Oggi 20 Luglio 2015 è il giorno del debutto di PayPal (PYPL) in borsa (Nasdaq).

Dopo l’annuncio ufficiale di qualche settimana fa, il più grande sito di pagamenti online si è definitivamente staccato da da Ebay Inc.

Il Presidente e Ceo di eBay Inc. John Donahoe ha rilasciato una dichiarazione ufficializzando la separazione delle due aziende:

“Ebay e Paypal sono due aziende molto speciali, indipendenti e separate. Ebay guidata da Devin Wening e PayPal guidata da Dan Schulman, avranno modo d’ora in poi di concentrarsi nei rispettivi business e di ottenere così maggiore flessibilità”

“Sono fiducioso che eBay e PayPal avranno in questo modo la possibilità di creare valore a lungo termine per gli azionisti e di fornire grandi opportunità e servizi unici ai clienti di tutto il mondo”.

L’annuncio è avvenuto il mese scorso alla chiusura dei mercati finanziari, ed oggi dopo 22 giorni d’attesa, sarà finalmente possibile acquistare azioni PayPal e azioni Ebay.

I Numeri di PayPal (PYPL)

Ma guardiamo un po’ i numeri di PayPal (PYPL) in questi ultimi anni:

  • 165 Milioni di Clienti Attivi
  • 1 milione di transazioni mobile
  • 4 miliardi di transazioni ogni anno

 

Paypal in borsa

 

Come comprare Azioni Paypal (PYPL) dall’Italia

Paypal ha deciso di entrare in borsa sull’indice Nasdaq, per acquistare azioni sarà quindi necessario avere un conto di broker online. Stessa cosa se si ha intenzione di acquistare eBay o i titoli di qualsiasi altra azienda americana. Online è possibile trovare centinaia di broker tra cui scegliere. In ogni caso vi consigliamo di scegliere broker fidati e certificati. Uno di questi è Plus 500 (CFD service) che vi permetterà di acquistare azioni PayPal in maniera piuttosto semplice e istantanea:

Leggi pure
Cosa sono le Obbligazioni?


 

Paypal acquistare azioniConviene acquistare azioni PayPal o ebay?

Vista la crescita di PayPal negli ultimi anni e il fervore dell’entrata in borsa di quest’ultima, il nostro consiglio è quello di considerare con maggiore attenzione il titolo PYPL piuttosto che eBay. Oltre questo, PayPal è attualmente azienda leader nei pagamenti online, ed è davvero difficile che venga scalzata nell’imminente da qualche altro competitor, leggi Apple Pay. D’altra parte, eBay, ha subito negli ultimi anni un sostanzioso calo in termini di profitti e i competitors sono parecchio più agguerriti e più “motivati” dell’oramai piuttosto anziano (3 settembre 1995, ndR) sito di aste.

PayPal ha effettuato la scissione da eBay proprio perché i vertici delle due aziende hanno compreso il limite sostanziale nel mantenere sotto lo “stesso tetto” due aziende così diverse tra loro. La loro previsione è che separando le due aziende e con l’ingresso di PayPal (PYPL) in borsa, il prezzo delle azioni delle singole aziende potrà essere superiore al prezzo attuale delle azioni eBay.

Ogni singola azienda, così facendo, potrà concentrarsi sul proprio business individuale senza confondere l’azionista in alcun modo.


*Your capital is at risk

Ci sono 2 commenti per questo articolo
  1. Saro Maione 7 agosto 2015 11:23

    Adesso non penso abbia tanto senso acquistare azioni Paypal in borsa. Considerando quello che ha guadagnato negli ultimi giorni, piuttosto penserei di acquistare azioni ebay, dato che hanno avuto una perdita del 50% dalla scissione…

    • Giacomo Pr 25 febbraio 2016 10:45

      Sei ancora sicuro di quello che hai detto? Le azioni Paypal stanno mantenendo le promesse e quelle ebay sono ancora sotto i minimi. Quando parlate cercate di usare il buon senso e pensate al fatto che molte investitori sprovveduti potrebbero seguire i vostri consigli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe Interessarti

LIMITAZIONI DI RESPONSABILITA'

Su Finaria.it parliamo spesso di Investimenti azionari e di Forex Trading, è bene ricordare ai nostri visitatori che il Forex Trading comporta un elevato livello di rischio e può non essere adatto a tutti gli investitori. Prima di effettuare una registrazione o di cominciare a fare trading online con il forex o attraverso i broker di CFD, si prega di approfondire tutti i rischi associati a questa attività. Tutte le informazioni che troverete su Finaria.it sono pubblicate solo per scopi informativi. Noi non diamo assolutamente alcuna garanzia riguardo la precisione e l'affidabilità di queste informazioni. Qualsiasi azione prenderete sulla base delle informazioni fornite dal nostro sito è rigorosamente a vostro rischio e pericolo e lo staff di Finaria non sarà responsabile di eventuali perdite e / o danni in relazione all'uso delle informazioni o notizie fornite dal nostro sito web.


DIRITTO D'AUTORE

Tutti i contenuti testuali su Finaria sono protetti da copyright e dalle leggi sulla proprietà intellettuale. L'utente non può riprodurre, distribuire, pubblicare o trasmettere qualsiasi contenuto, frase, immagine senza indicare il sito web www.finaria.it come fonte. Finaria non rivendica il copyright sulle immagini usate sul sito web, tra cui loghi, immagini e illustrazioni varie.