Miglior Rendita DeFi: Oryen con APY 90%, seguita da SushiSwap e Aave

Nica San Juan

Giornalista economica internazionale che legge in 5 lingue


Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.

Gli investitori che riescono a guadagnare anche durante il mercato ribassista, spesso utilizzano le loro risorse digitali per fare staking. Al contrario, molti investitori commettono l’errore di comprare criptovalute e lasciarle “parcheggiate” nei wallet in attesa che il loro prezzo salga di valore.

Per riuscire a ottenere dei profitti, gli investitori devono mettere “al lavoro” le loro risorse. E quando riescono a fare ciò si può dire che guadagnano mentre dormono.

Un protocollo chiamato Oryen (ORY) è in vetta alle classifiche, quando si tratta di rendimenti DeFi, dato che paga un APY fisso del 90%. Superando altre piattaforme simili come SushiSwap (SUSHI) e Aave (AAVE).

Oryen (ORY)

Oryen offre un tasso fisso del 90% APY grazie al sistema OAT (Oryen Autostaking Technic). Come suggerisce il nome, Oryen ha sviluppato una funzione di auto-staking che mette a profitto gli ORY guadagnati prelevandoli direttamente dai wallet degli investitori. Ciò significa che nel momento in cui gli investitori acquistano ORY, inizia anche il guadagno.

Oryen ha suddiviso la creazione di reddito passivo in tre fasi: acquista, mantieni e guadagna.

ORY fa pagare delle commissioni di acquisto e di vendita, e proprio grazie a questo flusso di entrate rafforza la sua pool di liquidità, fa crescere la tesoreria, espande i casi d’uso di ORY e sviluppa il wallet RFV (Risk-Free Value), un portafoglio separato all’interno del sistema OAT che funge da riserva di liquidità utilizzata in tempi di altà volatilità.

Inoltre, il fondo incanala i capitali raccolti attraverso il sistema OAT sfruttando il potere dell’interesse composto e la funzione di accumulo automatico, consentendo al protocollo di fornire un tasso fisso davvero fantastico. Tutto ciò rende ORY una scelta eccellente per gli investitori.

Sushi Swap (SUSHI)

SushiSwap è stato lanciato nel 2020 come fork di Uniswap e, grazie al suo token SUSHI ha prosciugato enormi quantità di capitale digitale da Uniswap. Questo avvenimento è diventato noto come “attacco del vampiro”, uno stile di attacco che si perpetua in tutta la DeFi con protocolli costantemente in lotta per la liquidità.

SushiSwap detiene oltre 500 milioni di dollari nei suoi contratti intelligenti e la chiave del suo successo è stata la sua funzionalità cross-chain. Essendo uno dei grandi protagonisti tra le piattaforme DeFi, SushiSwap vedrà solidi guadagni quando la situazione macroeconomica tornerà più stabile e il denaro rifluirà nella DeFi come accadeva prima.

Aave (AAVE)

Aave è un protocollo DeFi che facilita i prestiti senza autorizzazione. Il successo di Aave non può essere sottovalutato e quello dei prestiti crypto rimane uno dei settori più capitalizzati all’interno della DeFi. Il problema centrale che sta vivendo Aave è che i tassi di utilizzo sono ancora troppo bassi, ci sono troppi prestatori e non abbastanza mutuatari.

Aave ha recentemente annunciato l’intenzione di rilasciare GHO, una stablecoin ancorata su asset collateralizzati,
che continuano a guadagnare interessi rendendo questo progetto la prima stablecoin generatrice di rendimenti.

Leggi pure
Sisal vuole la lotteria britannica - Ma Lucky Block batte tutti

Conclusione

La DeFi semplifica la creazione di più flussi di reddito e rappresenta l’inizio del viaggio verso la libertà finanziaria. Tutti i progetti di cui sopra consentono agli investitori di mettere al lavoro i propri capitali.

Tuttavia, gli analisti di criptovalute hanno selezionato ORY come prima scelta perché garantisce un tasso fisso.

Scopri di più qui:

Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.


Nica San Juan

Giornalista economica internazionale che legge in 5 lingue

Giornalista economica internazionale, si occupa di raccogliere notizie dai mercati più importanti. Ama viaggiare e leggere giornali in 5 lingue diverse, incluso il coreano.

Giornalista economica internazionale, si occupa di raccogliere notizie dai mercati più importanti. Ama viaggiare e leggere giornali in 5 lingue diverse, incluso il coreano.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *