Prestiti Crypto: Cosa sono, Come funzionano e Migliori piattaforme

Come e dove concedere o ottenere prestiti crypto

Parlare di prestiti crypto significa parlare della possibilità di poter prestare criptovalute, ottenendo in cambio specifiche ricompense, o in alternativa prendere in prestito denaro in valuta fiat, immobilizzando un quantitativo di valuta digitale.

Il crypto lending, questo il nome americanizzato dell’attività, ha avuto la capacità di ottenere numerose considerazioni ed interessi all’interno del settore. A tal riguardo, essendo da sempre attenti alle novità che vi si presentano nel comparto crypto, abbiamo deciso di scoprire tutte le sue caratteristiche.

Partiremo dal significato di prestiti crypto, passando per le funzionalità dirette del processo, fino ad arrivare ad aspetti più concreti. Focalizzeremo infatti l’attenzione sulle principali piattaforme che ad oggi offrono il lending crittografico, tramite sistemi rapidi, ma soprattutto autonomi.

Il nostro team di esperti ha sin da subito evidenziato alcuni operatori degni di nota, con numerosi servizi per utilizzare proprie criptovalute in giacenza:

🏆 Piattaforma per prestiti cryptoYouHodler
🥇 Miglior Broker per Staking CryptoeToro
🏅 Exchange per prestiti cryptoBinance

In tutto ciò, per completezza, entreremo nel dettaglio su veri e propri metodi alternativi, che seppur non permettano di avere prestiti crypto, permettono ugualmente di poter usufruire di un determinato quantitativo di criptovalute per poter ottenere interessi passivi.

Tutto ciò tramite piattaforme basilari, regolamentate, ma soprattutto basate su pochissimi passaggi per poter iniziare. Usare queste piattaforme non è speso semplice e richiede un certo studio.

Se stai cercando un modo semplice per far fruttare le tue criptovalute, ti suggeriamo di provare eToro e il suo programma di staking crypto.

  1. Registrati a eToro;
  2. Deposita il denaro sul tuo account;
  3. Fai pratica con il tuo conto demo;
  4. Cerca fra gli strumenti criptovalute compatibili con lo Staking;
  5. Seleziona l’importo ed attua la tua strategia di risparmio.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Prestiti crypto: Cosa sono

prestiti crypto

Prima di addentrarci su aspetti puramente operativi e funzionali, è bene tenere a mente come i prestiti crypto rappresentino un concetto abbastanza esteso, seppure relativamente nuovo rispetto al passato.

Effettuando semplici analisi sul mercato, le tipologie di prestiti crypto più richieste risultano essenzialmente tre. Nonostante il concetto di prestito sia lo stesso, a variare risulta il controvalore ottenuto dalla messa a disposizione del collaterale.

Ecco le tre varianti:

  • Prestiti crypto – crypto: in questo caso, come scopriremo a seguire, alcune piattaforme professionali permettono agli utenti registrati di poter ottenere determinate criptovalute, apponendo come garanzia altre criptovalute (differenti da quella richiesta).
  • Prestiti crypto – fiat: in questo caso, il servizio permette di ottenere un determinato quantitativo di valuta fiat, apponendo come garanzia una determinata quantità di criptovalute.
  • Prestare criptovalute, ottenendo interessi in cambio di una somme di criptovalute prestata ad altri utenti.

Come intuito, uno degli elementi più importanti legati ai prestiti crypto, è rappresentato proprio dalla garanzia. Chiamata anche collaterale, rappresenta la quantità di risorse immobilizzata e ceduta alla piattaforma che offre il servizio, così da poter ottenere il prestito.

Lo stesso prestito non corrisponderà ovviamente al valore totalitario del pacchetto di criptovalute dato in garanzia. Le società a capo delle piattaforme di crypto lending, devono ovviamente tutelare il proprio servizio, erogando una percentuale minore rispetto al reale valore collateralizzato.

Facendo un esempio, un utente intenzionato ad ottenere un prestito in valuta fiat (come ad esempio euro, dollaro, sterlina e così via), mette in garanzia una quantità di Bitcoin per un controvalore di 10.000 euro. In questo caso, le migliori piattaforme di lending sul mercato possono arrivare ad offrire anche il 90% del collaterale.

Così facendo, l’utente riesce ad ottenere 9.000 euro in valuta fiat, congelando momentaneamente i propri Bitcoin, altrimenti inutilizzati all’interno del proprio wallet di archiviazione digitale.

Prestiti crypto: Come funzionano

Prestiti crypto

Contrariamente da quanto si pensi, il funzionamento dei prestiti crypto non richiede specifici passaggi, o processi ostici. La presenza di numerose piattaforme ad hoc ha infatti agevolato di gran lunga anche questa attività, mettendola a disposizione di tutti gli interessati.

I prestiti crypto possono in ogni caso essere paragonati ai prestiti bancari, ossia messi a disposizione dagli istituti di credito. Anche in quel caso, dando come garanzia un immobile, o addirittura un terzo soggetto con determinate soglie patrimoniali, il cliente può ottenere un prestito.

La presenza delle garanzie, come evinto, rappresenta quindi un aspetto in comune all’interno di tutte le tipologie di prestiti.

Le società di crypto lending sono quindi semplici intermediari, finalizzati a soddisfare da una parte soggetti intenzionati a prestare criptovalute, ottenendo come ritorno possibili interessi e dall’altra soggetti intenzionati ad ottenere prestiti, immobilitando assets crittografici.

Non tutte le tipologie di prestiti crypto risultano tuttavia uguali. Sulla base del loro funzionamento, è bene considerare alcuni aspetti specifici:

  • Controvalore del prestito: si tratta del valore erogato dalla piattaforma che gestisce il prestito. Nel caso di richiesta di capitali in valuta fiat, come anticipato in precedenza, il valore del prestito può arrivare anche al 90%. Percentuale, questa, da calcolare sempre sul valore di cambio della criptovaluta selezionata in quel preciso momento.
  • Presenza di costi accessori: ne deriva la necessità di utilizzare piattaforme con commissioni molto competitive, così da evitare di perdere parte del proprio prestito con costi possibilmente evitabili effettuando scelte oculate sul mercato.
  • Scelta sulla durata: ogni prestito crypto risulta modulabile sulla base delle proprie esigenze e necessità. In altri termini, ogni utente può decidere di immobilizzare il collaterale solamente per qualche settimana, per un mese, per un anno, o anche di più. In questo caso, varierà anche la percentuale del controvalore in prestito.

Prestiti crypto: Staking come alternativa al lending

Prima di passare alla visione dei principali servizi che ad oggi permettono di ottenere prestiti crypto, è bene tenere a mente una seconda metodologia con la quale poter utilizzare criptovalute in giacenza ottenendo possibili ricompense.

Trattasi del cosiddetto staking di criptovalute, un’attività unica nel suo genere, che ha trovato sviluppo ed interesse in modo parallelo al lending crypto. Il suo funzionamento è molto basilare ed anche in questo caso viene messo a disposizione da piattaforme professionali.

Lo staking risulta possibile solamente con specifiche criptovalute, appartenenti alla categoria Proof of Stake, e non Proof of Work. In questo caso, l’utente mette a disposizione della rete una determinata quantità di criptovalute, immobilizzandole, così da diventare un validatore.

Il sistema sceglie in autonomia quali utenti risultano validi per poter processare le transazioni, erogando in modo parallelo una determinata quantità di premi (quasi sempre in criptovalute).

Contrariamente dal mining, basato sulla valenza delle potenzialità di calcolo, in questo caso, a risultare rilevante è proprio la quantità di assets messa a disposizione.

eToro Staking

Ad oggi, gli operatori specializzati in staking sono numerosi e permettono di trattare sulle principali criptovalute PoS. Uno degli intermediari più completi, ad aver aggiunto di recente anche il meccanismo di messa in stake delle criptovalute, è eToro.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

eToro

eToro Staking

Fra le tante piattaforme professionali, inserite attivamente nel settore delle criptovalute, troviamo eToro. Ha all’attivo milioni di utenti registrati ed un volume sulle transazioni da record.

Oltre a rappresentare un broker & exchange professionale, ossia volto ad offrire essenzialmente acquisto di criptovalute e negoziazione sugli stessi assets tramite strumenti derivati, mette a disposizione una serie di servizi integrativi unici nel loro genere.

Fra gli stessi, troviamo anche il sistema di Staking, che permette per l’appunto di congelare un proprio quantitativo di criptovalute (fra quelle supportate all’interno del sistema), andando successivamente a beneficiare di possibili ritorni in percentuale.

Per ogni criptovaluta, la piattaforma espone in modo chiaro e trasparente la presenza degli appositi tassi APY, erogati quasi sempre in percentuale. Ecco subito una prima tabella informativa riferita ad alcuni asset crypto presenti sul broker ed associabili al processo di messa in stake:

AssetMembri Bronze (tutti utenti USA)Membri Silver, Gold PlatinumI Membri Diamond e Platinum+
Cardano (ADA)75 %85 %90 %
Tron (TRX)75 %85 %90 %

Tutti i principali servizi di eToro, compreso l’acquisto e la negoziazione di strumenti crypto, possono essere gestiti sia tramite la piattaforma web (modalità desktop), sia tramite la comoda applicazione per dispositivi mobili.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Migliori piattaforme per prestiti crypto

Entrando nel vivo della questione, è ora possibile esaminare in modo diretto alcuni dei principali operatori presenti sul mercato che permettono (in modo diretto) di poter ottenere prestiti crypto. Tutto ciò in modo semplificato, attraverso piattaforme semplici da utilizzare.

Anche in questo caso, così come per le valutazioni di piattaforme di negoziazione, trattandosi pur sempre di servizi finanziari e legati al modo delle criptovalute, è bene selezionare solamente intermediari ed operatori professionali.

Quali sono gli aspetti principali da dover considerare? Ecco alcuni punti:

  • Chiarezza informativa: le piattaforme di lending crypto devono necessariamente esporre in modo trasparente la presenza delle percentuali APY (in caso di prestito di criptovalute con ottenimento di interessi) o la percentuale del prestito fiat sulla base del collaterale messo a disposizione.
  • Facilità operativa: rappresenta l’intuitività nel poter gestire le proprie risorse, controllare l’immobilizzazione, il valore delle criptovalute e cosi via.
  • Presenza di più asset di scambio: avendo a disposizione più criptovalute da poter utilizzare per il servizio di lending, l’utente può decidere di utilizzare specifici strumenti, sulla base delle proprie esigenze e necessità.

Sulla base di questi punti, ecco subito due servizi noti e professionali che integrano l’attività di lending crypto (ossia di prestiti crittografici) all’interno delle proprie piattaforme: Binance e YouHodler.

Binance Lending

Binance prestiti crypto

La prima piattaforma per poter ottenere prestiti crypto viene prestata direttamente da uno degli exchange più professionali attualmente sul mercato, ossia Binance.

Si tratta di uno scambiatore storico, che ancora ad oggi, nonostante la forte concorrenza di exchange decentralizzati, continua a mantenere una quota di mercato considerevole. Una prima caratteristica degna di nota riguarda la presenza di centinaia di criptovalute.

Il business principale è rappresentato dalla messa a disposizione di acquisti di criptovalute. In ogni caso, risultano presenti anche altri servizi, come ad esempio sia il meccanismo di staking, sia l’attività di lending crypto.

Binance prestiti crypto

Tutti gli utenti registrati, hanno altresì la possibilità di poter apporre un determinato quantitativo di Bitcoin come garanzia, ossia come collaterale, ricevendo in cambio il prestito. Quali sono le criptovalute disponibili per l’attività di lending?

Su Binance (solo per alcune nazioni) sono disponibili decine di criptovalute, fra le quali:

  • BNB
  • ETH
  • USDT
  • BUSD
  • BTC

Risulta possibile impostare la valuta da prendere in prestito, quella da dare in garanzia, inserendo anche la durata (variabile da un minimo di 7 ad un massimo di 180 giorni). In tutto ciò, considerando parametri quali: Margin Call, LTV iniziale e liquidazione LTV.

Il tuo capitale è a rischio

YouHodler

YouHodler

Una seconda piattaforma professionale, che ha avuto la capacità di incrementare in modo esponenziale la propria quota di mercato, è YouHodler.

Contrariamente da molti altri operatori, rappresenta una società giovane, attiva a pieno regime dal 2019, ma non per questo priva di professionalità. Un primo aspetto da considerare riguarda la presenza di una licenza specifica, associata alla rinomata Fintech License.

Le proposte messe a disposizione all’interno della pagina ufficiale sono numerose. Quelle che maggiormente risultano di interesse per il nostro approfondimento vendono da una parte gli interessi sul conto di risparmio e dall’altra il cosiddetto prestito Bitcoin.

Il primo citato, permette di ottenere possibili ritorni in percentuale, semplicemente andando ad immobilizzare un determinato quantitativo di BTC. In questo caso, la pagina ufficiale propone stime al 4,8% di interessi annui sul Bitcoin.

Quanto al servizio di prestito crypto vero e proprio, offre invece la possibilità di ottenere prestiti diretti in valuta fiat con un loan-to-value pari addirittura al 90% (sempre in riferimento al collaterale messo in garanzia).

La percentuale associata all’LTV varia sulla base del periodo di tempo selezionato. Facendo un esempio, si passa dall’LTV massimo (ossia 90%) con una durata a 30 giorni, passando ad un LTV al 50% con una durata a 180 giorni.

Il tuo capitale è a rischio

Prestiti crypto: Rischi

Il settore delle criptovalute, vede ad oggi la presenza di decine di settori ed attività interconnessi. A tal riguardo, è bene considerare come qualsiasi criptovaluta disponga di un proprio valore e di un proprio grado di volatilità.

Lo stesso va a dettare i cosiddetti andamenti al rialzo ed al ribasso, a loro volta associati all’imprevedibilità dei mercati crypto. Ne deriva, in modo parallelo, la presenza del rischio anche in riferimento alle attività di prestiti crypto.

Nello specifico, al momento del prestito, il possibile rischio è legato ad una variazione del valore della criptovaluta. Aspetto, questo, da tenere sempre in considerazione su attività di crypto lending, così come di staking.

Un secondo rischio, in questo caso indiretto, attiene invece la presenza di molte piattaforme truffaldine legate al Bitcoin ed al mondo crittografico. Si ricorda di fare affidamento solamente su intermediari professionali, che vadano ad esporre in modo chiaro e trasparente tutte le informazioni.

Prestiti crypto: Pro & contro

Alla luce delle informazioni apprese all’interno della nostra guida, completamente incentrata sui prestiti crypto, vediamo una tabella riassuntiva sui principali punti di forza e di debolezza del processo di lending crittografico.

  • Sistema di nuova generazione nato nel corso degli ultimi mesi
  • Gestibile comodamente grazie a piattaforme online
  • Permette di utilizzare criptovalute in giacenza
  • Possibilità di ottenere valuta Fiat, lasciando un collaterale
  • Rischio generalista sulla volatilità del mercato
  • Presenza di di eventuali piattaforme ancora non regolamentate

Prestiti crypto: Conclusioni

L’attività dei prestiti crypto ha rappresentato una possibile alternativa, presente ad oggi sul mercato. Se da una parte può trovare alcuni elementi in comune con i prestiti tradizionali (per intenderci messi a disposizione dalle banche), dall’altra trova molti aspetti differenti.

In ogni caso, la presenza del collaterale, in questo caso in strumenti crittografici, viene considerato lo strumento chiave per poter richiedere il prestito. Nel corso del nostro approfondimento, abbiamo potuto esporre alcuni dei principali operatori che ad oggi permettono di fare crypto lending.

In conclusione, per completezza, sono stati esposti alcuni dei migliori exchange che permettono, al di fuori del lending, di utilizzare criptovalute PoS in giacenza, ricevendo possibili premi, attraverso il meccanismo di staking.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro quando fa trading di CFDs con questo operatore. Per favore valuta se sei in una posizione finanziaria personale che ti permette di correre il rischio di perdere denaro

Prestiti crypto – Domande frequenti

Cos’è il prestito crypto?

Il prestito crypto rappresenta una specifica attività che permette di ottenere in prestito criptovalute, o in alcuni casi valuta fiat, apponendo come collaterale (ossia garanzia) una determinata quantità di strumenti crittografici.

Come funziona il prestito crypto?

Ad oggi, come ricordato nel corso della nostra guida, l’attività di lending crypto viene messa a disposizione da piattaforme user friendly semplici da gestire e con diversi servizi integrativi.

Quali alternative al prestito crypto?

Nel corso del nostro approfondimento abbiamo ricordato alcuni dei migliori broker & exchange professionali, che permettono di mettere in Stake criptovalute PoS, ottenendo possibili premi sulla giacenza immobilizzata.

condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *