulla criptovaluta come d’altronde in tutti gli asset esposti al rischio, sono pesati gli aumenti nelle aspettative dei tassi di interesse americani negli ultimi mesi.

Il valore del bitcoin ha perso circa il 45% rispetto ai massimi di Novembre 2021, una variazione che si avvicina a quelle già vissute dalla criptovaluta nella sua recente storia. Tra Aprile e Luglio 2021, BTC aveva perso il 55%, e lo stesso era accaduto tra Febbraio e Marzo 2020.

Da un punto di vista tecnico è importante segnale due aspetti chiave sul grafico del Bitcoin.

Il primo è il formarsi del “death-cross” sul grafico giornaliero in data 13 gennaio 2022, con la media mobile a 50-giorni che ha rotto dall’alto verso il basso la 200-giorni. In occasione del precedente death-cross del 19 giugno 2021, la criptovaluta è poi scesa ulteriormente di circa il 20%. Rispetto ai prezzi del 13 gennaio, il bitcoin ha vissuto un deprezzamento simile, e l’indicatore RSI è uscito dalla zona di ipervenduto, che potrebbe segnalare che la criptovaluta abbia trovato un supporto di prezzo da cui risalire.

Secondariamente, vi è una zona di “polarità” tra 40.000 e 41.500 dollari che si dimostra cruciale per il destino della criptovaluta. In quest’area si sono alternati resistenze e supporti multipli nel corso dell’ultimo anno.

Anche l’analisi tecnica effettuata con il ritracciamento di Fibonacci, dimostra che il livello di 41.490 dollari rappresenta una resistenza chiave (0.236).

Potremmo aspettarci nelle prossime sedute un convergere dei prezzi verso quest’area.

Analisi Tecnica su Bitcoin

In caso di infrazione, il bitcoin potrebbe poi avanzare verso 46.800 (0.382 Fibonacci) ed estendere i guadagni a 50.864 (0.5 Fibonacci).

Se BTC dovesse invece rimbalzare indietro sulla resistenza, potremmo assistere ad un ritorno verso 35.800 dollari.

👁‍🗨 TendenzaIncertezza
📈 Outlook Ottimista$41.490
🔻 Previsione Pessimistica$35.800
Previsioni e Analisi su Bitcoin

Il 68% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Analisi e spunti operativi su EUR/GBP

EUR/GBP è la coppia da monitorare con maggior attenzione sul mercato forex questa settimana. Tutti gli occhi sono puntati sui meeting delle due rispettive Banche Centrali, che potrebbero sancire una marcata differenza nell’approccio della politica monetaria.

Da un lato, ci si attende che la Bank of Englang possa aumentare ancora i tassi di interesse, mentre la BCE dovrebbe ancora confermare la sua posizione dovish e allontare gli spauracchi di un aumento prematuro dei tassi di interesse.

È necessario assumere una view di medio-lungo periodo sull’analisi di EUR/GBP. La coppia ha recentemente rotto al ribasso un canale discendente su cui tradava da Aprile 2021 e sta per approcciarsi verso un supporto chiave in area 0.8270 che vige dal referendum post-Brexit del 2016.

Analisi Tecnica su Eur/Gbp

Questo livello ha rappresentato negli anni un punto in cui è tornato fortemente l’appetito dei compratori su EUR/GBP. Un’eventuale rottura di quest’area, cambierebbe gli scenari di per la coppia, con le possibilità di un ritorno in area 0.80.

Le divergenze di politica monetaria tra BoE e BCE possono rappresentare il driver del movimento.

👁‍🗨 TendenzaRibassista
📉 Previsione Realista0,8270
🔻 Previsione Pessimistica0,8000
Previsioni e Analisi su Eur/Gbp

Il 68% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Analisi e spunti operativi sullo S&P 500

L’indice delle 500 aziende americane più capitalizzate (S&P 500), vive una fase di mercato laterale da alcuni giorni, mentre battaglia con la resistenza della media mobile a 200-giorni.

L’uscita dal canale rialzista verso il basso ha rappresentato un duro colpo per i tori dello S&P 500, con l’indice che è ora distante di un 8% dai massimi del 4 gennaio. Il quadro fondamentale rimane legato alle dinamiche di tasso e inflazione, anche se l’aumento dei tassi dovrebbe impattare maggiormente sulle aziende tecnologiche del NASDAQ.

Tecnicamente, l’indice RSI è uscito dalla zona di ipervenduto, ma la media mobile a 50-giorni si sta flettendo pericolosamente verso il basso. L’indice sta ora testando un’area di resistenza a 4.430-4.450, costituita dalla media mobile a 200-giorni e dal ritracciamento (0.236) di Fibonacci.

Analisi Tecnica su S&P 500

Se non dovesse rompere qui, segnalerebbe una debole azione dei tori e potrebbe riportare in auge gli orsi verso il supporto a 4.230. Potremmo dunque assistere al mantenimento di una fase di mercato laterale nelle prossime sedute.

👁‍🗨 TendenzaIncertezza
📈 Outlook Ottimista4.450
🔻 Previsione Pessimistica4.230
Previsioni e Analisi su S&P 500

Il 68% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

La Migliore Piattaforma per i tuoi investimenti

5

eToro – Una scelta conveniente per chi investe

  • 0% commissioni su azioni ed ETF
  • Social trading
  • Più di 12 milioni di utenti
il 68% degli investitori perde denaro con il trading di CFD

Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.


Giuliana Morelli

Esperta in Economia e Analisi dei Mercati

Dr.ssa Giuliana Morelli, Laurea Magistrale in Economia e Management. Ha lavorato come consulente aziendale in ambito economico/finanziario fino al 2010, quando ha fondato la sua società di consulenza. Collabora con diversi studi professionali ed è attiva in iniziative relative a Blockchain, Fintech, e svariati incubatori e acceleratori di impresa.

Dr.ssa Giuliana Morelli, Laurea Magistrale in Economia e Management. Ha lavorato come consulente aziendale in ambito economico/finanziario fino al 2010, quando ha fondato la sua società di consulenza. Collabora con diversi studi professionali ed è attiva in iniziative relative a Blockchain, Fintech, e svariati incubatori e acceleratori di impresa.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *