Coinbase IPO: Cosa Sappiamo Oggi e Come investire in azioni

Il colosso delle criptovalute avvia l'IPO il 14 aprile 2021. Ecco cosa devi sapere sull'IPO dell'exchange Coinbase

coinbase ipo

Il gigante delle criptovalute Coinbase ha fatto il suo debutto in borsa il 14 aprile 2021 con una offerta pubblica iniziale (IPO) memorabili.

Le azioni dell'exchange americano (NASDAQ: COIN) hanno iniziato la contrattazione a Wall Street con un prezzo che si è spinto fino a 342$ per azione, per poi ritracciare.

Pesa il momento d'oro che stanno vivendo Bitcoin e le altre criptovalute, che stanno fruttando all'exchange commissioni di trading mai viste, ma anche un trend di lungo periodo che sembra essere qui per restare.

Coinbase ha sfruttato anche l'euforia da IPO che si è registrata l'anno scorso con gli ingressi in borsa di società come Airbnb, Doordash, Slack, Palantir o Snowflake, per raccogliere miliardi di dollari.

La domanda che si pongono molti adesso è la seguente: conviene investire sull'IPO di Coinbase? E come si possono comprare le azioni Coinbase sin dalla prime giornate di scambi in borsa? Ecco l'analisi completa e dove poter scambiare il titolo all'apertura delle contrattazioni.

  • Registrati a eToro seguendo questo link;
  • Deposita il denaro sulla piattaforma di investimenti;
  • Cerca le azioni Coinbase e apri una posizione cliccando su “Acquista”;
  • Per comprare l'asset sottostante a lungo termine scegli una leva 1x (zero);
  • Per fare trading sui CFD seleziona il tuo stop loss, modifica la leva (2x o più), imposta il take profit e apri la tua posizione.

Cos'è Coinbase

Per chi ancora non lo conoscesse, Coinbase è uno dei più grandi exchange di criptovalute al mondo, fondato nel 2012 per aiutare le persone a comprare Bitcoin.

coinbase website

Coinbase oggi offre un'ampia gamma di servizi alle criptovalute a oltre 35 milioni di clienti in 100 paesi. La piattaforma online ti permette di acquistare o vendere centinaia di valute digitali, ma anche di conservarle nell'apposito Coinbase Wallet.

La società offre anche una piattaforma professionale per il trading di crypto (Coinbase Pro) e diversi servizi per le aziende, per esempio per l'accettazione dei pagamenti in criptovaluta.

L'azienda di San Francisco ha un'infrastruttura affidabile e tutte le carte in regola per essere considearato un exchange sicuro. Negli anni ha già ricevuto oltre 500 milioni di finanziamenti, e nel 2018 la società è stata valutata 8 miliardi di dollari.

La quotazione in borsa di Coinbase

Ultime notizie arrivata dagli USA parlano di 114 milioni di azioni classe A pronte a essere quotate da Coinbase. Il 14 aprile 2021, alle 15.30 italiane, l'exchange Coinbase è stato quotato al NASDAQ con il ticker COIN, ma è davvero difficile riuscire a stimare quante azioni verranno piazzate al primo giorno.

Il prezzo di partenza annunciato è $250 per azione, e ciò portal a valutazione di Coinbase sopra i $65 miliardi, ma diversi esperti pensano che si possa andare ben oltre i $100 miliardi. Soprattutto dopo che sono stati consegnati i dati del primo trimeste 2021 con dei ricavi di oltre $1,8 miliardi.

E pensare che a fine 2020 la stima era di appena $8 miliardi, ma le sue azioni sono andate a ruba sul mercato grigio del Nasdaq e ciò fa pensare che il prezzo delle sue azioni andrà alle stelle!

Il nostro consiglio è quello di registrarsi su un broker come eToro dove le Coinbase sarà quotata al più presto, non appena il prezzo si stabilizzerà. Infatti, spesso il prezzo ha un'impennata iniziale per poi crollare dopo pochi giorni. Quello sarà il momento ideale per entrare su un broker e comprare il titolo che sicuramente subirà un ulteriore e potente rialzo. Infatti il target price per le prossime settimane è fissato sopra i $600 per azione.

Quanto guadagna Coinbase?

Il guadagno principale della società risiede nelle commissioni di negoziazione nell'acquisto e rivendita delle criptovalute, a cui si aggiungono i proventi derivati dai servizi B2B e i servizi di custodia.

Coinbase ha registrato una rapida crescita nell'ultimo anno, grazie alla crescita esponenziale di clienti privati e istituzionali interessati al trading di criptovalute

Secondo i dati di Business Insider, l'exchange ha totalizzato 14 miliardi di dollari in asset istituzionali in custodia, solo tra aprile e dicembre 2020.

Moltissima parte dei guadagni di Coinbase passa dalla quotazione delle principali criptovalute, Bitcoin fra tutte. Infatti, con il prezzo delle valute digitali alle stelle e milioni di transazioni al giorno, la piattaforma riesce a generare entrate sempre più alte.

Coinbase: Ricavi e Profitti

I bilanci di Coinbase non sono mai venuti alla luce del sole. Si tratta ancora di una società privata, certo, ma i vertici aziendali hanno sempre preferito non divulgare le entrate della società.

Fonti vicine a Coinbase, però, dicono che l'exchange è da anni in profitto. Inoltre è monitorato da Deloitte, colosso della revisione dei conti, il che può tranquillizzare.

Secondo Bloomberg, l'exchange è passato da generare 17 milioni di entrate nel 2016 a 923 milioni di dollari nel 2017, un impressionante tasso di crescita del 5329% spiegato dal boom delle criptovalute del 2017.

Il 2018-19 è stato un biennio un po' più tiepido, come sostengono anche i dati Bq Intel. Nel 2018 le entrate stimate di Coinbase ammonterebbero a 530 milioni di dollari, con 160 milioni di profitto.

Nel 2019 invece l'azienda avrebbe realizzato un fatturato totale di 488 milioni di dollari e un profitto di 146 milioni di dollari, con un calo del 3% nei volumi di scambio BTC/USD (fonte: bitcoinity.org).

coinbase ricavi profitti

Il 2020-21, però, potrebbe essere l'anno della ripresa. Come anticipato, da aprile 2020 la piattaforma Coinbase ha registrato volumi record di transazioni.

Il trend rialzista sulle criptovalute potrebbe far volare il fatturato della società, e gli entusiasmi per la IPO contribuiranno a ingrandire le entrate.

Quando sarà la data dell'IPO Coinbase?

La data ufficiale dell' IPO è il 14 aprile 2021, ma il prezzo di partenza sarà rivelato solo il giorno precedente. Dopo la IPO ci vorrà solo qualche settimana per vedere il debutto a Wall Street dell'exchange Coinbase. Il 17 dicembre 2020 la società di Brian Armstrong ha consegnato il prospetto alla SEC, un passaggio tecnico che di fatto la prepara a entrare in borsa.

Ci sono stati alcuni ritardi sulla loro tabella di marcia, che inizialmente prevedeva una IPO per fine gennaio 2021. Come previso, invece, il listino scelto è stato quello legato al settore tecnologico, il NASDAQ. Resta da chiarire ancora un dettagli chiave: il ticker che la società andràa scegliere.

E, non ultimo, le voci su una quotazione alternativa.

Coinbase: IPO non tradizionale?

Per una società la IPO (initial public offer) segna l'inizio della vendita al pubblico delle sue azioni sul mercato primario. Nell'annunciare la sua imminente offera pubblica di acquisto, però, Coinbase non ha fornito dettagli su come avrebbe strutturato la sua offerta. 

In una IPO tradizionale i grandi fondi e intermediari finanziari possono acquistare azioni tramite sottoscrizione (prima ancora che faccia il suo ingresso sul mercato), ottenendo i primi guadagni sulle azioni al prezzo base.

Per fare un esempio, nell'IPO di Snowflake la Berkshire Hathaway di Warren Buffett e Salesforce.com hanno acquistato grandi quantità di azioni prima della quotazione al pubblico.

Questo però, come fa notare Fortune, sarebbe un duro colpo per gli investitori in criptovalute e per Coinbase stessa, perché andrebbe a premiare banche e soggetti istituzionali “privilegiati”.

In merito a questo, esisteva una remota ipotesi che l'IPO di Coinbase possa svolgersi in maniera non convenzionale, attraverso l'emissione di token digitali su blockchain.

Ovviamente questo meccanismo dovrebbe essere approvato dalla SEC, l'autorità di vigilanza sui mercati finanziari americani, ed è assai improbabile che si realizzi.

In questo caso, Coinbase potrebbe optare per una quotazione diretta al pubblico (senza sottoscrizione), come già successo per Spotify e Slack. Al momento, però, la società non ha chiarito i dubbi al riguardo.

Conviene investire in Coinbase all'IPO?

investire coinbase ipo

Comprare azioni di una società il giorno della sua IPO è rischioso. All'apertura delle contrattazioni molti acquistano il titolo solo per FOMO (fear of missing out), cioè per paura di rimanere fuori dall'affare.

Questo atteggiamento poco razionale può spingere gli investitori a comprare un'azione a prezzi molto lontani dai loro fondamentali o fini puramente speculativi.

Risultato: se nei giorni successivi il titolo subisse una correzione al ribasso chi ha comprato sui massimi potrebbe perdere molto denaro. È accaduto con BigCommerce (BIGC) o Nikola (NKLA), e si ripeterà ancora.

Gran parte dei rischi di una IPO si riversano sui privati, cioè i piccoli investitori che non possono accedere in anticipo all'acquisto delle azioni. Prendiamo il caso Airbnb: le sue azioni, valutate inizialmente tra 40$ e 60$, alla IPO sono giunte sul mercato primario a non meno di 146$.

Chi ha acquistato azioni ABNB prima della quotazione ha generato più del 100% di ritorno, ma i privati che hanno acquistato il titolo non sono andati oltre il 2-3%.

Coinbase IPO senza sottoscrizione: Conviene comprare?

Se però le azioni Coinbase venissero offerte direttamente al pubblico senza sottoscrizione privata, allora investire sull'IPO potrebbe essere più interessante.

In questo caso, infatti, non ci sarebbero corse all'accaparramento da parte dei grandi fondi, banche e altri istituzionali, mantenendo il prezzo di quotazione ragionevole (almeno per i primi minuti di contrattazione in borsa).

Qui entrano in gioco anche il fattore tempo e l'analisi personale, ma anche le contingenze del momento. Durante un'offerta pubblica iniziale molti trader cavalcano il picco di volatilità posizionandosi al rialzo o al ribasso.

Ciò non potrà che influenzare il prezzo iniziale del titolo Coinbase, con impennate improvvise che nei giorni seguenti potrebbero sgonfiarsi.

Come investire in azioni Coinbase

Al momento, comprare azioni Coinbase non è possibile su alcuna piattaforma di trading azionario, e non lo sarà fino a ridosso della sua IPO. È molto probabile, come già successo ad Airbnb, che molti broker online di primo livello offriranno il titolo Coinbase già dal primo giorno di contrattazione.

A seconda del tipo di piattaforma, al suono della campanella a Wall Street potrai investire su Coinbase come CFD o acquistando direttamente il sottostante.

Qui trovi alcuni dei possibili broker per investire in borsa online. Tieni presente che eToro è l'unico a offrirti le azioni USA sottostanti, e verosimilmente lo sarà anche per Coinbase.

BrokerCaratteristicheApri Conto Demo
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • Copia i migliori trader!
  • Licenza CySec
conto demo
Leggi la Recensione

75% of retail CFD accounts lose money

broker trading
  • Forex, CFD & Crypto
  • Piattaforma trading Desktop e Mobile
  • Licenza CySec, FCA
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • Piattaforma trading facile
  • Licenza CySec, FCA
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading
  • No Min. Deposito
  • Piattaforma di trading avanzata
  • Licenza CySec, FCA e KNF
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • 100 € Deposito minimo
  • Licenza CySec
conto demo
Leggi la Recensione

76,5% of retail CFD lose money

broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • Forex CFD / Criptovalute
  • Licenza CySec
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading
  • Conto Demo Gratuito
  • Forex CFD / Criptovalute
  • Licenza CySec
conto demo
Leggi la Recensione

IPO Coinbase ed effetti sulle criptovalute

coinbase ipo criptovalute

Anche se le informazioni sulla quotazione sono ancora scarne, una cosa sembra essere quasi certa: l'IPO di Coinbase potrebbe portare ulteriori benefici alle criptovalute.

Secondo gli esperti, l'ingresso a Wall Street di un exchange di Bitcoin e crypto potrebbe fare da apripista a un settore a lungo guardato con sospetto dai regolatori e dall'establishment finanziario tradizionale.

Molti passi avanti sono già stati fatti. Basti pensare a un colosso come PayPal, che ha aperto la strada all'acquisto di Bitcoin. Oppure a JPMorgan, banca d'affari che fino a pochi anni fa etichettava le crypto come una frode, e oggi vede un futuro roseo per il BTC.

In altre parole, la quotazione in borsa del gigante Coinbase può interessare non solo chi vuole investire in azioni, ma anche gli appassionati di criptovalute.

Investire sull'IPO Coinbase – Domande Frequenti

Quando sarà l'IPO Coinbase?

La data ufficiale per il debutto di Coinbase IPO è stato fissato per il 14 aprile 2021. Leggi la guida e scopri tutto quello che c'è da sapere per prepararsi a investire in azioni Coinbase (oppure attendere).

Qual è il prezzo di IPO di Coinbase?

Gli analisti di Wall Street non hanno ancora dato un prezzo di IPO su Coinbase. L'azienda è stata valutata $68 miliardi a Marzo 2021, ma è chiaro che oggi, con il prezzo di Bitcoin e delle criptovalute alle stelle, la società potrebbe puntare a una quotazione iniziale ben più alta.

Come investire in azioni Coinbase?

È probabile che le migliori piattaforme di trading online metteranno prontamente a disposizione gli strumenti per investire in azioni Coinbase già dall'IPO. Qualora dovesse essere così, broker come Libertex o Capital.com ti offrirebbero i CFD (contratti derivati), mentre eToro ti permetterebbe di acquistare direttamente il sottostante.

Conviene comprare il titolo Coinbase alla IPO?

Investire su una società il giorno della sua offerta pubblica iniziale (IPO) è rischioso. Tuttavia, se Coinbase si quotasse in borsa con una procedura particolare, comprare azioni già dal primo giorno potrebbe essere interessante. Scopri di più sull'IPO di Coinbase.

condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LIMITAZIONI DI RESPONSABILITA'

    I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Tutte le informazioni che troverete su Finaria.it sono pubblicate solo per scopi informativi. Noi non diamo assolutamente alcuna garanzia riguardo la precisione e l'affidabilità di queste informazioni. Qualsiasi azione prenderete sulla base delle informazioni fornite dal nostro sito è rigorosamente a vostro rischio e pericolo e lo staff di Finaria non sarà responsabile di eventuali perdite e/o danni in relazione all'uso delle informazioni o notizie fornite dal nostro sito web.


    DIRITTO D'AUTORE

    Tutti i contenuti testuali su Finaria sono protetti da copyright e dalle leggi sulla proprietà intellettuale. L'utente non può riprodurre, distribuire, pubblicare o trasmettere qualsiasi contenuto, frase, immagine senza indicare il sito web www.finaria.it come fonte. Finaria non rivendica il copyright sulle immagini usate sul sito web, tra cui loghi, immagini e illustrazioni varie.

    I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

    CHIUDI X