L’Avvocato Risponde online: Come funziona e come si contatta (gratis o a pagamento)

La consulenza legale oggi si rinnova: si può richiedere online, gratuitamente o a pagamento, con risposte in 24 ore. Come contattare un avvocato e come funziona il servizio

La consulenza legale online è un servizio sempre più richiesto in rete. Per molta gente è facile incappare in problemi con la Legge o avere anche solo un piccolo dubbio di diritto, ma i tempi e i costi di un avvocato possono scoraggiare dal risolverli.

Oggi invece grazie a una piattaforma web puoi fare la tua domanda e ottenere la risposta di un legale entro 24 ore, anche a prezzi più accessibili rispetto a quelli applicati da un consulente tradizionale. Molti studi legali e i professionisti si sono attivati per andare incontro a questa rivoluzione: oggi l’avvocato risponde anche online, non più solo al telefono o in ufficio, e in alcuni casi anche con una consulenza legale gratuita (come fanno su deQuo o Avvocatonet).

Vediamo quali sono i nuovi servizi di consulenza online, come contattare un avvocato e come chiedere un parere (a pagamento, ma anche gratis) a dei veri professionisti.

Cos’è la consulenza di un avvocato

La consulenza di un avvocato è un parere, o un consiglio, fornito dal professionista a chi non possiede le conoscenze giuridiche necessarie per affrontare un problema di natura legale da solo. Grazie alla risposta del consulente il privato valuta la situazione in cui si trova e decide come agire di conseguenza.

Le consulenze legali sono delle prestazioni professionali al pari di un parere medico o di un dottore commercialista, e in quanto tali l’avvocato può stabilire un costo per il servizio (oppure lasciare la prima consulenza anche gratis).

Come funziona una consulenza legale

Di solito un parere legale si articola in tre ipotetici passaggi. Per prima cosa l’avvocato cerca di inquadrare il caso del cliente all’interno della normativa di riferimento. In particolare il professionista spiega al suo assistito in quale situazione giuridica si trova e quali sono le norme applicate.

Fatto questo, il consulente fornisce quali sono gli orientamenti giurisprudenziali, ossia le sentenze che le corti hanno già emanato su casi simili a quello del cliente in questione. In pratica, dopo la normativa, si va a verificare come sono state gestite in passato le controversie affini.

Alla fine arriva il momento della sintesi: l’avvocato risponde al cliente fornendogli gli scenari e le soluzioni possibili al suo caso concreto.

Come funziona l’assistenza legale online

La consulenza legale online permette al cliente di bypassare il confronto iniziale rivolgendo la domanda allo studio legale direttamente attraverso la rete.

L’avvocato risponderà sulla piattaforma scelta dall’utente fornendo la risposta che il privato stava cercando. Un meccanismo simile a un forum, ma con la differenza che i pareri sono forniti da professionisti laureati in Legge e iscritti all’Albo territoriale.

Affinché il servizio sia davvero efficace è fondamentale che il cliente spieghi in modo chiaro e completo il proprio caso. La consulenza legale sul web elimina chiaramente il rapporto personale, perciò diventa più importante esprimersi correttamente e essere chiari con il professionista.

Consulenza legale online: Pro e Contro

Ciò che spinge le persone ad evitare di recarsi fisicamente in uno studio legale è sicuramente il prezzo della parcella di un avvocato, non proprio alla portata di tutti.

Una consulenza online, visti i prezzi piuttosto bassi praticati dai maggiori siti web, è una soluzione utile e praticamente istantanea per ottenere un parere legale completo e a poco prezzo. Inoltre sulla piattaforma giusta è possibile trovare qualsiasi tipo di avvocato per diverse categorie: separazione, condominio, contese ereditarie, fisco e tasse, diritto del lavoro, penale, ecc.

Si tratta ovviamente di uno “step iniziale”: un parere legale da remoto (web, chat o al telefono) non potrà mai sostituire in tutto e per tutto il lavoro di uno studio legale tradizionale.

L’avvocato online non sostituisce totalmente il lavoro del nostro avvocato di fiducia, ma può rappresentare un’ottima alternativa per la soluzione di quesiti di natura giuridica.

Detto questo, un avvocato che risponde online ma che esercita la propria attività nelle vicinanze può benissimo essere ricontattato personalmente e visitato di persona, per farsi assistere o richiedere un chiarimento.

Come contattare un avvocato

Basta entrare in uno dei siti di consulenza legale più conosciuti e cliccare sulla sezione consulenza, compilare il modulo di richiesta e attendere la risposta da parte di uno degli avvocati del sito.

Le piattaforme più utilizzate dagli utenti che cercano risposte da un avvocato online sono:

  • DeQuo;
  • Avvocato Andreani;
  • Studio Cataldi.

Se la consulenza legale è a pagamento bisognerà saldare la somma richiesta prima di ricevere il parere. In genere la risposta al nostro quesito viene evasa in brevissimo tempo, o al massimo entro le 24 ore lavorative successive.

E se invece volessi richiedere un consiglio legale gratuitamente? Puoi contattare un avvocato anche a 0 euro vediamo come.

Ho bisogno di un avvocato gratis: cosa fare?

Alcuni studi legali offrono la possibilità di ricevere una prima consulenza gratuita, ma è necessario recarsi fisicamente nello studio per ottenere risposta dall’avvocato.

Online invece trovi una soluzione anche se hai bisogno di un avvocato gratis. DeQuo per esempio distingue tra consulenze legali gratuite e a pagamento (premium):

  • le prime vengono pubblicate sul portale e sono fruibili per tutti (naturalmente anonime);
  • quelle premium arrivano al solo interessato e il privato può chiedere dei chiarimenti in merito.

Potresti richiedere infinite consulenze online e ottenere sempre una (o più) risposte. Dovrai aspettare un po’ di più, o magari la risposta potrebbe essere un po’ sbrigativa: in ogni caso però hai sempre un avvocato pronto a fornirti un parere.

condividi l'articolo sui social

Ci sono 8 commenti per questo articolo
  1. Alessandro 22 Settembre 2015 10:59

    Salve volevo avere delle delucidazione in merito ai livelli economici A1 e B1 cosa dovrebbero fare in una scuola professionale della Provincia di Monza e Brianza. Nel mio contratto sono nella posizione economica B1 e nel contratto quando sono stato assunto e anche in busta paga c’era scritto Servizi Ausiliari e di Supporto che vedendo questo lavoro dovrebbe farlo uno di livello A1 e non un B1. Poi quando siamo passati ad afol nella busta paga c’era scritto Amministrativo io come lavoro faccio apertura e chiusura cancelli, accoglienza degli utenti che entrano e do informazioni dove andare e guardiania che vedendo in internet dovrebbe farlo un A1 e non un B1. Io vorrei sapere cosa dovrebbe fare uno di livello economico A1 e B1. Voglio sapere se un lavoratore che lavora presso una scuola professionale con livello economico B1 deve fare lavori di guardiania, accoglienza utenti e aprire/chiudere i cancelli ecc quindi lavoro da ausiliare oppure deve fare lavori di ufficio ecc…

  2. Giulia 4 Ottobre 2018 18:00

    Siamo cittadini albanesi sposati in Albania si può divorziare in Italia? Grazie.

  3. Stefania 30 Gennaio 2020 16:57

    È possibile che le indagini preliminari durino più di 2 anni incl. 3+3 mesi di proroga? Ad esempio aggiungendo nuovi iscritti nel registro degli indagati e quindi fa fede come termine decorrente l’ultimo iscritto?

  4. Anna Calabrese 21 Febbraio 2020 16:20

    Buonasera avvocato volevo un suo parere mi ha citato il mio ex marito per il mantenimento di mio figlio maggiorenne lui non ha una busta paga e un contratto fa un lavoro col senter per fissare appuntamenti le versa solo a lui 450 € e a me non da nulla io non lavoro e adesso vuole toglierlo mio figlio vive con me in casa dei miei adesso vuole toglierlo può farlo questo mese lo ha ridotto a 250 Grazie attendo un suo consiglio

  5. Aleksandra 18 Gennaio 2021 7:35

    Buongiorno avvocato.
    Si tratta di diritto scolastico.
    In questo momento siamo in zona rossa in Lombardia e la nostra scuola continua a farci andare in presenza dicendo che le lezioni di matematica o altro sono laboratori di scrittura ecc..cosa assolutamente non vera perché sono lezioni assolutamente teoriche. Il decreto specifica la DAD per tutte le superiori. Ed io non so come muovermi avrei bisogno di un aiuto per capire cosa fare. Salve.

  6. Stefania 19 Gennaio 2021 21:45

    Buonasera vorrei sapere se il mio ex può togliere il mantenimento a mia figlia quando mia figlia da poco lavora ma nn è inquadrata e percepisce solo 400€, se e possibile avere risposta, e capirne un po’ di più grazie

  7. Lorenzo G. 19 Febbraio 2021 20:37

    Buongiorno, ho un contenzioso con la mia assicurazione a seguito di furto della radio – navigatore installato di serie.
    La compagnia Linear vuole rimborsare un importo massimo di 1.100 euro ai sensi della clausola contrattuale (6.1) del set informativo 07-2019 Linear.
    La mia interpretazione di tale articolo contrattuale si riferisce solo agli accessori aggiunti – opzional.
    Si richiede un parere interpretativo sul punto (6.1) come descritto in seguito (le parti tra parentesi sono descritte in corsivo sul testo originale)
    -/-/-/-/-/-/-/-/-/-/-/
    6.1 Oggetto dell’assicurazione
    Linear indennizza i danni materiali e diretti subiti dal veicolo causati da:
    – incendio
    – furto o rapina (consumati o tentati)25
    Sono inoltre compresi i danni:
    – da circolazione conseguenti al furto o alla rapina
    – agli accessori di serie e agli accessori aggiuntivi – optional, (questi ultimi solo se dichiarati nella scheda
    contrattuale con un valore addizionale specifico, con il limite di 1.100€ e con uno scoperto del 15% per sinistro.)
    (Sono indennizzati i seguenti accessori aggiuntivi – optional:)
    – gli accessori fono-audio-visivi quali: apparecchi radio, radiotelefoni, registratori, monitor, lettori cd,
    dvd, usb e bluetooth stabilmente fissati al veicolo
    – gli apparecchi dotati dei cosiddetti “frontalini” esclusi dal modello di serie del veicolo assicurato
    -/-/-/-/-/-/-/-/-/
    Grazie per una risposta esaustiva e saluti
    Lorenzo G.

  8. Lorenzo G. 19 Febbraio 2021 20:46

    Preciso che il costo della mia radio -navigatore + il cablaggio dei fili di collegamento tagliati è superiore al rimborso di 1.100 euro offerto dalla assicurazione.
    Il liquidatore Linear asserisce invece che il limite di 1.100 euro si riferisce anche agli accessori installati di serie.
    Ringrazio e mi scuso per la precisazione
    Saluti
    LorenzoG.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LIMITAZIONI DI RESPONSABILITA'

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Tutte le informazioni che troverete su Finaria.it sono pubblicate solo per scopi informativi. Noi non diamo assolutamente alcuna garanzia riguardo la precisione e l'affidabilità di queste informazioni. Qualsiasi azione prenderete sulla base delle informazioni fornite dal nostro sito è rigorosamente a vostro rischio e pericolo e lo staff di Finaria non sarà responsabile di eventuali perdite e/o danni in relazione all'uso delle informazioni o notizie fornite dal nostro sito web.


DIRITTO D'AUTORE

Tutti i contenuti testuali su Finaria sono protetti da copyright e dalle leggi sulla proprietà intellettuale. L'utente non può riprodurre, distribuire, pubblicare o trasmettere qualsiasi contenuto, frase, immagine senza indicare il sito web www.finaria.it come fonte. Finaria non rivendica il copyright sulle immagini usate sul sito web, tra cui loghi, immagini e illustrazioni varie.