Nuove partnership tra eSport e Crypto: siamo già nel futuro?

Antonio Maria Pironti

Trader professionista sul mercato valutario, indici e materie prime


Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.

Potresti pensare, sbagliando, che le opportunità di guadagnare nel mondo crypto siano limitate solamente all’investire in qualche criptovaluta come Bitcoin o comprare Shiba Inu aspettando il prossimo pump. Tuttavia, non è affatto così. 

Ci sono tantissime opportunità per guadagnare nel mondo delle criptovalute. Ad esempio, l’arrivo degli NFT ha determinato un nuovo modo per speculare sul settore e per garantire un valore aggiunto a collezionisti affezionati ad un artista oppure ad un particolare tipo di sport. 

Gli eSport rappresentano un settore che si sta legando sempre di più al fenomeno delle criptovalute. In che modo? Abbiamo deciso di approfondire il discorso nelle prossime righe! 

Fortnite World Cup 2019

Gli eSport in Italia: a che punto siamo? 

Il settore degli eSport non contempla solamente giochi di calcio come Fifa ma include anche altri intrattenimenti come la caccia agli zombie. Con gli eSports i videogiochi non sono più visti come dei semplici passatempi ma come dei veri e propri sport e momenti di agonismo seguitissimi. Infatti, ormai si organizzano tornei professionali d’importanza mondiale e che prevedono cospicui premi in denaro. 

Potrebbe sembrare una moda straniera, tuttavia, il primo torneo di eSport in Italia è stato organizzato già nel 2015 e nel 2021 questo settore ha visto un’ascesa incredibile, con un incremento del 15% dei fan. Il 58% degli utenti gioca da smartphone e passa circa 4 o 5 ore alla settimana per seguire questo mondo. 

Leggi pure
Dopo Dogecoin e Shiba Inu ecco la prossima crypto to the Moon

eSport e Crypto: le collaborazioni 

Le criptovalute sono ormai legate molto al mondo del gaming. Alcuni giochi permettono di collezionare i migliori NFT e creare delle vere e proprie vite parallele e virtuali. Tuttavia, non sono solo i gamer professionali a trarre vantaggio dagli eSport

Infatti, i due settori sono sempre più convergenti e chi è interessato agli eSport spesso sceglie di investire in criptovalute. Tra l’altro, su alcune piattaforme di casino online è possibile effettuare depositi in criptovalute scommettendo sugli eventi eSport. 

Un altro elemento che rappresenta l’anello di congiunzione tra eSport e criptovalute è la tecnologia blockchain. Se hai dimestichezza con le cripto come Bitcoin, saprai che la blockchain è uno strumento sicuro, trasparente e che garantisce transazioni verificate. Tutte queste caratteristiche sono perfette anche per gli eSport e un esempio lampante è FirstBlood Technologies, una piattaforma di gaming che utilizza la tecnologia blockchain.

Gli NFT di Lucky Block

La piattaforma exchange Crypto.com ha recentemente avviato una collaborazione con Fnatic, un brand internazionale legato agli eSport, e con Twitch Rivals, un torneo online organizzato dalla nota piattaforma di streaming.

In questo contesto è difficile non citare anche i migliori progetti NFT che hanno determinato l’unione tra criptovalute, eSport e metaverso. Infatti, piattaforme come Fortnite, Realm, Lucky Block e Star Atlas consentono di giocare attraverso la tecnologia blockchain e tramite l’uso degli NFT.

Gli NFT rappresentano anche dei contenuti esclusivi e collezionabili che sono dedicati a tutti gli amanti dei giochi virtuali. 

Ad esempio, Allied Sports ha lanciato gli NFT Epicbeast annunciando una collezione di 8591 NFT. Un altro esempio è la Ferrari che hanno annunciato il debutto nel settore degli NFT attraverso una partnership stretta con Velas Network, una startup svizzera che si occupa di blockchain. 

Infine, quello che forse sarà il progetto NFT rivelazione del 2022, ancora in fase di lancio, la Platinum Rollers Club di Lucky Block. Una collezione di 10 mila NFT che offrono la possibilità di partecipare a vita alle estrazioni giornaliere della lotteria di Lucky Block.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.


Antonio Maria Pironti

Trader professionista sul mercato valutario, indici e materie prime

Antonio Maria Pironti ha operato per anni nel settore del private banking a Londra. Tornato a lavorare in Italia, è consulente finanziario ed esperto di finanza, con particolare riferimento ai servizi d’investimento e alle operazioni di gestione di asset per conto di diverse fondazioni e studi di professionisti.

Antonio Maria Pironti ha operato per anni nel settore del private banking a Londra. Tornato a lavorare in Italia, è consulente finanziario ed esperto di finanza, con particolare riferimento ai servizi d’investimento e alle operazioni di gestione di asset per conto di diverse fondazioni e studi di professionisti.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *