Ritorna la truffa della presale del token Amazon Crypto: non comprare AMZ

Baldassare Poma

Appassionato di Finanza, criptovalute e investimenti DeFi


Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.

Ti sarà capitato ultimamente di vedere annunci o leggere notizie riguardo a una criptovaluta emessa direttamente da Amazon. Iniziamo subito col dire che non c’è una prevendita di token Amazon, né sta per arrivare alcuna criptovaluta AMZ.

Si tratta di una truffa già apparsa nel 2021 e che è tornata tra i trend su Google di recente. Non farti ingannare.

Falsa prevendita di token Amazon

A dicembre l’antivirus Avast ha scritto un post sul suo blog annunciando: “Attenzione alla nuova truffa Amazon Token Crypto”.

Hanno pubblicato screenshot di falsi annunci di Amazon che sembrano essere stati pubblicati da CNBC, The Guardian, Yahoo ecc. Ma in realtà sono domini copycat creati da truffatori.

Utilizzando i bot vengono condivisi sul web tantissimi commenti falsi, ed elargiti Mi piace, condivisioni e così via.

Quando questo tipo di truffa crittografica compare sui social media come Twitter, di solito, i commenti vengono bloccati impedendo agli utenti reali di scrivere che si tratta di una truffa.

Abbiamo esaminato le migliori crypto presale in uscita nel 2022, tutte legittime e verificate da siti di controllo di terze parti come Solid Proof e CoinSniper.

Esiste un vero token crittografico Amazon?

Fin dalla corsa al rialzo del 2017, l’idea che “Amazon stia comprando Bitcoin” o investa in criptovalute in qualche modo ha portato le persone a sperimentare FOMO per l’acquisto di qualche token.

Poi è arrivata la voce che il gigante della vendita al dettaglio possa persino lanciare un token crittografico ufficiale di Amazon. Cosa che non si è mai materializzata e si basava su un annuncio di lavoro.

Amazon ha veramente espresso interesse per criptovalute ed NFT, ma non ha mai emesso un proprio token crittografico né ha detto che lo farà.

Come sottolineato anche da diversi YouTuber, il token AMZ, o i suoi altri nomi “AMZTRX”, “AMZD2X” o simili, son tutti progetti crittografici completamente falsi e che provano a sfruttare il logo e la fama di Amazon per truffare gli utenti.

Secondo i dati ricavati da Ahrefs, le parole “Amazon token presale” vengono cercato su Google almeno 2.000 volte al mese e “Amazon crypto” il doppio. Avast ha stimato che questa truffa crittografica ha fruttato già più di $ 100.000 ai suoi ideatori solo nella seconda metà del 2021.

Leggi pure
Lucky Block, a metà maggio i nomi dei primi vincitori

Evitare le truffe nelle prevendite di criptovalute

Se vuoi investire su nuovi progetti crypto e nelle prevendite di token, dovresti sempre fare la tua ricerca, anche attraverso social media e piattaforme di condivisione di informazioni come Reddit, canali YouTube dedicati alle crypto e presso rinomati trader esperti di criptovalute su Twitter.

Spesso le truffe crittografiche utilizzano un italiano (o inglese) stentato, siti web con nomi falsificati e sfruttano in modo indebito l’immagine di altri progetti legittimi, personaggi noti o influencer.

Non fare mai clic sui link che ricevi da sconosciuti, o da messaggi dirette inviati a te sui gruppi Telegram. Infatti, la prassi vuole che gli amministratori dei gruppi di criptovalute seri, non inviano mai un messaggio diretto per primi, men che meno chiedendoti di “convalidare il tuo portafoglio” o di fornire loro la tua frase seed.

In linea di massima vale il detto: Se sembra troppo bello per essere vero, probabilmente non lo è.

Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.


Baldassare Poma

Appassionato di Finanza, criptovalute e investimenti DeFi

Mi considero esperto di finanza e appassionato di criptovalute. Amo studiare i mercati emergenti e le ultime frontiere dell'investimento. Blockchain, DeFi, exchange e broker sono il mio pane quotidiano.

Mi considero esperto di finanza e appassionato di criptovalute. Amo studiare i mercati emergenti e le ultime frontiere dell'investimento. Blockchain, DeFi, exchange e broker sono il mio pane quotidiano.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *