Solana raccoglie $3,7 milioni e offre prestiti senza interessi

Giuliana Morelli

Esperta in Economia e Analisi dei Mercati


Sebastian Grubb e Chris Coudron

Hedge, la piattaforma Defi di Solana, è riuscita a raccogliere ben 3,7 milioni di dollari in un round di finanziamento guidato da Race Capital, a cui hanno partecipato anche Pantera Capital, Solana Ventures, Shima Capital e DCM. 

Si tratta di un ottimo risultato raggiunto da parte di una piattaforma nata recentemente, e che ha sicuramente degli obiettivi ambiziosi in termini di servizi offerti al pubblico. Ma cosa è Hedge di Solana? Scopriamolo nelle prossime righe e capiamo meglio quali saranno i risvolti di questa raccolta di capitali. 

Cosa è Hedge di Solana? 

Hedge non è altro che una piattaforma Defi che consente di ottenere prestiti istantanei e senza interessi con la stablecoin di Hedge (USH) su Solana. Il sito web permetterà agli utenti di prendere in prestito fino al 90% del rapporto prestito-valore, pertanto, chi ottiene il prestito dovrà depositare solamente il 10% del totale che intende ricevere. 

Ma la piattaforma offre anche altre tipologie di servizi come lo staking pool e lo swap pool. Inoltre, la sua versione beta è disponibile su una devnet. 

A cosa serve il finanziamento di Hedge? 

Aver raccolto quasi 4 milioni di dollari non è assolutamente banale. Ciò significa che gli investitori credono nel progetto e nel suo successo. Ma a cosa servirà questo denaro? In primis, il finanziamento andrà a coprire i costi di assunzione per il nuovo personale e per perfezionare un prodotto DeFi per il lancio della mainnet Solana. Lancio che avverrà nei prossimi mesi.

Sul sito ufficiale della piattaforma è possibile visionare numerose offerte di lavoro tra cui un “Defi Degen” che abbia una vasta conoscenza del settore. Per questa posizione è necessario che il candidato abbia esperienza con l’ecosistema Solana e che abbia una profonda conoscenza dei settori DeFi e Web3. 

A proposito, quando si parla di DeFi ci si riferisce a protocolli basati su blockchain che consentono alle persone di scambiare risorse, fare yield farming, prestare oppure prendere in prestito token. Il tutto avviene eseguendo transazioni senza che ci sia di mezzo un intermediario.

Leggi pure
Si può cambiare l'hard cap di 21 milioni di Bitcoin?
Edith Yeung

Sebastian Grubb, CEO e co-fondatore di Hedge, ha affermato che solo il 20% dei token Solana è attualmente “bloccato” nella DeFi e che svolge un ruolo di garanzia oppure di liquidità. L’obiettivo di Grubb è cambiare questa situazione. Infatti, secondo quanto da lui riferito: “Con Hedge stiamo davvero cercando di aggiornare l’intero ecosistema Solana. Vogliamo aiutare gli utenti a sbloccare più liquidità e sfruttare meglio le proprie risorse senza dover uscire dalle loro posizioni”. 

Infine, è importante sottolineare che Edith Yeung di Race Capital ha delle prospettive rialziste su Solana e sul suo potenziale di far crescere l’ecosistema DeFi. Secondo Yeung, infatti: “Hedge offre alla comunità di Solana un modo per attingere liquidità immediata mentre continua a “holdare” il token”

L’ecosistema di Solana si sta sviluppando e dopo una battuta d’arresto di questi mesi potrebbe vivere un futuro più roseo. Di sicuro, questo è il momento migliore per comprare Solana nel 2022, visto che la community è in grande fermento. 


Giuliana Morelli

Esperta in Economia e Analisi dei Mercati

Dr.ssa Giuliana Morelli, Laurea Magistrale in Economia e Management. Ha lavorato come consulente aziendale in ambito economico/finanziario fino al 2010, quando ha fondato la sua società di consulenza. Collabora con diversi studi professionali ed è attiva in iniziative relative a Blockchain, Fintech, e svariati incubatori e acceleratori di impresa.

Dr.ssa Giuliana Morelli, Laurea Magistrale in Economia e Management. Ha lavorato come consulente aziendale in ambito economico/finanziario fino al 2010, quando ha fondato la sua società di consulenza. Collabora con diversi studi professionali ed è attiva in iniziative relative a Blockchain, Fintech, e svariati incubatori e acceleratori di impresa.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *