Crollo di Bitcoin ed Ethereum! Crypto crash nella settimana del FOMC. Cosa accade?

Giuliana Morelli

Esperta in Economia e Analisi dei Mercati


Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.

L’inizio di questa settimana non è stato il massimo per il settore delle crypto, utilizzando un eufemismo. Bitcoin scende sotto i $19.000 mentre Ethereum crolla a $1.300. Insomma, questo è solo l’inizio di una settimana di negoziazioni che si prospettano essere piuttosto nervose.

ETH ha fatto -26,4% in 7 giorni

I prossimi 7 giorni che vivremo sono caratterizzati da eventi macro e da tanti dati importanti, uno su tutti le decisioni del FOMC (Federal Open Market Committee) per l’ulteriore aumento dei tassi negli USA. Questa eventualità ha spinto i mercati in una spirale di nervosismo e preoccupazioni che si è tradotta in ciò che stiamo vedendo in questo lunedì. Approfondiamo insieme l’analisi del momento nelle prossime righe.

Bear sentiment: ecco come si apre la settimana del FOMC

Il Comitato Federale del Mercato Libero è, probabilmente, il grande colpevole delle turbolenze delle ultime ore. Ma quali sono le motivazioni di tanto nervosismo?

Innanzitutto, l’inflazione è fuori controllo con i dati di luglio e agosto che sono stati piuttosto preoccupanti. Inflazione che è presente anche negli USA che vivono un problema energetico simile a quello dell’Europa, anche se in misura minore. Detto questo, ci si aspettano manovre aggressive da parte della FED.

La riunione del FOMC, quindi, è l’evento più importante della settimana perché ci dirà se la FED deciderà di aumentare i tassi di 75 punti base o più. Si tratterebbe di un disastro annunciato per il mercato delle crypto e per Bitcoin.

Infine, una fetta importante delle preoccupazioni è dettata dall’UE, con la sua pessima situazione a livello energetico e in termini di debito pubblico. L’Europa sta pagando un prezzo altissimo per la guerra in Ucraina e se non deciderà di sospendere le sanzioni alla Russia, aziende e famiglie andranno incontro ad un inverno freddissimo.

Scopri gli asset e le strategie per proteggere i risparmi dall’inflazione.

Alta tensione: la prossima settimana è cruciale

Jerome Powell della SEC

Quindi, la tensione dei mercati è dettata anche da una serie di appuntamenti che avverranno in questa settimana. Il FOMC è sicuramente l’evento più atteso e quello che sta già mettendo in preallarme i mercati.

Come detto, si tratta del momento in cui saranno svelate le prossime decisioni per i tassi di interesse USA. Secondo alcuni, si potrebbe arrivare addirittura a 100 punti di aumento, in quanto nessuno crede ad un rialzo di soli 50 punti base.

A ciò si aggiunge l’inflazione in Canada, un’economia seppur marginale ma che interagisce a stretto contatto con gli USA. Un altro appuntamento da segnare sul calendario è l’intervento del capo della BCE, Lagarde, che parlerà il 20 settembre alle ore 19.00.

Da monitorare anche la politica monetaria giapponese, con lo Yen in forte difficoltà rispetto alle valute delle economie sviluppate.

Leggi pure
Lucky Block, a metà maggio i nomi dei primi vincitori

Qual è il miglior scenario per le crypto?

Il crollo delle crypto di qualche ora fa sembra aver abbracciato il peggior scenario possibile. Attualmente, la migliore situazione sarebbe un rialzo di soli 75 punti base con toni più concilianti da parte di Powell che potrebbero far intravedere un miglioramento dei fondamentali economici.

Nonostante si tratti di una settimana piuttosto dura, non è detto che non sia solamente un trend di breve periodo e che possa essere invertito in maniera rapida una volta passati questi 7 giorni di inferno. Alla luce di questi fatti, potrebbe essere una buona idea quella di investire in crypto in prevendita che non sono influenzate dalle condizioni del mercato.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.


Giuliana Morelli

Esperta in Economia e Analisi dei Mercati

Dr.ssa Giuliana Morelli, Laurea Magistrale in Economia e Management. Ha lavorato come consulente aziendale in ambito economico/finanziario fino al 2010, quando ha fondato la sua società di consulenza. Collabora con diversi studi professionali ed è attiva in iniziative relative a Blockchain, Fintech, e svariati incubatori e acceleratori di impresa.

Dr.ssa Giuliana Morelli, Laurea Magistrale in Economia e Management. Ha lavorato come consulente aziendale in ambito economico/finanziario fino al 2010, quando ha fondato la sua società di consulenza. Collabora con diversi studi professionali ed è attiva in iniziative relative a Blockchain, Fintech, e svariati incubatori e acceleratori di impresa.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *