Home Ripple e Greenpeace vogliono un Bitcoin con Proof of Stake
Notizie

Ripple e Greenpeace vogliono un Bitcoin con Proof of Stake

Numerosi gruppi ambientalisti, tra cui Greenpeace e organizzazioni di attivisti, locali hanno deciso di formare un consorzio per evidenziare l’impatto ambientale di Bitcoin. Infatti, è risaputo che il mining della regina delle criptovalute richiede un’enorme quantità di energia elettrica, che spesso viene prodotta con metodi inquinanti.

L’iniziativa è chiamata “Change the Code, Not the Climate” e gli annunci del consorzio saranno pubblicati su testate come New York Times, Politico e The Wall Street Journal. 

L’obiettivo? Persuadere la comunità di Bitcoin a modificare il codice esistente per passare da un algoritmo di consenso “Proof of Work” a un meccanismo “Proof of Stake” che necessita del 99% di energia in meno. Vediamo nel dettaglio come potrebbe diventare realtà questo passaggio.

Se si avverasse, significherebbe la fine di un protocollo sicuro, inattaccabile e veramente alternativo al denaro centralizzato. Invece, a guardare la valutazione e le previsioni Bitcoin notiamo la grande fiducia di tanti che investono e credono in questa criptovaluta.

Da PoW a PoS: cosa cambia?

Secondo quanto riferito dal Cambridge Bitcoin Electricity Consumption Index, la rete Bitcoin utilizza circa 130 terawatt/ora all’anno, una quantità di elettricità simile a quella utilizzata da Norvegia e Ucraina. Da qui a 5 anni, Bitcoin potrebbe consumare tanta energia quanto il Giappone.

Consumi elettrici annui

Anche Ethereum, la seconda criptovalute per capitalizzazione di mercato, si affida al PoW ma è nel mezzo del passaggio al PoS, che potrebbe contribuire ad una riduzione del 99,95% del consumo totale di energia.

Bitcoin potrebbe essere davvero il prossimo progetto ad abbracciare un simile cambiamento? I dubbi non mancano e i fanatici di questo token, per adesso, non ne vogliono sapere. Di sicuro la discesa in campo di un’organizzazione così importante come Greenpeace farà clamore.

Notizie

Dash 2 Trade raccoglie $14,65 mln – 2 giorni alla quotazione CEX dell’11 gennaio

Cosa dice Larsen? 

Larsen, co-fondatore di Ripple, afferma che se la criptovaluta più importante del mondo dovesse passare da PoW a PoS, potrebbe finalmente risolvere i presunti problemi di energia derivanti dalla produzione di criptovalute. 

In questo contesto, è importante sottolineare che alcuni dei protocolli più recenti come Solana e Cardano sono basati sul basso consumo energetico. Larsen ha anche negato che la campagna “Change the Code, Not the Climate” sia contro Bitcoin.

Infatti, essendo Ripple uno dei concorrenti di Bitcoin, Larsen afferma che: “se fossi realmente preoccupato per Bitcoin, probabilmente la cosa migliore che potevo fare è lasciare che continuasse su questa strada. Si tratta solamente di un percorso insostenibile”.

La decisione da parte di Larsen di finanziare la campagna è da rintracciare nella sua sensazione che gli investitori potrebbero allontanarsi da Bitcoin a meno che non ci sia un repentino cambiamento. Il co-fondatore di Ripple ha sottolineato che tifa per entrambi i progetti: Ethereum e Bitcoin. La campagna avrà successo?

È innegabile che l’impatto ambientale della rete di Bitcoin è uno dei dibattiti più discussi negli ultimi anni. Tuttavia, è importante sottolineare che la community di miner e sviluppatori ha attualmente rifiutato qualsiasi tipo di modifica al progetto di Satoshi Nakamoto

Sprechi energetici

Ma invece che pensare al consumo energetico, non ci si dovrebbe preoccupare al modo in cui questa energia viene prodotta? Dire che Bitcoin inquina è chiaramente una forzatura, dato che si tratta di un bene digitale, piuttosto ci si dovrebbe preoccupare degli sprechi energetici o dell’aumento delle spese militari, visti gli elevati aumenti di emissioni tossiche derivati dalla produzione e dall’utilizzo di mezzi e armamenti.

In questo caso, però, si andrebbero a intaccare gli interessi di una delle più potenti lobby industriali al mondo e, forse, Greenpeace non può permetterselo.

La scusa dell’impatto ambientale sarà la motivazione valida affinché alcune crypto come Bitcoin cambino orientamento? Difficile a dirlo in questi tempi, soprattutto quando molte nazioni, tra cui Italia, Cina e Germania tornano ad accendere le centrali a carbone per sopperire alle mancanze conseguenti la decisione di imporre sanzioni alla Russia. Con tanti saluti ad un approccio sempre più green. 

Domande e Risposte (0)

Hai una domanda? Il nostro team di esperti ti risponderà. Invia il mio commento

Lascia un commento

Scrivi la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Baldassare Poma

Baldassare Poma

Mi considero esperto di finanza e appassionato di criptovalute, settori in cui mi sono formato da autodidatta iniziando con i libri di Graham e Kiyosaki. Mi interesso di geopolitica per capire come sta cambiando il mondo e come potrebbero indirizzarsi i mercati nel lungo periodo e considero l'analisi tecnica uno strumento ormai totalmente superato. Amo studiare i mercati emergenti e le ultime frontiere dell'investimento, anche per questo Blockchain, DeFi, crypto exchange e le piattaforme dei broker online sono il mio pane quotidiano. Anche se credo che il mercato delle criptovalute debba ancora esprimere il suo potenziale, sono convinto che ci sia troppa spazzatura che come una zavorra deve essere mollata per fargli prendere il volo. Nel tempo libero frequento i casinò, sia fisici che online, soprattutto per dar sfogo alla mia passione per il blackjack e il poker. Questo mi ha dato una discreta esperienza nella selezione delle piattaforme migliori e dei giochi più remunerativi. Su Finaria cerco di trasferire la mia esperienza in questi ambiti, provando a comunicare in modo semplice e chiaro, con l'intento di trasferire le mie conoscenze a chi ambisce all'indipendenza finanziaria o vuole semplicemente farsi un reddito passivo. Nella vita privata cerco di ritagliarmi del tempo per stare all'aria aperta, studiare il sax, leggere almeno un libro al mese e viaggiare almeno una volta all'anno.