Il lancio di DeFi Swap DEX porterà DeFi Coin a 10x?

Sandra Giuliano

Esperta in Finanza personale, Trading e Investimenti


DeFi Coin (DEFC) è tornato con il botto. Mercoledì 4 maggio DeFi Coin è stato il token top gainer sull’exchange decentralizzato PancakeSwap. Lanciato il 10 maggio 2021, DeFi Coin ha raggiunto ieri il traguardo chiave della sua roadmap, con l’attivazione di un exchange decentralizzato: DeFi Swap.

DEFC è il token nativo di DeFi Swap, quindi non sorprende che sia stato il beneficiario diretto del rilascio del DEX. Ad un certo punto il prezzo ha registrato un rialzo intraday del 300%, tra il minimo e il massimo del giorno.

Poche ore dopo l’annuncio, l’entusiasmo degli acquirenti si è fatto strada e DEFC ha chiuso la sessione giornaliera con il 160% di crescita e il prezzo del token a quota $ 0,2586. Mentre al momento della scrittura il token ha un prezzo di $ 0,3981 con un aumento del 400% in meno di 48 ore.

Il grande rialzo di DEFC

Sebbene la tabella di marcia sembrasse essere stata abbandonata dalla fine dello scorso anno, la consegna del DEX ha stravolto il “sentiment” attorno al progetto. A riprova che la DeFi, insieme agli NFT, rimane tra i settori più caldi delle criptovalute.

La DeFi è un’opportunità da 200 miliardi di dollari

Lo spazio DeFi può essere sostanzialmente suddiviso in tre tipi di applicazioni: exchange decentralizzati (DEX), protocolli di prestito (Lending) e lo yield farming.

In pratica, DeFi Coin trova applicazione in tutti e tre, ed è questo che lo rende così allettante per coloro che vogliono guadagnare dalla finanza decentralizzata o per chi desidera semplicemente speculare sul futuro aumento di valore previsto per il token DEFC.

Ma la DeFi non si fermerà alle tre aree sopra identificate: l’intera finanza è suscettibile a interruzione da parte delle reti decentralizzate, che eliminano la necessità di intermediari fidati e ciò porta spesso a una serie di inefficienze e costi gonfiati.

Nel primo trimestre del 2022 i protocolli del settore DeFi avevano un valore bloccato totale di circa 200 miliardi di dollari.

Dal settore bancario alla gestione dei fondi, dai mutui alle obbligazioni, la Finanza Decentralizzata continuerà a prendere sempre più piede. Sicuramente ci sono sfide da affrontare, come la mancanza di interoperabilità tra blockchain e un contesto normativo oscuro, ma tutti questi aspetti stanno diventando ogni giorno più gestibili.

Inoltre, come spesso accade con i nuovi progetti di criptovalute, soprattutto nella finanza decentralizzata dove nuovi progetti DeFi vengono lanciati ogni settimana, l’entusiasmo iniziale può svanire. A volte l’interesse intorno ai nuovi progetti DeFi è stimolato artificialmente da ricompense una tantum pagate ai trader sotto forma di token (airdrops). Ciò serve in definitiva a incoraggiare trader e investitori costantemente alla ricerca di guadagni a breve termine.

Invece, Defi Coin ha scelto di andare contro questo tipo di speculazione a breve termine scegliendo di rivolgersi agli investitori a lungo termine. Unico tra i protocolli decentralizzati, DeFi Coin fin dall’inizio ha cercato di incentivare l’adozione a lungo termine del token DEFC.

Il trend negativo del 2021

Tuttavia, intorno al progetto persistono degli speculatori a breve termine che hanno influito nel rallentare l’implementazione del suo DEX. Ciò ha chiaramente messo alla prova la pazienza degli investitori.

Ma a suo merito, il team non ha virato dall’intento dichiarato di costruire una piattaforma orientata alla longevità e di educare i consumatori di tutto il mondo sui vantaggi della finanza decentralizzata. Nel 2021, passando dall’euforia alla depressione, il prezzo del DEFC è salito al massimo storico di $ 4,00 il 19 luglio prima di scendere la settimana successiva a $ 1,12.

Il prezzo aveva superato i fondamentali in modo drammatico. Il token ha tenuto un trend ribassista e ciò ha causato dolore a coloro che avevano acquistano ai massimi, o vicino ai massimi, e lasciato l’amaro in bocca ad altri che avrebbero potuto vendere in profitto, ma hanno preferito attendere sperando nell’imminente lancio di un DEX.

Ma dalle battute d’arresto arrivano nuove opportunità. Tutto il 2021, e i primi mesi del 2022 hanno visto DEFC perdere oltre il 90% del suo valore, l’attuale ribaltamento delle forze è il momento che molti aspettavano e oggi è arrivato il momento di tornare a comprare DeFi Coin.

Oggi, non è irrealistico tracciare un target price che potrebbe vedere DEFC tornare di nuovo a un valore sopra i 2 dollari, ossia con guadagni da 10x dal lancio del DEX. I trader a breve termine stanno già leccandosi i baffi pensando di approfittare del trend positivo per realizzare un guadagno immediato, ma ci guadagneranno anche quelli che mirano a un investimento a lungo termine.

Le dichiarazioni del CEO

Anche se potrebbero esserci state difficoltà e la carente comunicazione negli ultimi mesi da parte del team del progetto probabilmente non ha aiutato, il vero problema era la mancanza di un prodotto da offrire. Oggi, per quanto riguarda questo aspetto si è arrivati al punto di svolta.

Il fondatore del progetto Scott Ryder, quando ha parlato dei ritardi della tabella di marcia, ha fornito un resoconto riguardo le difficoltà: “Abbiamo avuto una serie di problemi tecnici da risolvere relativi alle prime decisioni di progettazione che si sono rivelate molto più problematiche da implementare in modo sicuro, rispetto a quanto inizialmente previsto”.

Ha poi aggiunto: “Non lanceremo mai un prodotto che non sia solido come una roccia, e una corsa sconsiderata a rilasciare un prodotto qualsiasi sarebbe stato un pericolo molto più grande per gli investitori, piuttosto meglio un ritardo. Certamente, ciò ha consentito al sentimento negativo di accumularsi attorno alla mancata apparizione del DEX, ma coloro che sono rimasti sul progetto ne trarranno i frutti”.

Il fondatore di DeFi Coin, Scott Ryder, ha detto: “Chi ha tenuto duro holdando DEFC ne trarrà vantaggio”.

Il team di DeFi Coin

Ma perché il team non si è preoccupato di comunicare i suoi problemi e di indicare la strada da percorrere ai suoi primi investitori?

Ryder è ottimista. “La DeFi è un costrutto rivoluzionario e stavamo cercando di fare qualcosa di un po’ diverso da tutti gli altri. La fee sulle transazioni del 10%, combinata con la tranquillità che deriva dal nostro sistema di ricompense statico, è qualcosa che non vedrai altrove nella DeFi”.

Continua Ryder: “Avremmo potuto continuare a pubblicare notizie dicendo che eravamo in ritardo, ma questo probabilmente non sarebbe stato sufficiente per il più accanito dei nostri critici. Quindi siamo andati avanti in silenzio, seguendo la nostra tabella di marcia, e in settimana abbiamo rilasciato la prima versione del nostro DEX”.

Quindi, il team intende migliorare le relazioni con gli investitori in futuro?

Ryder assicura: “Telegram è uno dei nostri canali di comunicazione principali e abbiamo dovuto disattivare la funzione di chat a causa dell’accumulo di messaggi che aveva superato il limite. Le continue critiche e preoccupazioni lo avevano fatto diventare uno spazio inutile che ha contribuito a far allontanare inventori seri e impegnati, e stava diventando sempre più un forum per la diffusione di paura , incertezza e dubbio”.

Leggi pure
Le criptovalute arrivano nel settore immobiliare. A New York proprietà da $29 milioni da pagare in Bitcoin

Defi Coins e DeFi Swap: quotazioni e piani futuri

Ryder afferma che il team svelerà i piani futuri nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, tutti aspetti che faranno salire il prezzo di DEFC alle stelle.

Oltre che su PancakeSwap, DEFC è attualmente quotato anche sull’exchange centralizzato Bitmart, ma sono in corso piani per accelerare diversi listing su altri CEX. Ryder spiega: “Divideremo il wallet principale in tre parti. Lo scopo è far sì che il portafoglio principale fornisca liquidità a tutti i principali exchange centralizzati su cui stiamo pianificando di far quotare DEFC”.

DEFC ha una tassa sulle transazioni del 10% su vendite e acquisti, di cui la metà viene automaticamente trasferita ai possessori del token.

Allora a cosa serviranno gli altri due wallet?

“Avremo un wallet per le spese di marketing, e un terzo portafoglio dedicato a finanziare il nostro lavoro di sviluppo sull’exchange e per contribuire a fornire liquidità al maggior numero possibile di coppie di token su DeFi Swap”.

Ryder ha affermato che il portafoglio di marketing sarà impostato per vendere DEFC al tasso di $ 500 l’ora. Inoltre, sono in programma dei progetti riguardo agli NFT e per creare un’ecosistema che permetta di fare swap-earn-farm-stake nel migliore dei modi.

DeFi Swap offre attualmente quattro piani di staking con rendimenti molto interessanti per il farming di DEFC:

  • Bronze: 30 giorni – 30% APY
  • Silver: 90 giorni – 45% APY
  • Gold: 180 giorni – 60% APY
  • Platinum: 365 giorni – 75% APY

Ryder ha una visione rialzista sul futuro della finanza decentralizzata e della sua famiglia di prodotti DeFi.

A tal proposito il CEO di DeFi Coin dice: “Anche se i banchieri centrali di tutto il mondo iniziassero ad aumentare i tassi di interesse, i rendimenti offerti ai prestatori sono ancora scarsi rispetto ai rendimenti a due cifre, e talvolta a tre cifre, offerti da Liquidity Pool, staking e yield farming disponibili in DeFi”.

Ciò dovrebbe contribuire a una crescita stellare di DeFi Coin che, insieme a DeFi Swap, è da considerare un veicolo eccellente per ottenere degli ottimi rendimenti su una piattaforma DeFi.

Link Utili

DeFi Coins: deficoins.io/

DeFi Swap: defiswap.io/en/swap

WhitePaper: DeFi_Coin_(DEFC)

Canale Telegram: t.me/DeFiSwapGroup


Sandra Giuliano

Esperta in Finanza personale, Trading e Investimenti

Esperta di Economia, Trading, Investimenti e Finanza Personale. Laureata nel 2008 in Economia aziendale e management all'Università Bocconi di Milano collaboro con Finaria dal 2013 con l'intento di divulgare la mia conoscenza e le mie esperienze personali e lavorative nel campo della trading e degli investimenti in generale.

Esperta di Economia, Trading, Investimenti e Finanza Personale. Laureata nel 2008 in Economia aziendale e management all'Università Bocconi di Milano collaboro con Finaria dal 2013 con l'intento di divulgare la mia conoscenza e le mie esperienze personali e lavorative nel campo della trading e degli investimenti in generale.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *