Cosa sono le Obbligazioni?

In cosa consiste l’investimento in titoli obbligazionari

Le obbligazioni sono uno forma di prestito che l’obbligazionista, acquirente dell’obbligazione, eroga nei confronti dell’emittente delle obbligazioni. I principali emittenti di obbligazioni sono: governi ed enti locali, le società finanziarie, in particolare le banche, e società non finanziarie.

L’investimento in obbligazioni differisce da quello in altre asset class perché l’investitore obbligazionario è in grado di determinare con certezza il profilo dei flussi di cassa che l’obbligazione è in grado di pagare.

Le obbligazioni si dividono in due principali categorie:

  • con cedola (con coupon), l’importo della cedola può essere fisso e definito al momento dell’emissione per le obbligazioni a tasso fisso, variabile per le obbligazioni a tasso variabile;
  • senza cedola (o zero coupon);

La cedola è il tasso di interesse di un obbligazione ed è stabilità al momento dell’emissione. L’ammontare pagato in euro dall’emittente all’obbligazionista in termini di pagamento degli interessi è determinato moltiplicando il tasso di interesse cedolare per il valore nominale dell’obbligazione. Il valore nominale di un’obbligazione è l’importo rimborsato a scadenza all’obbligazionista. L’emittente determina la cedola considerando i tassi di interesse prevalenti nel mercato in modo tale da rendere il titolo competitivo, cioè interessante agli investitori, rispetto alle altre obbligazioni comparabili presenti nel mercato. Il prezzo di una obbligazione è uguale al valore attuale dei flussi di cassa futuri, compreso il pagamento delle cedole ed il rimborso del capitale.

Le obbligazioni che hanno una scadenza più lunga sono le più rischiose, dato che all’aumentare della scadenza aumentano i rischi legati alla capacità dell’emittente di pagare in tempo gli interessi e di rimborsare l’obbligazione. Ogni obbligazione implica un certo livello di rischio legato alla possibilità di insolvenza dell’emittente. Le agenzie di rating valutano il rischio di insolvenza degli emittenti ed i loro rating influenza il rendimento delle obbligazioni stesse. Gli investitori che acquistano obbligazioni con un rating basso possono ottenere un rendimento più alto, ma solitamente sostengono un rischio superiore. Il rendimento (yield to maturity) di un’obbligazione è pari al rendimento a scadenza e corrisponde al rendimento medio annuo ottenuto considerando le cedole pagate e il rapporto tra il prezzo di rimborso e il prezzo pagato.

condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *