Perché holdare Lucky Block? La guida per capirlo

Jastra Kranjec

Giornalista e sostenitrice della Modern Money Theory.


Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.

Una delle ultime novità di Lucky Block è che, dopo una fase di prevendita terminata due settimane prima del previsto, si sta preparando per il lancio su PancakeSwap. Oltre a decine di possibilità di utilizzo, Lucky Block consente di accedere ad una serie di vantaggi per gli investitori anche semplicemente detenendo il token LBLOCK.

Ecco perché abbiamo pensato potesse essere utile una guida per capire quali sono i vantaggi, cos’è nel dettaglio il token LBLOCK e i benefici di holdarlo nel lungo periodo.

Cos’è Lucky Block?

Lucky Block non è altro che una piattaforma di cripto-lotteria basata sulla Binance Smart Chain che rivoluzionerà per sempre il settore delle lotterie online. Le estrazioni, infatti, saranno fatte attraverso la tecnologia blockchain con l’obiettivo di migliorare sensibilmente trasparenza e equità. Inoltre, tutti potranno partecipare alla lotteria offerta da Lucky Block e ciò consentirà alla piattaforma di organizzare più estrazioni durante lo stesso giorno.

LBLOCK, il token nativo della piattaforma, assolve ad un ruolo fondamentale perché consente agli utenti di acquistare i biglietti.

La prevendita di Lucky Block è andata esaurita molto più rapidamente del previsto, portando gli sviluppatori ad anticipare il listing del token su PancakeSwap al 26 gennaio. l’aspettativa è altissima anche perché, attualmente, Lucky Block ha oltre 19.000 membri sul suo canale Telegram.

Perché holdare Lucky Block?

Gli sviluppatori hanno deciso di integrare una serie di vantaggi per tutti coloro i quali decidano di holdare Lucky Block. Infatti, come indicato nello stesso white paper del progetto, il 10% di ogni jackpot sarà donato in beneficenza e un altro 10% sarà distribuito tra i possessori del token.

Chi è in possesso del token, riceverà i premi direttamente tramite l’applicazione e ciò significa che avverrà tutto in maniera automatica.

I premi sono paragonabili a dei veri e propri dividendi che le società distribuiscono ai loro azionisti. In definitiva questa è una delle priorità principali di Lucky Block: aumentare il numero di persone che partecipano alle estrazioni del lotto sulla piattaforma per aumentare gli importi del jackpot e aumentare i pagamenti dei dividendi per i titolari di LBLOCK.

Gli sviluppatori di Lucky Block prevedono che il coin venga presto listato sui principali exchange centralizzati come OKEx, Crypto.com, KuCoin e Binance.

In ogni caso, una volta che LBLOCK sarà presente su PancakeSwap a partire dal 26 gennaio, l’aumento della liquidità consentirà agli investitori di avere un modo semplice per accedere a Lucky Block ovunque essi si trovino.

Chi si sta occupando del progetto stima che tra 25.000 e 50.000 persone deterranno LBLOCK entro la fine di marzo 2022, fornendo una solida base di investitori che aiuterà ad aumentare i jackpot e i dividendi per chi decide di holdare Lucky Block.

Leggi pure
Le criptovalute arrivano nel settore immobiliare. A New York proprietà da $29 milioni da pagare in Bitcoin

Distribuzione dei dividendi: Come funziona?

Lo abbiamo anticipato nelle righe precedenti, ma i dividendi di Lucky Block saranno una delle caratteristiche più interessanti di tutto il progetto che consentiranno agli investitori di ottenere del reddito passivo.

Gli importi dei dividendi saranno basati sull’importo del jackpot giornaliero, che a sua volta è derivato dalla percentuale di possessori di gettoni che acquistano un biglietto del lotto e dalla quantità di denaro speso per i biglietti della lotteria.

Facciamo un esempio per capire meglio la situazione. Consideriamo un numero di 25.000 possessori di LBLOCK prima del lancio e supponiamo che il 50% di questi acquisti un biglietto per $5, aggiungendo anche il 4% dell’imposta sulle transazioni aggiunta al pool della lotteria. Tutto ciò si traduce in un jackpot giornaliero, pari al 70% della pool, di $54.950, una donazione di $7.850 e un dividendo del 19.1% per tutti gli holder di LuckyBlock.

Un altro esempio di dividendi di Lucky Block

Uno degli aspetti più interessanti è che gli altri possessori di LBLOCK riceveranno la distribuzione dei dividendi indipendemente dal fatto che acquistino o meno il biglietto della lotteria.

Supponendo che Simone detenga $1.000 di LBLOCK nel suo portafoglio (0,07% del totale LBLOCK detenuto sulla piattaforma) e acquisti un biglietto da $5 per un’estrazione giornaliera della lotteria del valore di $54.950. In base all’importo designato per gli holder di LBLOCK, riceverà un dividendo di $0,52 da quella sola estrazione.

Qualora Simone decidesse di detenere questo importo di LBLOCK per il resto dell’anno, otterrebbe un ritorno del 19,5% sulle sue partecipazioni. Si tratta di una percentuale più alta di qualsiasi conto in banca, e la percentuale potrebbe aumentare ulteriormente se molte più persone continuano ad holdare LBLOCK e sempre più partecipano alla lotteria.

Ciò avverrebbe anche nel caso in cui il prezzo di LBLOCK dovesse aumentare. Infatti, aumenterebbe anche il dividendo giornaliero ricevuto. Infine, c’è anche la possibilità di vincere uno dei jackpot giornalieri della lotteria, fornendo un ulteriore incentivo per holdare LBLOCK e acquistare i biglietti per l’estrazione.

Per maggiori info:

Iscriviti al nostro Canale Telegram per restare aggiornato sulle ultime notizie.


Jastra Kranjec

Giornalista e sostenitrice della Modern Money Theory.

Giornalista e sostenitrice della Modern Money Theory. Ha organizzato diverse conferenze in tutta Europa per divulgare questa moderna teoria economica. Appassionata di micro e macro economia, si dichiara una fan degli economisti post-keynesiani a partire da Joan Robinson.

Giornalista e sostenitrice della Modern Money Theory. Ha organizzato diverse conferenze in tutta Europa per divulgare questa moderna teoria economica. Appassionata di micro e macro economia, si dichiara una fan degli economisti post-keynesiani a partire da Joan Robinson.


condividi l'articolo sui social

Commenta per primo questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *