Suggerimenti per la scelta della tua nuova carta di credito

La carta di credito è un prodotto finanziario molto utile, che ci consente di far fronte a determinate spese chiedendo una sorta di “mini prestito” alla banca presso la quale abbiamo acceso la nostra posizione di correntisti.

Gli importi degli acquisti effettuati vengono addebitati sul conto corrente in base alla data di saldo prevista dalla banca, una volta al mese. Il che significa che si dispone di un minimo di elasticità per rimpinguare il conto in banca, grazie all’accredito dello stipendio e, contemporaneamente, poter sostenere delle spese per i plafond assegnati.

Le carte di credito che agiscono con tale meccanismo sono quelle classiche, o anche dette “a saldo”, mentre ne esistono anche delle versioni “optional”, che fanno scontare i pagamenti non sulla mensilità successiva a quella di riferimento, ma a rate. Questa tipologia, tuttavia, è molto meno diffusa della precedente.

Quando si acquista una carta di credito è fondamentale controllarne il circuito di appartenenza, per non trovarsi in difficoltà con i pagamenti, in Italia e all’estero. Per quanto riguarda il comportamento dell’istituto di credito in caso di furto o uso doloso della carta da parte di persone non autorizzate, è sufficiente controllare che la banca aderisca alla Raccomandazione Ue 489/97: in tal modo la somma massima accreditataci sarà quella prevista da tale regolamento.

Infine, prima di decidere se sottoscrivere o meno una carta di credito, è bene valutarne attentamente i costi, che solitamente sono mensili e legati all’utilizzo o meno della carta stessa, con eventuali addebiti differenti che si usi all’estero oppure in Italia.

Condividi questo articolo

Esperta di Economia e Investimenti. Il mio lavoro è scrivere scrivere e ancora scrivere. Cercami su Google + e leggi tutti i miei post!