Home L’ultimatum di Elon Musk per continuare a sviluppare l’AI in Tesla
Notizie

L’ultimatum di Elon Musk per continuare a sviluppare l’AI in Tesla

Elon Musk svilupperà i progetti AI fuori da Tesla se non tornerà in possesso del 25% della società. La minaccia, più o meno velata, è arrivata nei giorni scorsi quando, con un post su Twitter, il popolare CEO americano ha ammesso di non sentirsi abbastanza influente per operare nel settore dell’intelligenza artificiale all’interno della compagnia che al momento controlla solo per il 13%.

Elon Musk rivuole maggiore controllo su Tesla

Al momento, Musk detiene il 13% della società, in passato ha ceduto parte del suo pacchetto azionario per entrare in possesso di Twitter, ora ribattezzata X. L’operazione era costata 44 miliardi di dollari e non era stata eseguita solo grazie all’infusione di capitale di Musk, altri investitori avevano partecipato alla cordata.

Musk ha commentato un thread alimentato dagli investitori di Tesla (TSLA), in cui ammette: 

“Mi sentirei a disagio nel rendere Tesla leader nell’IA e nella robotica senza avere il controllo del 25% dei voti. Abbastanza da essere influente, ma non così tanto da non poter essere contestato. Se così non fosse, preferirei sviluppare i prodotti al di fuori di Tesla. Non sembra chiaro che Tesla non è una sola startup, ma una dozzina. Basta guardare il divario tra le attività di Tesla e quelle di GM. Per quanto riguarda la motivazione data dal numero di azioni possedute, Fidelity e altri possiedono quote simili alle mie. Perché non si presentano al lavoro?”

Da quando Musk è diventato CEO di Twitter, il social ha perso valore e ha incontrato non poche difficoltà. Eppure, Musk ha il pregio di introdurre novità capaci di risollevare il valore del titolo della compagnia madre. Nel 2022 Musk presentò Optimus, il modello di robot umanoide durante un evento Tesla, tanto bastò per risollevare la percezione della solidità della compagnia.

Gran parte dei portafogli d’investimento ben differenziati, oggi detengono azioni di Tesla. Per includere queste azioni o i vari veicoli d’investimento collegati a Tesla, è utile operare con broker regolamentato, per esempio aprendo un conto con XTB.

Alle minacce seguiranno i fatti?

Il 25% di Tesla oggi vale oltre 80 miliardi di dollari e secondo Musk è il minimo a cui ambire per evitare scalate e avere un sufficiente controllo dell’azienda. Del resto è noto che Musk ha un’opinione catastrofista dell’evoluzione dell’intelligenza artificiale, che pare ritenga di poter controllare senza incorrere in “minacce per l’umanità“.

Secondo Wedbush, una tra le società leader nella gestione patrimoniale e consulenza, c’è da restare ottimisti riguardo Tesla, attribuendole un rating Outperform e un obiettivo di prezzo di 350$ mentre adesso il titolo è scambiato a 198$

Le affermazioni di Musk potrebbero segnalare la reale intenzione di un buy back, e cioè il CEO potrebbe essere davvero intenzionato ad accrescere la sua partecipazione in Tesla. Wedbush stima che il consiglio di amministrazione e Musk saranno in grado di “risolvere la questione nei prossimi 3-6 mesi” e che “alla fine tutti i progetti AI saranno mantenuti all’interno di Tesla”.

Secondo la società di consulenza, quindi, sarebbe un grosso errore spostare al di fuori di Tesla i progetti di intelligenza artificiale a cui al momento si sta dedicando Musk.

In particolare, l’analista Dan Ives di Wedbush ha detto che i commenti hanno suscitato una “tempesta di fuoco” tra gli investitori, negli ultimi giorni il valore del titolo è in calo. Oggi registra un brusco deprezzamento del 2,26%. Questo perché i progetti di intelligenza artificiale di Tesla sono una componente chiave della tesi rialzista di Wedbush.

Tesla senza AI non è una buona idea

Tra i progetti al momento in cantiere non c’è solo il robot umanoide Optimus o il chatbot dotato di sense of humor, Grok. C’è anche la guida autonoma che dovrebbe entrare tra la dotazione dei popolari veicoli elettrici. 

Per Dan Ives le conseguenze sono chiare: 

“Se Musk alla fine scegliesse di creare una propria società (separata da Tesla per i suoi progetti di intelligenza artificiale di prossima generazione), si tratterebbe di un grande punto negativo per la storia di Tesla.”

In effetti, Musk l’anno scorso ha già lanciato un’azienda dedicata all’intelligenza artificiale, xAI. Stando a quanto si legge sul sito, si tratta di una startup che vuole “far progredire la nostra segreta comprensione dell’universo”.

L’azienda mira a ottenere una capitalizzazione di 1 miliardo di dollari quotandosi in Borsa, finora ne ha ottenuti 135 milioni da un gruppo ristretto di investitori stando a quanto dichiarato in forma ufficiale alla SEC.Investire nel settore dell’intelligenza artificiale può essere una buona idea.

Del resto, molti osservatori ritengono che questo settore si trovi ancora in fase embrionale e nel prossimo futuro potrebbe riservare grosse opportunità di sviluppo e crescita. Districarsi in questo complesso mondo hi-tech non è facile, abbiamo realizzato delle guide sull’Ai trading per offrire spunti utili.

Domande e Risposte (0)

Hai una domanda? Il nostro team di esperti ti risponderà. Invia il mio commento

Lascia un commento

Scrivi la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Giuliana Morelli

Giuliana Morelli

Dr.ssa Giuliana Morelli, con una Laurea Magistrale in Economia e Management, ha maturato una solida esperienza nel settore finanziario ed economico durante gli anni di lavoro come consulente aziendale. Nel 2010, ha intrapreso una nuova avventura fondando la sua società di consulenza, attraverso la quale offre supporto a imprese e individui nel navigare il complesso mondo degli investimenti e del trading.

La sua expertise si estende anche al vivace settore delle criptovalute, dove esplora l'intersezione tra trading tradizionale e tecnologie emergenti come la Blockchain. Giuliana collabora attivamente con diversi studi professionali ed è una figura di spicco in numerose iniziative legate a Fintech, Blockchain, nonché in vari incubatori e acceleratori di impresa.

Giuliana ha una passione per l'attualità, cosa che le permette di fornire ai lettori analisi puntuali e aggiornate sulle ultime novità del settore. Con una comunicazione chiara e precisa, mira a rendere il mondo del trading e degli investimenti comprensibile e accessibile a tutti, sia che si tratti di principianti o di investitori esperti.

All'interno del team gestisce con passione e dedizione il ramo relativo alle news, sia crypto che di finanza classica.