Home Legge di Bilancio 2023 – Nuova tassa su bitcoin e criptovalute
Notizie

Legge di Bilancio 2023 – Nuova tassa su bitcoin e criptovalute

Ieri sera è stato approvato un testo dal Consiglio dei Ministri che include diverse novità su pensioni, reddito di cittadinanza, contrasto al caro energia e tasse, inclusa una novità sulle criptovalute.

Le novità introdotte sono tante e riguardano diversi ambiti: si va dall’aspetto fiscale, con l’ampliamento dei limiti di reddito per accedere alle agevolazioni, a quello assistenziale, con l’aumento dell’assegno unico per le famiglie numerose.

In oltre un’ora di conferenza stampa il Presidente Giorgia Meloni ha snocciolato alcuni dettagli sulla Legge di Bilancio 2023, oltre che i provvedimenti approvati dall’ultimo Consiglio dei Ministri.

Tassa sulle criptovalute

Nella legge di bilancio dovrebbe essere introdotta una normativa specifica per le criptovalute, si parla di un’imposta al 14% ma è ancora tutto da definire.

Attualmente, l’Agenzia delle Entrate ha applicato un’aliquota al 26% sulle plusvalenze, di fatto equiparando le criptovalute a valute estere. Anche se questo metodo ha creato diversa confusione e dibattiti sulla tassazione criptovalute negli anni passati.

Taglio dell’IVA

Una delle novità più importanti riguarda la riduzione dell’IVA su alcuni prodotti di prima necessità per l’infanzia, che scenderà dal 22% al 5%.

Rifiutata la proposta della Lega di azzerare l’IVA su latte, pasta e pane, forse per zittire le polemiche che erano già nata intorno le dichiarazioni di Salvini.

Cancellazione Reddito di cittadinanza

Dal 2024 il RdC verrà abolito, anche se saranno inserite altre misure a supporto di chi è senza lavoro. La Meloni lo aveva promesso: l’intento per il 2023 è di escludere dal provvedimento i percettori da 18 a 59 anni che sono abili al lavoro e non hanno minori o ultrasessantenni a carico.

Le 18 mensilità percepibili saranno ridotte a 7 o 8, inoltre sarà inserito l’obbligo di partecipare a dei corsi di formazione professionale dalla durata di almeno 6 mesi. Infine sarà obbligatorio accettare la prima offerta di lavoro congrua.

Accise carburante

legge bilancio 2023 accise carburante

Lo sconto sul prezzo dei carburanti sarà ridotto di circa la metà, ossia si vedrà una riduzione del prezzo alla pompa di 18,3 centesimi invece degli attuali 30,5 centesimi.

Ciò si traduce in aumenti di circa 12 centesimi al litro, che il Codacons ha quantificato in un aumento di 146 euro a famiglia (con 2 pieni mensili). Ma si prevedono effetti negativi anche sul prezzo dei trasporti.

L’IVA sul gas resta abbassata al 5%, ma ciò vale per le utenze metano.

Riduzione del cuneo fiscale

I contribuenti con un reddito annuo inferiore a € 35 mila si vedranno confermato lo sgravio del 2%, introdotto dal governo precedente.

Chi ha un reddito inferiore a e 20 mila, lo sgravio verrà aumento al 3%. Ciò significa un risparmio sulle imposte fino a € 15 al mese. Ma il governo ha promesso ulteriori passi avanti per portare lo sgravio fino al 5%, includendo anche un risparmio per l’aliquota pagata dalle aziende.

Estensione della Flat Tax

Non è arrivata quella normativa rivoluzionaria che tante volte è stata decantata, ma una forma ridotta. Riguarderà ancora una volta solo i lavoratori autonomi, innalzando però la soglia dai € 65 mila a €85 mila. La proposta vorrebbe introdurre una tassa piatta incrementale con aliquota al 15%, una franchigia al 5% e un tetto massimo di € 40 mila.

Migliorato l’assegno unico

Anche se l’idea di avere un Isee a quoziente familiare è slittata per il prossimo anno, il governo ha pensato di migliorare il sistema di calcolo del provvedimento. Inoltre sono state introdotte 2 grosse novità:

  • Per il quarto figlio, la maggiorazione aumenta di € 100
  • In caso di parto gemellare si gode di una maggiorazione di € 100, fino al terzo anno di età

Riforma pensioni

Verrà introdotta “Quota 103” che consentirà di andare in pensione a 62 anni, ma solo per chi ha 41 anni di contributi. Inoltre, verrà allargata la platea di chi potrà beneficiare di “Opzione donna” per far andare in pensione prima le donne con figli, mentre le minime dovrebbero essere aumentate fino a € 600.

Nuova rottamazione

La legge di bilancio del 2023 vuole avviare una nuova “Pace fiscale”, ma senza lo sconto del 50% inizialmente previsto per le cartelle tra mille e tre mila euro. Sarà però prevista la cancellazione delle cartelle esattoriali fino a mille euro.

Inoltre, sarà applicata una sanzione del 5% per le cartelle ricevute dal 2020 al 2022. Per queste ultime è possibile scegliere tra rottamazione o saldo e stralcio, e un pagamento a rate fino a 5 anni.

Giorgia Meloni e Giancarlo Giorgetti

Altre priorità

Con questa manovra il governo punta a recuperare circa € 32 miliardi, di cui 21 miliardi saranno destinati agli aiuti a famiglie e imprese, vessati dal caro bollette. Tra le priorità del Governo c’è anche la riattivazione delle trivelle nell’Adriatico.

Sempre in contrasto al caro bollette si vuole aumentare la tassa sugli extraprofitti, portandola dal 23% attualmente applicato ad almeno il 33%, anche se si discuterà della possibilità di alzarla almeno fino al 40%, soprattutto dopo il rigetto del TAR del Lazio riguardo i ricorsi delle aziende energetiche.

Inoltre potrebbero essere introdotte maggiori tutele e regolamentazioni sul settore delle criptovalute, soprattutto dopo gli scandali legati al fallimento di FTX.

L’iter per l’approvazione di tutte queste iniziative è lungo e dovrà passare per il parlamento, che ha tempo fino alla fine dell’anno, per evitare il rischio dell’esercizio provvisorio.

Notizie

Gate.io potrebbe finire come FTX? Le ultime notizie

Domande e Risposte (0)

Hai una domanda? Il nostro team di esperti ti risponderà. Invia il mio commento

Leave a Comment

Scrivi la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Baldassare Poma

Baldassare Poma

Mi considero esperto di finanza e appassionato di criptovalute, settori in cui mi sono formato da autodidatta iniziando con i libri di Graham e Kiyosaki. Mi interesso di geopolitica per capire come sta cambiando il mondo e come potrebbero indirizzarsi i mercati nel lungo periodo e considero l'analisi tecnica uno strumento ormai totalmente superato. Amo studiare i mercati emergenti e le ultime frontiere dell'investimento, anche per questo Blockchain, DeFi, crypto exchange e le piattaforme dei broker online sono il mio pane quotidiano. Anche se credo che il mercato delle criptovalute debba ancora esprimere il suo potenziale, sono convinto che ci sia troppa spazzatura che come una zavorra deve essere mollata per fargli prendere il volo. Nel tempo libero frequento i casinò, sia fisici che online, soprattutto per dar sfogo alla mia passione per il blackjack e il poker. Questo mi ha dato una discreta esperienza nella selezione delle piattaforme migliori e dei giochi più remunerativi. Su Finaria cerco di trasferire la mia esperienza in questi ambiti, provando a comunicare in modo semplice e chiaro, con l'intento di trasferire le mie conoscenze a chi ambisce all'indipendenza finanziaria o vuole semplicemente farsi un reddito passivo. Nella vita privata cerco di ritagliarmi del tempo per stare all'aria aperta, studiare il sax, leggere almeno un libro al mese e viaggiare almeno una volta all'anno.