Guadagna 1 Milione di Dollari con le Crypto Grazie a Questo Lavoro

Giuliana Morelli

Esperta in Economia e Analisi dei Mercati


Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.

Il metaverso è considerato il futuro di internet e alcune grandi aziende sono alla ricerca di una figura professionale sempre più richiesta: il Chief Metaverse Officer. Si tratta di un professionista che ha il compito di spiegare ad aziende e ai potenziali clienti di cosa tratta un metaverso e di come possa essere integrato in una strategia di marketing. 

Per chi non è avvezzo al settore, investire nel metaverso può essere piuttosto difficile. Soprattutto per le grandi aziende che, in questo senso, potranno essere supportate da chi si occupa di questa tecnologia in maniera specifica. 

Un ruolo utile, secondo gli analisti 

Grandi aziende come Procter & Gamble Co., Telefonica SA e LVMH hanno già annunciato di voler assumere un Metaverse Officer. Ma si tratta di una mossa intelligente? Secondo quanto riferito dagli analisti di Gartner Inc, la risposta è positiva. Infatti, in un comunicato stampa, Marty Resnick ha affermato che: 

“Dalla visita di aule virtuali all’acquisto di terreni digitali alla costruzione di centri commerciali virtuali, queste attività sono attualmente condotte in ambienti separati. Tra non molto, si svolgeranno in un unico ambiente, il metaverso, con obiettivi multipli tra tecnologie ed esperienze”.

Secondo Resnick sembra che tra qualche anno, una persona su quattro trascorrerà almeno un’ora al giorno nel metaverso

Inizialmente, la professione di Chief Metaverse Officer è stata utilizzata dagli sviluppatori di giochi per poter essere sempre al passo con la tecnologia. Adesso, un numero sempre maggiore di realtà sta vedendo i frutti di essersi rivolta ad una figura professionale di questo tipo. Nike, ad esempio, ha creato una società virtuale e Starbucks ha iniziato ad affidarsi agli NFT legati al caffè e che possono essere utilizzati nei punti vendita del brand. 

Le tante possibilità delle aziende nel metaverso

Zuckerberg nel metaverso

L’obiettivo delle aziende non è quello di realizzare grandi profitti con il metaverso, si tratta di essere presenti mentre la tecnologia si sviluppa e diventa una parte importante della vita quotidiana di tutti. Le possibilità in un mondo virtuale come questo sono davvero infinite.

La realtà virtuale, ad esempio, consente alle aziende di accedere ad opportunità di raggiungere un numero maggiore di clienti, che a loro volta possono fare acquisti.

Ad esempio, Joanna Popper, dipendente della CAA, svolge anche il ruolo di Chief Metaverse Officer. Ha lavorato prima nel reparto marketing e poi ha maturato esperienza nel campo della realtà virtuale presso HP. 

Secondo Popper: “Il Metaverso crea nuove possibilità in tutte le aree dell’ecosistema dell’intrattenimento. La sperimentazione e la crescita che vediamo ogni giorno nell’intrattenimento incentrato sul consumatore offre ai nostri clienti la possibilità di connettersi con le varie community, che si tratti di concerti virtuali, sfilate ed eventi di moda o avatar realizzati su misura”.

Quindi, le aziende che vogliono avere un ruolo di rilievo nel metaverso, devono necessariamente dotarsi di un Chief Metaverse Officer nel momento in cui volessero creare delle strategie di marketing nel settore. Tuttavia, questa figura non è esattamente economica in quanto guadagna tra 1 e 1,5 milioni di dollari a seconda della sua esperienza.

Leggi pure
Ethereum pronto a esplodere! L'airdrop di Optimism è solo l'inizio

Hype del Metaverso: una nuova memecoin pronta a lasciare il segno! 

Tama ha portato a termine la sua prevendita da qualche giorno e ora tutta la community attende di capire come proseguirà il progetto. La presale si è conclusa solamente in due mesi raccogliendo oltre 19 milioni di dollari in termini di token venduti. 

tamadoge meme
Meme con Tamadoge

La forte domanda di questo token è dovuta ad una serie di ragioni che rendono ottimisti gli analisti sul progetto. Innanzitutto, l’obiettivo di Tamadoge è quello di rilasciare un gioco play-to-earn in cui gli utenti saranno in possesso di un animale domestico sotto forma di NFT di cui si dovranno prendere cura. 

Inoltre, chi si prenderà cura del proprio animale potrà prendere parte alle battaglie PVP, in cui si attiverà la funzione di P2E. La vittoria di una battaglia, infatti, sarà premiata con dei punti che potranno essere convertiti in TAMA alla fine del mese. 

Il gioco porta con sé due aspetti importanti. Da un lato, ricorda molto i Tamagotchi, conosciuti da tutti durante gli anni ‘90. Inoltre, il gioco sarà disponibile tramite un’app che dovrebbe proporre funzionalità AR come quelle viste in Pokemon GO nel 2016. 

Ma il token TAMA ha molto di più da offrire. Il token è sottoposto ad un tasso di burning del 5% che lo renderà sempre più raro e meno disponibile. Ciò dovrebbe portare ad un aumento del suo valore nel tempo. Inoltre, non saranno previste commissioni di transazione. 

Il gioco non è ancora attivo, ma la crypto ha il potenziale per fare bene. Infatti, Business2Community prevede che il token possa raggiungere il valore di 1 $ durante un trend rialzista all’inizio del 2023.

In ogni caso, entro la fine del 2022, Tamadoge potrebbe raggiungere il valore di $ 0,20 partendo da una quotazione di listing si appena $0,03. È difficile fare previsioni per una coin che è stata appena rilasciata, ma la community dietro TAMA è numerosa e il 27 settembre ci sarà il primo listing su OKX, dopodiché si potranno fare delle previsioni più concrete di come e quanto questo token si svilupperà.

Leggi il Whitepaper di Tamadoge o vai al canale Telegram ufficiale per maggiori informazioni sul progetto.

5

TamaDoge - Partecipa alla ICO dell'anno su OKX

  • Meccaniche Play to Earn
  • Move to Earn, integrazione Metaverso e realtà
  • Verificato da Solid Proof e CoinSniper
  • In previsione 21.000 NFT Doge Pets
  • Oggi 100 NFT ultra rari su OpenSea

Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.


Giuliana Morelli

Esperta in Economia e Analisi dei Mercati

Dr.ssa Giuliana Morelli, Laurea Magistrale in Economia e Management. Ha lavorato come consulente aziendale in ambito economico/finanziario fino al 2010, quando ha fondato la sua società di consulenza. Collabora con diversi studi professionali ed è attiva in iniziative relative a Blockchain, Fintech, e svariati incubatori e acceleratori di impresa.

Dr.ssa Giuliana Morelli, Laurea Magistrale in Economia e Management. Ha lavorato come consulente aziendale in ambito economico/finanziario fino al 2010, quando ha fondato la sua società di consulenza. Collabora con diversi studi professionali ed è attiva in iniziative relative a Blockchain, Fintech, e svariati incubatori e acceleratori di impresa.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *