Da qualche tempo a questa parte, anche le persone già in pensione possono accedere a varie tipologie di prestiti, usufruendo anche di agevolazioni particolari, nonostante la loro età già un po’ avanzata.

Tutti i tipi di prestito già esistenti e disponibili per i lavoratori autonomi e dipendenti sono stati estesi alle casse pensionistiche quali, tra le più conosciute, Inpdap, Ipost (Istituto Nazionale Previdenziale Lavoratori Postali) ed Inps (Istituto Nazionale Previdenza Sociale).

Nonostante i pensionati non siano più in forza lavoro, possono attivare i prestiti a loro dedicati facendone richiesta entro il compimento del settantacinquesimo anno di età e solo in alcuni casi, entro l’ottantesimo anno di età.

I prestiti inpdap ed prestiti per i pensionati, possono essere richiesti ed attivati direttamente presso le casse pensionistiche oppure nelle agenzie di mediazione creditizia regolarmente iscritte e riconosciute dalla Banca d’Italia.

L’ente erogante del prestito per pensionati, sia nel caso di agenzie di mediazione creditizia, sia nel caso di cassa previdenziale, valuterà la richiesta dell’interessato, secondo varie condizioni di finanziabilità quali:

  • l’età del richiedente;
  • il cedolino della pensione;
  • il modello Obis M;
  • il modello cud riferito ai redditi dell’anno precedente alla richiesta;
  • l’importo minimo della pensione che deve essere superiore a 500 Euro.

Oltre a tutti questi documenti, per la valutazione della finanziabilità, le agenzie eroganti del prestito, invieranno un questionario da fare compilare direttamente dal medico del pensionato richiedente dove si attesta la buona salute ed il rischio vita del pensionato richiedente.

Una volta pervenuti e valutati tutti i documenti del pensionato, l’agenzia si esprimerà sulla possibilità di attivare il prestito richiesto. In qualsiasi caso, la cassa previdenziale sarà il garante del pensionato richiedente.

Leggi pure
Cosa sono i Prestiti Personali (o Non Finalizzati)

Nel caso in cui il pensionato sia regolarmente finanziabile, sarà possibile proseguire con la valutazione del rimborso dello stesso prestito che può avvenire i differenti modi. In tutte le tipologie di prestito, è compresa un’assicurazione rischio vita a tutela del pensionato, dei familiari e dell’ente erogante.

Mentre l’erogazione del prestito, generalmente viene fatta o con diretto bonifico bancario o con assegno circolare non trasferibile inviato al domicilio con assicurata, il rimborso può essere corrisposto con la cessione del quinto della pensione o altre forme di pagamento.

La cessione del quinto della pensione non è altro che la trattenuta di una somma, al massimo pari ad 1/5 di una mensilità netta di pensione, dall’importo della pensione erogata mensilmente dalla cassa di previdenza.

Con la cessione del quinto della pensione, anche i pensionati che sono stati protestati o hanno avuto ritardi in pagamenti passati oppure risultano cattivi pagatori o hanno subito pignoramenti di vario tipo, possono attivare il prestito di cui hanno bisogno.

Se il pensionato richiede attiva il prestito in un’agenzia di mediazione creditizia, la cassa previdenziale non sarà del tutto dissociata dall’operazione poiché sarà suo compito trattenere al pensionato e versare all’agenzia la rata mensile del rimborso.

Il tempo di erogazione del prestito ai pensionati può variare secondo le tempistiche di invio della documentazione e del benestare relativo al rimborso, proveniente dalla cassa previdenziale.
Il tempo di rimborso del prestito per i pensionati, invece, viene concordato in sede di firma del contratto e può variare da un minimo di 24 mesi ad un massimo di 120 mesi totali.

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe Interessarti

LIMITAZIONI DI RESPONSABILITA'

Su Finaria.it parliamo spesso di Investimenti azionari e di Forex Trading, è bene ricordare ai nostri visitatori che il Forex Trading comporta un elevato livello di rischio e può non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di effettuare una registrazione o di cominciare a fare trading online con il forex o attraverso i broker di CFD, si prega di approfondire tutti i rischi associati a questa attività. Tutte le informazioni che troverete su Finaria.it sono pubblicate solo per scopi informativi. Noi non diamo assolutamente alcuna garanzia riguardo la precisione e l'affidabilità di queste informazioni. Qualsiasi azione prenderete sulla base delle informazioni fornite dal nostro sito è rigorosamente a vostro rischio e pericolo e lo staff di Finaria non sarà responsabile di eventuali perdite e / o danni in relazione all'uso delle informazioni o notizie fornite dal nostro sito web.


DIRITTO D'AUTORE

Tutti i contenuti testuali su Finaria sono protetti da copyright e dalle leggi sulla proprietà intellettuale. L'utente non può riprodurre, distribuire, pubblicare o trasmettere qualsiasi contenuto, frase, immagine senza indicare il sito web www.finaria.it come fonte. Finaria non rivendica il copyright sulle immagini usate sul sito web, tra cui loghi, immagini e illustrazioni varie.