Assicurazione medica per gli immigrati si può fare?

È possibile e necessario aprire il mercato delle assicurazioni anche agli stranieri? Sicuramente sarebbe un’opzione interessante pensare a delle polizze sanitarie per gli immigrati che si trovano a lavorare e vivere nel nostro Paese. I flussi migratori si sono fatti sempre più imponenti, creando delle condizioni favorevoli perché diversi aspetti del mercato ne prendano in considerazione la portata che può avere un impatto interessante anche dal punto di vista social, oltre che economico.

Non va dimenticato, inoltre, che all’estero le polizze sanitarie sono molto diffuse e dunque, per uno straniero, sono uno di quei servizi irrinunciabili che sicuramente percepisce come necessario anche nel nostro Paese.

Va da sé, tuttavia, che delle assicurazioni calibrate sui bisogni degli immigrati devono presentare delle caratteristiche peculiari, adattandosi a svariate esigenze, differenti da quelle di chi è nato in Italia. Gli Italiani, infatti, non trovano le polizze sanitarie particolarmente convenienti, e ciò dipende sia dalla strutturazione stessa del Servizio Sanitario, che dalla scarsa propensione all’acquisto di coperture assicurative.

Dall’altro lato, tuttavia, vengono richieste spesso delle condizioni particolari per accedere ad un range complesso e soddisfacente di servizi, come ad esempio, l’ottenimento di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. In questo caso, è prassi che le coperture assicurative diventino molto elevate, garantendo delle prestazioni eccellenti.

Se si dovesse avere bisogno di assistenza speciale per tutta la documentazione da produrre e per la compilazione corretta dei moduli richiesti dalla compagnia assicurativa, non va dimenticato che il proprio consolato sarà a disposizione per ogni evenienza del caso.

Condividi questo articolo

Esperta di Economia e Investimenti. Il mio lavoro è scrivere scrivere e ancora scrivere. Cercami su Google + e leggi tutti i miei post!